FORMULA 1. Vettel il più veloce, Alonso spera nel meteo

ROMA – Finita la vacanza, la Formula 1 riparte dal Belgio trovando una Red Bull in gran forma e gli altri team a inseguire, con la Ferrari brillante nelle prove del mattino su pista umida e piu’ attardata sull’asfalto asciutto pomeridiano. Le capricciose condizioni meteo che caratterizza il veloce circuito sulle Ardenne sono state quindi protagoniste della prima giornata di libere, ma a far discutere sono state anche due forature alle gomme posteriori destre che hanno accomunato Vettel e Alonso, evocando gli incubi di Silverstone.

La Pirelli sostiene che si è trattato di incidenti provocati da fattori esterni, ma lo stesso pilota spagnolo della Ferrari invita fare un’ “attenta analisi” della cause. Più che questo aspetto, Alonso e il suo compagno Felipe Massa guardano al meteo per capire che tipo di weekend si troveranno ad affrontare. L’ex campione del mondo ha ottenuto il settimo tempo sull’asciutto, a oltre un secondo da Vettel e dal compagno di squadra della Red Bull Webber, e il primo la mattina sul bagnato, mentre il brasiliano, undicesimo al mattino, si è migliorto nel pomeriggio fino a conquistare il quarto posto, a otto decimi da Vettel e vicinissimo al terzo, il francese della Lotus Grosjean. Meglio di Alonso, nel pomeriggio, ha fatto anche Kimi Raikkonen, il cui futuro sembra essere il principale motivo di interesse del fine settimana, mentre hanno fatto peggio sia le Mercedes di Rosberg e Hamilton, sia le McLaren.

La Ferrari ha approfittato della sosta per adottare varie modifiche sulla sua monoposto, concentrandosi a migliorare la resa in qualifica, e probabilmente il loro effetto si vedrà solo oggi. Alonso inoltre è in parte stato ostacolato dal traffico mentre cercava il tempo nella seconda sessione, con gomme medie.
“E’ stata una buona giornata – ha commentato lo spagnolo -. Come tempi ci siamo riavvicinati ai favoriti, ma dovremo valutare i dati raccolti sulle diverse configurazioni aerodinamiche, vera chiave di questa gara insieme al meteo, per il quale non so proprio cosa augurarme”.

“E’ vero che con la pioggia le carte in tavola possono rimescolarsi – ha spiegato Alonso – ma anche che sul
bagnato esistono pari possibilità di approfittarne come di perdere”.

Massa sembra ottimista in vita della gara: “L’esito della simulazione di gara dice che abbiamo le carte per essere della partita – ha detto – e certamente faremo tutto il possibile per poter lottare con i primi in classifica”.

Le previsioni meteo dicono che, sia per le qualifiche del sabato che per la gara di domani c’è buon rischio di pioggia. Pirelli ha messo a disposizione quattro tipi di gomme, dure, medie, intermedie e da pioggia, e ieri i team hanno potuto testarle tutte, con qualche disagio per aver dovuto cominciare con l’assetto da bagnato.

In gara sono previsti da due a tre pit stop in condizioni stabili, ma tutti i team dovranno essere pronti a cambiare velocemente strategia. A quanto si e’ visto ieri, sull’asciutto le Red Bull non sembrano avere rivali e Sebastian Vettel vorrebbe ripetere l’exploit dello scorso anno, quando a suon di vittorie comincio’ la rimonta che lo porto’ al terzo titolo mondiale consecutivo. Questa volta parte già davanti, bisognerà da oggi fare qualcosa per fermarlo.

Condividi: