Niente fuochi d’artificio nel calciomercato

Pubblicato il 02 settembre 2013 da redazione

ROMA – Alla fine gli annunciati fuochi d’artificio del calciomercato non ci sono stati e il rush finale regala solo illusioni e delusioni. Nel giorno del ritorno di Kaká al Milan, l’ultima giornata della campagna trasferimenti sembrava – alla vigilia – una sorta di deja vu del recente passato con colpi roboanti e trasferimenti boom. Niente di tutto questo invece, nonostante Juventus, Roma e Genoa abbiano tentato fino alla fine di mettere in canna un super giro che avrebbe visto Gilardino alla Juventus, Borriello al Genoa e Quagliarella alla Roma. Si è cercato di far quadrare i conti fino alla fine ma alle 23 – ora del big bang del calciomercato 2013 – tutti i protagonisti dell’intricatissima operazione hanno dovuto alzare bandiera bianca. Il nodo del contendere: il super ingaggio di Marco Borriello, che di fatto ha compromesso il buone esito delle trattative e il no di Antonio Conte alla cessione di Quagliarella. Tra l’altro, mentre Gilardino e Borriello sarebbero state operazioni in prestito, per il bianconero si sarebbe trattato di una cessione vera e propria e la Roma ha detto no, per non correre il rischio di avere fra un anno due punte (tra l’altro trentenni) a libro paga.

Sfumato Demba Ba finito all’Arsenal, sfumati anche Bergehessio e Hernendez Rudi Garcia dovrà cercare adesso di rivitalizzare il demotivato centravanti alla causa giallorossa.

La Lazio non è stata comunque a guardare e vista l’empasse del maxi giro ha provato a inserirsi nell’affare Quagliarella, forte anche dei soldi incassati dalla cessione di Libor Kozak all’Aston Villa. Ci ha provato prima con Burak Ylmaz (aveva l’accordo con il Galatasaray e con il giocatore) ma la forte percentuale richiesta dall’agente sulla compravendita (15 mln) ha avuto l’unico merito di mandare su tutte le furie il presidente Lotito che si é comunque consolato con il portiere Berisha e il giovane attaccante colombiano Perea.

Il Milan, dopo il ‘colpaccio’ Kaká ha provato anche a prendere Astori del Cagliari ma Cellino ha risposto picche, cosí come per l’atro gioiello isolano, Nainggolan. Un doppio no, soprattutto quello per il belga-indonesiano, che ha rialimentato l’interesse della Juventus per Marquinho, ma anche qui l’operazione non è andata in porto.

Doveva essere la giornata delle punte e, paradossalmente, è stata quella dei portieri, con ben 4 trasferimenti (Pegolo, Viviano, Berni e Bizzarri) dopo la debacle di tanti n.1 nelle prime due giornate di campionato.

C’é comunque chi le operazioni le ha portate a termine con successo. E’ il caso del Genoa che, probabilmente scottato dal pessimo inizio di campionato, ha chiuso ben cinque acquisti: Calaió dal Napoli, Stoian dal Chievo (che ha a sua volta preso Ardemagni dall’Atalanta), il greco Fetfatsidis, il portiere Bizzari e l’argentino Centurion; il Parma si è assicurato Obi e Jorquera, mentre il Verona ha preso Iturbe, il ‘muovo Messi’ e Donadel dal Napoli. Viviano (Palermo) ha trovato finalmente una nuova porta: giocherà nell’Arsenal, mentre Verre, giovane talentino romanista, si andrà a fare le ossa in Sicilia.

Vargas, due estati fa oggetto del desiderio di mezza Serie A, è stato tentato fino all’ultimo dal Livorno ma non se ne é fatto nulla.
Il Sassuolo dopo la debacle di domenica ha pensato di cambiare portiere e attaccante: presi Pegolo dal Siena e Floro Flores dal Genoa.
La Sampdoria ha ufficializzato il giovane bomber del Milan Petagna. Tommaso Berni é il nuovo portiere del Torino. Sorpresa dell’ultim’ora: Barrientos resta a Catania e rinuncia ai petrodollari del Qatar. Molto piú scoppiettante il mercato oltralpe, con l’Arsenal che ha messo a segno un colpo doppio (Ozil, pagato quasi 50 milioni, e Demba Ba), il Psg che cerca Mata e lo United che – persi via via Fabregas e Rooney – starebbe puntando forte su Marouane Fellaini (Everton).

Ultima ora

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

21:10Calcio: Baldissoni “Roma patrimonio collettività,è una fede”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La storia della Roma ha un inizio, ma è senza fine. Questa squadra è patrimonio di una collettività e racchiude il capitale emotivo di una comunità. Parliamo di una storia che si aggiorna quotidianamente, perché le emozioni non muoiono mai. La Roma è una fede, una famiglia, è parte di tutti noi e lo sarà per sempre". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, nel corso della presentazione del libro 'Dimmi cos'è', pubblicato per celebrare i 90 anni del club giallorosso. Il volume, a cura di Tonino Cagnucci e Luca Pelosi (casa editrice Skira), ripercorre la storia della Roma con illustrazioni, disegni d'autore, fotografie inedite. "Da quando è arrivata la nuova proprietà è stato creato un dipartimento dedicato all'archivio storico. Abbiamo fatto un lavoro incessante negli anni, recuperato e organizzato centinaia di migliaia di documenti, foto e oggetti - sottolinea Baldissoni -. Questo grande sforzo di raccolta è stato ora messo su carta, è fruibile da tutti e ne siamo estremamente orgogliosi".

21:09Uccise ladro: condannato a nove anni e quattro mesi

(ANSA) - BRESCIA, 13 DIC - La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj, che era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

20:59Nuoto: Europei 25 metri, Scozzoli vince l’oro nei 50 rana

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Due medaglie per l'Italia nella prima giornata di gare dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri, in corso a Copenaghen. L'azzurro Fabio Scozzoli ha chiuso al primo posto la gara dei 50 rana con il tempo di 25"62, nuovo record europeo, che sottrae dieci centesimi al limite che lui stesso aveva stabilito nel 2013 in coppa del mondo a Berlino. Ha preceduto il russo Kirili Progoda, medaglia d'argento, e il britannico Adam Peaty, bronzo. La seconda medaglia è d'argento, conquistata dagli staffettisti della 4x50 stile libero. Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi hanno chiuso in 1'23''67, dietro ai russi che si impongono in 1'23''23.

20:48Brasile: stampa, Temer in ospedale per serie esami urologici

(ANSA) - SAN PAOLO, 13 DIC - Il presidente del Brasile, Michel Temer, si sottoporrà oggi a una serie di esami urologici presso l'ospedale Sirio-libanese di San Paolo: lo rende noto la stampa locale. Il ricovero - precisano i media - era previsto per venerdì, ma sarebbe stato anticipato ad oggi su consiglio del medico curante del capo di Stato, il cardiologo Roberto Kalil Filho. Temer, che ha 77 anni, a fine ottobre aveva già subito un intervento chirurgico alla prostata.

Archivio Ultima ora