Scoppiano rabbia e dolore in strutture che sembrano lagher

Pubblicato il 19 agosto 2013 da redazione

REGGIO CALABRIA -. Una reazione violenta alla morte, per loro ”sospetta”, di un altro immigrato, ha portato alla devastazione del CIE, centro di identificazione e di espulsione di Isola Capo Rizzuto (Crotone) che le autorità sono state costrette a chiudere perché inagibile. Una situazione difficile con la quale si dovrà confrontare la ministro per l’Integrazione Cecile Kyenge che si é recata in Calabria per un giro di tre giorni che mercoledì la porterà a visitare il Centro di accoglienza di Isola, uno dei più grandi d’Europa con i suoi oltre mille posti, alle cui spalle si trova il Cie, chiuso. ”Se chiudono il Cie di Bologna e di Modena registriamo problemi a Gorizia ed in Calabria – ha detto la ministro -. Significa che un problema c’è. E allora è necessario fare il punto della situazione e capire effettivamente quale è l’utilizzo di questi centri e la loro opportunità”. A scatenare la rivolta, il 10 agosto scorso, era stata la morte di un cittadino marocchino di 31 anni. Dai primi accertamenti il decesso potrebbe essere stato causato da una cardiopatia di cui l’uomo pare soffrisse, ma la spiegazione non è bastata agli altri 51 migranti che hanno distrutto arredamenti ed il sistema di videosorveglianza. Una situazione che ha costretto la Prefettura, una decina di giorni fa, a chiudere la struttura e trasferire i migranti in altri centri. La vicenda del Cie di Isola Capo Rizzuto ha rinfocolato le polemiche sulle condizioni delle strutture.

“Le immagini di Pachino e della catena umana che salva donne e bambini dall’annegamento sono il simbolo di un’Italia che guarda all’accoglienza con speranza e che contrasta con le politiche scellerate sull’immigrazione di questi anni. Politiche che hanno causato tragedie e lasciato troppi corpi inermi nei nostri mari e creato strutture inadeguate come i CIE, irrispettose dei diritti umani basilari e oggetto di condanna delle principali organizzazioni umanitarie internazionali per i trattamenti disumani riservati ai migranti”. Lo ha affermato Marco Furfaro, responsabile nazionale immigrazione Sel.

“Un Paese civile non può più tollerare altre tragedie. Sinistra Ecologia Libertà chiede al Governo l’immediata chiusura dei CIE, veri e propri lager moderni. E’ venuto il momento – concludeva il responsabile nazionale Immigrazione di Sel -, di rimettere in discussione le attuali norme e cancellare la Bossi Fini, come chiesto in queste ore anche da alcuni esponenti Pd e da tanti amministratori locali, per delineare nuove politiche basate sull’accoglienza e non sulla repressione. Le politiche fin qui adottate hanno portato solo morti, è ora di cambiare”.

“Così come sono ora, i Cie rappresentano una barbarie – ha detto Livia Turco, presidente forum Immigrazione del Partito Democratico che ha poi proseguito – Premesso che il Partito Democratico è, come già illustrato nel programma, per il superamento dei Centri di identificazione e della Bossi-Fini, qui si tratta di intervenire subito per affrontare un’emergenza.
L’intervento del ministro ministro Alfano dovrebbe a mio avviso ispirarsi all’accurato rapporto stilato dal precedente sottosegretario Ruperti, movendosi su tre linee guida: impedire il transito nei Cie a coloro che hanno già scontato una pena in carcere, dal momento che sono già stati identificati; cancellare il trattenimento fino a 18 mesi; fare il possibile per assicurare all’interno dei Cie condizioni di vita più umane e civili”.

Dal canto suo anche Rosy Bindi chiede un immediato intervento del Ministro Alfano: “È tempo di uscire dalle logiche emergenziali e da un approccio solo repressivo del fenomeno dell’immigrazione con una revisione della Legge Bossi Fini – ha detto la Bindi – come auspica anche la ministro Kyenge, che tra l’altro cancelli la vergogna degli attuali centri di detenzione e identificazione. E anche su questa difficile frontiera di convivenza con il resto del mondo la Calabria non può restare sola”.

Ben diversa la reazione dei rappresentanti di Lega e Pdl. Il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri ha accusato la Ministro Kyenge di “disseminare demagogia”  “Ci sono molti modi per far cadere un governo. – ha detto Gasparri – Tra questi anche eventuali irresponsabili tentativi di rendere più lassista la legislazione in materia di immigrazione. La Kyenge continua a seminare demagogia andando peraltro fuori dai suoi limitatissimi compiti. Eviti di contribuire alla confusione. Spero che, come Sartori, si possa criticare un ministro il cui operato è per fortuna nullo, ma i cui annunci impropri sono negativi. Dobbiamo rafforzare il controllo delle frontiere per respingere i clandestisi ed esigere il coinvolgimento internazionale per i profughi. Il resto è pericolosa demagogia e questo vale anche per la cittadinanza”.

Toni ancora piú accesi tra i leghisti. Il deputato della Lega Massimiliano Fedriga, ha invitato ad andare avanti con la legge Bossi-Fini mentre Matteo Salvini con il suo consueto modo di fare aveva “invitato” la Kyenge ad andare a fare la ministra in Egitto.

Atteggiamento che non ha per nulla turbato la Ministro che dopo aver chiarito che Salvini non é nei suoi pensieri ha invece risposto alle dichiarazioni del senatore Gasparri. “L’onorevole Gasparri mi risulta che è parlamentare dal 1992, oltre venti anni e sempre se non ricordo male in questi venti anni è stato ricordato per una legge del 2001 che porta il suo nome e che certo non è passata alla storia per la sua equità: la legge sui diritti tv. Ecco, io sono da soli pochi mesi parlamentare e una cosa è certa anche per il ruolo istituzionale che in questo momento ricopro. Voglio unire e non dividere come invece lui è abituato a fare, e lo assicuro: la legge sulla cittadinanza ed altri provvedimenti verranno portati avanti, anche senza il suo assenso”.

Poi, parlando dei problemi di Isola ha sottolineato ”Questo dei Cie è un problema noto. Da tre mesi sto facendo un monitoraggio e cercherò di analizzare tutte le problematiche e le proposte che verranno dai territori per individuare una soluzione. Se chiudono il Cie di Bologna e di Modena, registriamo problemi a Gorizia ed in Calabria – ha aggiunto – significa che un problema c’è. E allora è necessario fare il punto della situazione e capire effettivamente quale è l’utilizzo di questi centri e la loro opportunità”.

Ultima ora

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

17:11Calcio: Schick ci crede, la Roma è da scudetto

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono venuto qui perché credo nella strada che ha intrapreso la Roma. Siamo sempre in una posizione di classifica che ci permette di pensare allo scudetto. Possiamo vincerlo già quest'anno". Nonostante i due pareggi consecutivi in trasferta con Genoa e Chievo, Patrik Schick è convinto che la i giallorossi possano puntare al titolo. Il giocatore ceco, intervistato da Sky Sport24, spera di poter dare il proprio contributo: "Sono un attaccate e penso fare gol, quando gioco voglio segnare, questo è il mio obiettivo - sottolinea -. Essere il giocatore più pagato nella storia della Roma non mi pesa, anzi è al 100% una grande motivazione per me, farò tutto il possibile per non deludere nessuno". Schick rivela poi di aver legato in particolar modo con Dzeko nello spogliatoio di Trigoria: "Edin parla molto bene la mia lingua. E penso che anche il feeling in campo vada bene. Potenzialmente forse possiamo formare la coppia di attaccanti più forte della Serie A, ma poi dobbiamo confermarlo sul campo".

17:07Droga: Gdf scopre 26 chili di cocaina a Vipiteno

(ANSA) - BOLZANO, 14 DIC - La Guardia di finanza ha bloccato alla barriera dell'autostrada del Brennero a Vipiteno un cittadino italiano di 43 anni, che stava portando in Italia 26 chili di cocaina. La Citroen Ds5, con targa tedesca, condotta dall'uomo, accompagnato da familiari, non si era fermata all'alt e i finanzieri l'hanno inseguita fino a raggiungerla nei pressi dell'area di servizio Trens Ovest. Il conducente mostrava evidenti segni di nervosismo, che facevano ritenere opportuni alcuni approfondimenti, anche con l'ausilio del cane Escort dell'unità cinofila antidroga della Guardia di Finanza di Bolzano. Infine, in un'officina meccanica, nascosti all'interno dei longheroni dell'autovettura, sono stati trovati 22 panetti per complessivamente 26 chili di cocaina, che sul mercato avrebbero potuto fruttare oltre un milione di euro. Il cittadino italiano è stato tratto in arresto.

17:03Donna incinta avvelenata: condanna a tre anni e sei mesi

(ANSA) - BOLOGNA, 14 DIC - Tre anni e sei mesi per lesioni aggravate da premeditazione e uso di sostanza corrosiva. E' questa la pena a cui il Tribunale di Bologna ha condannato il 36enne dipendente pubblico che nel giugno del 2016 aveva avvelenato a Valsamoggia (Bologna) la compagna incinta alla 30/a settimana diluendo in una Coca Cola un detersivo per lavastoviglie. L'uomo è stato invece assolto da tentato procurato aborto perché il fatto non sussiste. "Siamo soddisfatti per l'assoluzione per il reato di tentato procurato aborto in accoglimento delle tesi difensive da sempre propugnate - hanno commentato gli avvocati Patrizio Orlandi e Simone Zambelli - Attendiamo le motivazioni della sentenza per le valutazioni circa l'impugnazione. Ora confidiamo che su questa triste vicenda cali al più presto l'oblio nell'interesse di tutti i soggetti coinvolti". La donna dopo l'avvelenamento partorì. (ANSA).

Archivio Ultima ora