Prandelli carica i suoi: “Voliamo in Brasile”

Pubblicato il 09 settembre 2013 da redazione

TORINO – La grande occasione. Cesare Prandelli regala un titolo ad effetto al film della rincorsa azzurra: dodici mesi a inseguire un posto al sole sulle spiagge mondiali di Brasile 2014, che stasera potrebbe essere occupato con ogni comodità, con due turni d’anticipo sulla fine del girone.

“Non sto a pensare ai record, ma solo alla grande occasione che ci si presenta – dice il commissario tecnico azzurro alla vigilia di Italia-Repubblica Ceca – E’ una chance irripetibile. Se abbiamo la possibilità di ottenere così presto la qualificazione è perchè ce la siamo sudata punto dopo punto. Ora chiudiamo il discorso”.

Gli elementi per la festa ci sono tutti, ma si sa che nel calcio festeggiare prima porta male. “Non dobbiamo sbagliare nulla: voglio ordine e concentrazione máxima”, l’avviso di Prandelli, preoccupato dalla condizione fisica messa in mostra venerdì contro la Bulgaria. Nessuna scaramanzia merita invece la celebrazione di Gigi Buffon, capitano salvItalia e idolo dello Juventus Stadium che proprio in questo luogo simbolo della sua rinascita in bianconero fa 136 maglie azzurre e raggiunge al top Cannavaro.

Simbolicamente, la serata per la quale sono attesi 40 mila spettatori nello stadio “tra i più belli d’Europa, e di sicuro il più bello d’Italia”, a sentire il ct, sarà anche una riconciliazione tra l’azzurro e la Juve. Pazienza se ad accogliere la delegazione federale ci sarà il megascudetto n.31 appeso fuori dal futuristico impianto. I tempi delle tensioni Agnelli-Abete sono alle spalle, così quattro anni dopo l’ultima volta azzurra a Torino e a due esatti dall’inaugurazione dello stadio bianconero l’Italia può giocare la sua prima assoluta tra queste mura.

“Non mi stupisce che la gente abbia acclamato Balotelli fuori dal ritiro”, sottolinea il ct, senza ignorare che proprio qui a Torino nacgue anni fa la questione dell’anti-balotellismo, con i cori ‘se saltelli…’ e poi con quel grido ‘non esistono neri italiani’. La questione razzismo quattro anni dopo è sempre sotto i riflettori, come dimostra l’eco avuta dall’assenza del giocatore domenica all’incontro con il ministro Kyenge. “Ma non era previsto ci fosse, non capisco il caso…”, taglia corto il ct, convinto che le luci domani si debbano accendere su altri palcoscenici.

La matematica del girone C parla chiaro: all’Italia che rispetto a Palermo recupera Balotelli, Osvaldo e Montolivo basta oggi vincere o anche pareggiare, se la Bulgaria a Malta non avrà a sua volta fatto risultato pieno: in campo tra l’altro gli azzurri sapranno dell’altro risultato finale a inizio secondo tempo. E se tutto andrà come Prandelli si aspetta, sarà la qualificazione mondiale più veloce della storia azzurra.

“Faccio fatica a pensare al record, non sto con la testa a quel che può significare per il dopo – confessa con sincerità – Penso piuttosto al cammino che abbiamo fatto. Al girone equilibrato che ci siamo ritrovati. Alle parate di Buffon spesso determinanti. All’atteggiamento della squadra scesa in campo per vincere sempre, anche in trasferta, anche quando era in difficoltà”.

Pensa soprattutto, il ct, a come costruire l’Italia migliore contro una Repubblica Ceca “con un centrocampo tra i migliori d’Europa e tante doti di palleggio”.

Senza gli infortunati Abate e Antonelli, il ricorso alla difesa a tre con De Rossi tra i due centrali (“più centrocampista aggiunto che marcatore”) è l’opzione preferita.

“Abbiamo provato anche altre cose”, dice il ct stizzito dallo spionaggio dei media sugli allenamenti a porte chiuse. L’idea potrebbe essere Candreva a centrocampo nella posizione di Thiago Motta, lasciando a Maggio e Giaccherini le fasce, dove però il ct ha provato anche Pasqual. Chiaro che tanto peso sarà sulle spalle di Balotelli (‘’bravo Mario, è questo che voglio da te’’, il complimento nell’ultima rifinitura allo Juve Stadium), testato alla vigilia persino con Gilardino nella posizione che dovrebbe essere di Osvaldo. ‘’Non dico nulla sulla formazione, non do vantaggi a nessuno’’, taglia corto Prandelli. Come l’Italia fosse già al Mondiale, al sole del Brasile.

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora