La matematica abbraccia l’arte e insieme ci spalancano l’”Infinito”

CARACAS:- Wladimiro Politano, artista italo-venezuelano conosciuto e apprezzato non soltanto in Venezuela ma anche in Europa, Giappone e Stati Uniti, si appresta ad assumere una nuova sfida: un’esposizione di sculture nella galleria nordamericana “The Americas Collections” dal nome “Infinitum”.

Spirito irrequieto, curioso, Politano che dalla sua nativa Calabria si era trasferito a Roma per studiare nell’Accademia di Belle Arti, parte nuovamente nel ’66 per trasferirsi in Venezuela. A Caracas crea un suo studio e partecipa a numerose mostre con pitture e sculture ma la sua voglia di novitá non si placa e parte alla volta di New York, cittá nella quale resta ben 10 anni. Infine, dopo quel suo lungo peregrinare torna a Caracas, per studiare, creare, immaginare nuove forme.

Molte, davvero molte le esposizioni alle quali ha partecipato Politano, in America Latina, Stati Uniti, Europa e Giappone. Il primo riconoscimento importante lo ottiene nel 1978 dal Museo Künstlerhause di Vienna, in occasione delle celebrazioni dei suoi Cento Anni. É solo l’inizio di una lunga carriera di successi, le sue opere, frutto di costanti studi e approfondimenti, conquistano gli amanti dell’arte e vengono esposte nei musei e nei circoli culturali piú importanti.

Le opere che presenterá nella galleria “The Americas Collection” sono forme geometriche realizzate con alluminio cromato che si stagliano nello spazio, leggere, forti di quell’astrattismo misto alla purezza della matematica, che ci permette di guardare oltre, di raggiungere la semplicitá dell’infinito.

Sono il risultato di studi meticolosi e di una perfetta conoscenza della materia impiegata e delle proporzioni.

Il lavoro che sta dietro ad ogni opera é documentato passo passo nel corso della stessa esposizione.

Importante anche l’uso dei colori, vivi, intensi, che vanno dal rosso al cobalto, al giallo, colori che parlano di passione e vitalitá in contrapposizione alla leggerezza della forma.

La mostra “Infinitum” resterá nella galleria “The Americas Collection” di Coral Gables, in Florida, fino al 30 settembre.

 

Condividi: