Berlusconi già incandidabile? Pdl-Lega alzano barricate

Pubblicato il 12 agosto 2013 da redazione

ROMA – Il centrodestra fa quadrato attorno a Silvio Berlusconi. E di fronte alla legge anticorruzione (votata con 480 sì, 19 no e 25 astenuti) e al decreto attuativo firmato da Monti e dai tre ministri Filippo Patroni Griffi, Anna Maria Cancellieri e Paola Severino, tenta una difesa ”di carattere interpretativo” della norma che sancisce l’incandidabilità di chi è condannato con sentenza definitiva a più di due anni di reclusione.

– La Legge Severino, come tutte quelle del governo Monti, sono solo leggi manifesto incomplete – tuona il leghista Roberto Calderoli che azzarda un’ipotesi: siccome è l’art. 66 della Costituzione che attribuisce a ciascuna Camera il giudizio sui titoli di ammissione dei suoi componenti e delle cause sopraggiunte di ineleggibilità e incompatibilità, ”se dovessimo tornare al voto prima del pronunciamento del Senato, Silvio Berlusconi potrebbe candidarsi sia alla Camera che al Senato della Repubblica”.

Nel sostenere questa tesi, Calderoli prende le distanze sia dal presidente della Giunta per le Immunità Dario Stefano (Sel), a cui tocca sbrogliare la matassa della decadenza da senatore del Cav, sia da Francesco Nitto Palma, numero uno della commissione Giustizia del Senato. Dal primo perché ”sostiene l’impossibilità della candidatura di Berlusconi a future elezioni politiche”. Dal secondo perché afferma che, in caso di scioglimento delle Camere, sull’ammissibilità della candidatura di Berlusconi giudicherebbe la Corte d’Appello e, nel caso ”si potrebbe presentare ricorso al Tar”.

Secondo Calderoli, invece, la soluzione sarebbe un’altra:

– Se si dovesse tornare al voto dopo che il Senato abbia dichiarato la sua decadenza, Berlusconi potrà legittimamente candidarsi a deputato e solo la Camera successivamente potrà giudicare sulla sua ammissione, ovvero sulla sua ineleggibilità o incompatibilità.

Forse Calderoli, si fa osservare nella maggioranza, non si rende conto che la norma sull’incandidabilità ”è chiarissima” e che sulle candidature c’è un triplice vaglio. La prima parola spetta all’Ufficio elettorale che deve valutare se ci sono le condizioni o meno perché qualcuno possa essere messo in lista. Poi, c’è la Corte d’Appello che fa una verifica degli eletti. Infine, se i due precedenti filtri non fossero riusciti a bloccare l’ingresso in Parlamento di chi non ha i titoli a candidarsi, ci sarebbe sempre la Giunta per le Immunità a dire il ‘no’ definitivo.

Ma è solo la Giunta, invece, che ha voce in capitolo quando il condannato è già parlamentare. Tocca solo a lei, sempre secondo le norme vigenti, pronunciarsi sulla sua decadenza. E per far questo deve seguire una procedura ben precisa, prevista dal Regolamento per la funzione dei poteri, che dovrebbe concludersi, secondo Stefàno entro ottobre. Poi spetterà all’Aula prendere atto della decisione o contestarla attraverso il voto a scrutinio segreto di un ordine del giorno che potrebbero mettere a punto 20 senatori.

La norma del decreto legislativo firmato da Monti, incalza nel Pd, ”parla comunque sin troppo chiaro”: non può essere candidati né può ricoprire incarichi di governo chi ha riportato condanne definitive a pene superiori a 2 anni di reclusione, per delitti non colposi, consumati o tentati, per i quali sia prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a quattro anni. E l’incandidabilità non può durare meno di 6 anni. L’unica chance di ribaltare il verdetto potrebbe ‘affacciarsi’ tra tre anni. Dopo tale periodo, infatti, il condannato, se in precedenza incensurato, può sempre chiedere di venire ‘riabilitato’

Berlusconi cerca strategia per uscire dall’angolo
“Ma lui come sta? Vi ha detto cosa vuole fare?”. Le domande a quei pochi che in questi giorni riescono ad avere contatti con Silvio Berlusconi sono sempre le stesse. C’è attesa per le mosse del Cavaliere. A sentire ‘falchi’ e ‘colombe’, chiuso nella sua villa di Arcore l’ex premier in alcuni momenti appare pronto a mollare gli indugi per giocarsi la carta del “verdetto delle elezioni”; in altri il Cavaliere torna a più miti consigli e “confida in Napolitano e Letta per una soluzione”.

Forse, l’espressione più giusta è “ondeggiante”. Il lancio in grande stile della campagna per il ritorno a Forza Italia gli avrebbe ridato fiducia.

– La gente è ancora con me. E’ un segnale fortE – avrebbe confidato. Di certo c’è che Berlusconi vuole essere informato in prima persona dell’evolversi della campagna, vuole capire direttamente se l’operazione sta riuscendo.

Sono oltre 1500 i manifesti giganti con le immagini di Berlusconi sul palco di via dell’Umiltà e presto decine di aerei con striscioni pro-Cav voleranno sopra le spiagge di mezza Italia. I ‘falchi’ sono convinti di aver segnato un punto a loro favore. E lavora ad “una grande manifestazione a Milano a settembre”.

Dall’altro lato, invece, le ‘colombe’. Sono parlamentari e dirigenti del Pdl che puntano a tenere aperti e saldi i canali di comunicazione con Palazzo Chigi e Colle. Invitano il Cavaliere a non lasciarsi andare a gesti improvvidi. Si tratta di un terreno minato, nel quale non possono esservi né promesse né rassicurazioni, ma i ‘pontieri’ non demordono. Dopo la prima reazione che ha ricompattato il partito dopo la sentenza della Cassazione, il partito inizia a mostrare qualche evidente segno di divisione al suo interno sul modo migliore di programmare il futuro. Il timore è che questo piccolo solco possa portare ad una spaccatura.

Reazioni opposte ha suscitato l’intervista di Pier Ferdinando Casini nella quale il leader dell’Udc parla di “nuove convergenze in nome delle comuni appartenenze europee” ma afferma anche che nel Pdl “alcuni stanno già pensando a come rimettersi in marcia”. C’è chi guarda con favore al “ravvedimento” di Casini, ma anche chi teme l’offerta.

– Quando sento parlare ancora di alleanze, di formule, di ghirigori della vecchia politica all’insegna del Ppe mi viene la nausea. E quando leggo che c’è Casini, comprendo che c’è sotto qualche tranello – sottolinea Sandro Bondi.

Secondo Osvaldo Napoli, invece, “ricostruire un centrodestra ampio da inserire nella grande corrente del popolarismo europeo è un obiettivo prezioso per tutti i moderati e riformisti”. Sembra di rileggere le reazioni alle aperte avances di Luca Cordero di Montezemolo, quando nelle scorse settimane invitava Berlusconi a “lavorare alla rifondazione di un’area liberale e moderna di centro destra”, assicurando che “molti, fuori e dentro la politica, sarebbero interessati a dare un contributo”.

Berlusconi studia gli scenari con attenzione. L’accelerazione verso Forza Italia avrà certamente degli effetti centrifughi nel Pdl ma nel partito non manca chi immagina un progetto di rilancio del centrodestra con una doppia gamba.

Ultima ora

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

21:59Argentina: milioni di pesos falsi contro la corruzione

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - In occasione della Giornata nazionale contro la corruzione, i cittadini di San Salvador de Jujuy, città dell'Argentina nordoccidentale, hanno trovato per strada una montagna di denaro falso pari a 716 milioni di pesos argentini (circa 35 milioni di euro). L'iniziativa è stata realizzata dall'ufficio provinciale anticorruzione per informare i cittadini sugli effetti negativi della corruzione. L'ufficio ha voluto realizzare, in occasione del 9 novembre in Argentina, una riproduzione in scala di tutto il denaro che non si è potuto utilizzare per la costruzione di oltre 2.200 alloggi popolari. I fondi sarebbero coinvolti nel caso che vede sotto accusa la dirigente sociale Milagro Sala, attualmente detenuta per presunta frode, associazione a delinquere ed estorsione. L'iniziativa, costituita da quattro strutture cubiche, rappresentavano gli oltre 716 milioni di pesos la cui destinazione finale non è stata ancora chiarita.

21:55Pentagono ‘ignora’ Trump, transgender possono arruolarsi

(ANSA) - WASHINGTON, 11 DIC - Il Pentagono ha annunciato che consentirà ai transgender di partecipare all'arruolamento che comincia il primo gennaio, nonostante l'opposizione del presidente Donald Trump. Una mossa che, secondo gli osservatori, riflette le crescenti pressioni legali sulla questione e le difficoltà da parte del governo federale di attuare la richiesta del tycoon di bandire i transgender dall'esercito. Le sue direttive finora sono state bocciate da due corti federali. Le aspiranti reclute dovranno tuttavia superare una serie di esami fisici, psicologici e medici che potrebbero rendere più difficile ottenere la divisa.

21:53Putin sbarcato ad Ankara, faccia a faccia con Erdogan

(ANSA) - ISTANBUL, 11 DIC - Il presidente russo Vladimir Putin è sbarcato ad Ankara, ultima tappa del suo tour de force mediorientale che oggi lo ha portato nella base russa di Hmeimim in Siria, dove ha incontrato il suo omologo Bashar al Assad, e poi al Cairo per colloqui con il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi. In Turchia, il capo del Cremlino avrà un faccia a faccia con il presidente Recep Tayyip Erdogan sulle crisi regionali - dalla Siria a Gerusalemme - e i rapporti bilaterali, con un focus sulla cooperazione energetica e il progetto russo della prima centrale nucleare turca ad Akkuyu. Negli ultimi mesi, i due leader hanno avuto numerosi contatti. Il faccia a faccia di oggi, seguito da una conferenza stampa congiunta, è il terzo nell'ultimo mese.

Archivio Ultima ora