Allegri vuole il vero Milan

MILANO – La sfida è più delicata che mai, in gioco c’è un’intera stagione. Alla vigilia dello spareggio di ritorno di Champions League contro il PSV Eindhoven, Massimiliano Allegri striglia i suoi e chiede un Milan completamente diverso rispetto a quello visto sabato a Verona.

Dopo l’1-1 in Olanda, la destinazione europea dei Rossoneri è strettamente legata al risultato di mercoledì sera, quando gli uomini di Allegri saranno chiamati a giocarsi una “partita fondamentale” per la stagione e riscattare la deludente prestazione esibita solo pochi giorni fa contro il Verona.

“Veniamo da una brutta partita, da non ripetere – ammette il tecnico -. Dobbiamo riscattare Verona e ripartire dalla buona prestazione di Eindhoven. Sappiamo tutti dell’importanza di questa gara e dovremo essere pronti ad affrontarla senza eccessive pressioni e senza eccessivo nervosismo”.

La voglia di rivalsa c’è, come traspare chiaramente dalle parole del capitano Riccardo Montolivo: “Abbiamo voglia di dimostrare che non siamo quelli di Verona – afferma il centrocampista -. Sabato abbiamo sbagliato l’atteggiamento, che per noi è una cosa fondamentale. Lasciamo perdere tutto e dimostriamo sul campo quello che sappiamo fare”.

“La responsabilità la conosciamo e la sentiamo – prosegue il 28enne . Dobbiamo giocare per il nostro orgoglio, perché vogliamo giocare la Champions League. Dobbiamo pensare che giocare la Champions è una cosa e giocare l’Europa League è un altro. Dobbiamo però essere lucidi per fare bene in campo e siamo fiduciosi”.

Missione difficile, ma non impossibile. Gli olandesi sono certamente una squadra che esprime un calcio moderno e veloce, ma che andrà attaccata con coraggio fin dai primi minuti: una partita, insomma, da giocare a viso aperto per i Rossoneri.

“Sono una squadra che crea molto e non possiamo pensare di fare una partita difensiva – aggiunge Allegri -. Giocano in maniera offensiva, noi dobbiamo migliorare dal punto di vista difensivo, non prendere gol e pensare a vincere”.

Il PSV non starà di certo a guardare e non si farà impressionare dalle potenzialità dei baby giocolieri rossoneri. L’antidoto è molto semplice secondo Phillip Cocu: “Dobbiamo essere preparati a tutto, sia che loro giochino con l’idea di attaccare che con quella di difendersi. L’importante sarà farsi trovare pronti – ammette il tecnico, che aggiunge -. Il Milan può scegliere tra tanti grandi giocatori e noi dobbiamo entrare in campo ‘armati’ per riuscire a controbattere”.

Condividi: