La bici supera l’auto: ciclisti in Italia al 9%

ROMA. – La bicicletta supera l’automobile. Nel corso del 2012, per la prima volta dopo 48 anni, il numero di biciclette vendute (1.748.000) in Italia è stato superiore al numero di immatricolazioni di auto nuove (1.450.000). La crisi economica, da un lato, e la cultura della mobilità sostenibile dall’altro stanno convincendo sempre più italiani a spostarsi pedalando: nei giorni feriali l’uso delle due ruote è più che triplicato a partire dal 2001, quando i ciclisti urbani erano appena il 2,9% della popolazione adulta. Oggi la percentuale di utenti della strada a pedali è schizzata al 9%: si tratta in numeri assoluti di 5 milioni di persone che utilizzano la bicicletta per gli spostamenti almeno 3 o 4 volte a settimana. Questi numeri sono stati presentati oggi al ministero delle Infrastrutture e dei trasporti dal sottosegretario Erasmo D’Angelis insieme al responsabile nazionale sicurezza della Fiab (Federazione italiana amici della bicicletta) Edoardo Galatola, e ad Alberto Fiorillo, di Rete Mobilità Nuova – Legambiente. Lo stesso ministero e le associazioni saranno presenti a Firenze, dal 22 al 29 settembre, con un infopoint e uno spazio-mostra dedicati alla sicurezza stradale e alla mobilità sostenibile. L’ex Palazzo di Giustizia in piazza San Firenze, vicino a Palazzo Vecchio, sarà il punto di partenza della campagna “Sulla Buona Strada”, che prevede iniziative di sensibilizzazione e divulgazione con incontri con le scuole gestiti dal personale della motorizzazione, possibilità di verificare la propria condizione con prove di alcoltest su etilometro, con distribuzione di materiali e gadget come giubbotti riflettenti e marsupi. Tutto questo mentre inizierà la prossima settimana l’iter per la riforma del Codice della Strada e il ministero delle Infrastrutture e trasporti con il Parlamento aggiornerà e rivedrà le norme con un occhio di riguardo alla tutela degli utenti più vulnerabili. “I Mondiali di ciclismo devono ‘tirare la volata’ alle politiche di sostegno all’uso della bicicletta – ha detto il sottosegretario D’Angelis nel corso della conferenza stampa – il dato sulle vendite delle biciclette, sommato all’aumento del 15% dei passeggeri che utilizzano i mezzi pubblici e al calo dell’8% dei consumi di carburante sono segnali di un’inversione di tendenza nella direzione di una mobilità nuova”. Oltre ai 5 milioni di italiani che utilizzano la bicicletta ogni giorno ce ne sono altri 9 che salgono in sella nel fine settimana, secondo i dati di Legambiente forniti da Fiorillo: “In Italia ci sono 60 milioni di veicoli targati, che creano traffico anche da fermi, e 36 milioni di patenti – ha aggiunto – E’ evidente che c’è la necessità è quella ridurre il numero di auto private sostenendo l’uso della bicicletta”. “La sicurezza stradale è un elemento basilare – ha sottolineato Galatola – E. dimostrato che raddoppiando il numero di biciclette si dimezzano gli incidenti ed è su questo punto che dobbiamo lavorare”.

(© 9Colonne)