Grillo contro Orellana: stop alle alleanze

Pubblicato il 03 settembre 2013 da redazione

ROMA  – “Chi vuole guardarsi l’ombelico si tiri fuori. Il M5S non è il suo ambiente”. Beppe Grillo alza la voce contro i ‘dissidenti’ e, ancora una volta, stoppa sul nascere qualsiasi ipotesi di alleanze dei cinque stelle con il Pd. Il “capo politico” si rivolge, pur senza citarlo, al senatore Luis Orellana.

Il senatore di origine venezuelane, nel corso di una riunione-fiume a Palazzo Madama (trasmessa integralmente sul web) ha portato allo scoperto le divisioni interne al gruppo dei parlamentati cinque stelle. L’italo-venezuelano  aveva invitato a “non avere tabù” per discutere sulle alleanze, di far valere il “fortissimo peso contrattuale” dei cinque stelle in Parlamento, come “già avviene in Sicilia” e “a Ragusa”. Parole che lasciano intendere che motivo del contendere potrebbe essere l’appoggio ad un eventuale ‘Letta bis’ senza Pdl.

L’intervento di Orellana riceve il sostegno isolato di qualche collega. Ma, soprattutto, è oggetto della reprimenda del capogruppo Nicola Morra che gli risponde con durezza:

– Siamo in guerra. Siamo in guerra contro il palazzo e il potere.

Il blog di Grillo fa proprie le parole di Morra, pubblicando un post dal titolo “Siamo in guerra” con il quale annuncia che “presto ci sarà un terzo V-Day”. C’è il sospetto che dietro il post di Grillo ci sia la mano di Claudio Messora (spesso gli articoli sul sito web del leader cinque stelle sono scritti dai suoi collaboratori). Messora, uomo di fiducia di Gianroberto Casaleggio ed inviato a Palazzo Madama per curare la comunicazione del gruppo cinque stelle al Senato, è stato attaccato da Orellana per un articolo nel quale invitava i “cittadini” cinque stelle a “non giocare a fare i piccoli onorevoli”.

– Non deve succedere – aveva detto Orellana – che una persona da noi stipendiata si permetta di farlo. Messora non ha più la mia fiducia.

In ogni caso, nel post di Grillo, ancora una volta, si boccia l’ipotesi di alleanze con i partiti: “I pezzi bianchi non possono allearsi con quelli neri – si legge – Siamo in guerra, una guerra che deciderà il destino di questo Paese. Non è più tempo di parlarsi addosso ma di azioni, segnali e presenze”.

A rincarare la dose nei confronti di Orellana arriva l’ultimatum di Morra.

– Son sicuro che Luis riconsidererà le sue parole – afferma il capogruppo – perché altrimenti dovrà prendere atto che le strade divergono.

Dopo due giorni di riunione-fiume ai limiti dell’auto-analisi di gruppo (con tanto di divisione in ‘focus group’ per affrontare i problemi di “interrelazione interna”) nel Movimento Cinque Stelle riemerge il “fantasma” delle alleanze. La spaccatura va oltre la divisione tra falchi e colombe. Sembra di tornare ai momenti della elezione di Piero Grasso alla presidenza di Palazzo Madama o alla proposta di accordo di Pier Luigi Bersani per la formazione del governo. Ironia della sorte, stavolta l’ipotesi di un nuovo esecutivo è lontana dal realizzarsi. La spaccatura, invece, appare quasi insanabile se non attraverso una ‘retromarcia’ da parte di uno dei contendenti.

– E’ emerso un grande astio qui dentro, anche se nessuno ha il coraggio di ammetterlo. Sembra già che siamo divisi in due gruppi, forse tre – sintetizza con rassegnazione il senatore Maurizio Romani

Ultima ora

10:58Tornano gli Italian sport awards, Immobile fra i premiati

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Ritornano gli Italian sport awards, i premi ai calciatori italiani protagonisti della stagione 2016/17. Appuntamento lunedì a Cappacio-Paestum (Sa). L'evento, ideato da Donato Alfani è giunto alla 7/a edizione e si è contraddistinto come uno dei riconoscimenti più importanti nel panorama nazionale, tanto da ricevere il patrocinio di Coni e Figc. Tanti gli ospiti presenti alla serata di gala: per la Serie A incetta di premi per la Lazio, con Immobile, Parolo e Inzaghi. Premiati anche Cordaz, Nalini, il tecnico Rastelli, il ds Zamagna dell'Atalanta, l'arbitro Rocchi. Grande spazio anche alla Serie B, con i premi ad Amato Ciciretti, Coda, Dionisi, Soddimo, Favilli, oltre agli allenatori Semplici e Bucchi, protagonisti con Spal e Perugia, all'arbitro Manganiello. Tanti anche i premi destinati ai club di Serie C e D. "Siamo alla 7/a edizione e questo è già motivo d'orgoglio - dice Alfani -. Vorrei ringraziare tutti i membri della giuria che hanno supportato questo format".

10:48Auto: Profeta va all’assalto della Ronde di Sperlonga

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tradizionale impegno di fine anno per il pilota palermitano Alessio Profeta che, nel prossimo week-end, sarà al via della 9/a Ronde di Sperlonga (Lt). Il ventunenne portacolori della scuderia Island motorsport sarà al volante della Peugeot 208 in configurazione R5, coadiuvato dalla conterranea Jessica Miuccio. L'affiatato equipaggio isolano, già sfortunato protagonista nella Ronde di Gioiosa Marea (Me) di pochi giorni addietro (archiviata anzitempo per l'afflosciamento della gomma anteriore sinistra, dovuto a un brusco 'atterraggio' subito dopo un salto quasi a fine tracciato), punterà a un piazzamento di rilievo, pur consapevole di doversi confrontare con alcuni tra i migliori interpreti nazionali della disciplina. Per Profeta si tratterà della seconda partecipazione consecutiva alla gara laziale, dopo un esordio degno di nota all'edizione 2016, contrassegnato dall'11/a piazza assoluta e, in quell'occasione, per la prima volta alla guida della Ford Fiesta R5. La manifestazione si aprirà sabato 16 dicembre.

10:48Calcio: Copa Sudamericana, vincono argentini Independiente

(ANSA) - SAN PAOLO (BRASILE), 14 DIC - Gli argentini dell'Independiente hanno vinto la Copa Sudamericana, secondo trofeo più prestigioso del Sud America (paragonabile a un'Europa League sudamericana). Un pareggio ieri sera per 1-1 con i brasiliani del Flamengo a Rio de Janeiro ha regalato agli argentini una vittoria per 3-2 nel risultato complessivo e il loro secondo titolo nella competizione. Il titolo riporta un certo orgoglio all'Independiente, dopo che la squadra di Buenos Aires è stata retrocessa nel suo campionato nazionale nel 2013.

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

Archivio Ultima ora