Obama: “Mai più armi chimiche”. Salta incontro con Rohani

Pubblicato il 24 settembre 2013 da redazione

NEW YORK. – Nuovo affondo sulla Siria e cauta apertura al dialogo nei confronti dell’Iran, ma l’atteso faccia a faccia non ci sarà. Barack Obama, parlando all’Assemblea generale dell’Onu, delinea la sua strategia nella regione mediorientale, lanciando un appello per la definitiva messa al bando delle armi chimiche e chiedendo al nuovo corso di Teheran “fatti concreti” dopo tante parole. Intanto è saltato lo storico faccia a faccia che la Casa Bianca avrebbe voluto col nuovo leader iraniano, Hassan Rohani, a margine dei lavori al Palazzo di Vetro: per gli iraniani – ha spiegato un alto funzionario Usa – era ”troppo complicato” realizzarlo ora. Il presidente americano è salito sul palco poche ore prima di Rohani, e subito dopo un duro intervento della presidente brasiliana Dilma Rousseff che ha accusato gli Stati Uniti di spionaggio, creando non pochi imbarazzi nell’entourage della Casa Bianca. Ha preso la parola consapevole dello scetticismo che incombe sia sul piano per il disarmo chimico di Damasco, sia sul possibile avvio di un dialogo con Tehran, dopo anni di muro contro muro. E difende la politica estera della sua amministrazione, finita più volte nell’occhio del ciclone negli ultimi tempi, e da molti osservatori definita una politica a ‘zig-zag’, senza una direzione precisa da seguire. Sulla Siria – alla vigilia del ritorno degli ispettori Onu sul campo e nel giorno dell’ennesima autobomba esplosa a Damasco – Obama afferma senza mezzi termini che “la risposta della comunità internazionale alla crisi non è stata all’altezza”, soprattutto di fronte al massacro compiuto con il gas sarin il 21 agosto scorso. Per questo gli Usa avrebbero voluto intervenire militarmente, per punire il regime di Assad sulla cui responsabilità per Washington non ci sono dubbi: “Ci sono prove evidenti”, “non sono stati i ribelli”. Ma di fronte alla nuova opportunità di risolvere la situazione per via diplomatica, la Casa Bianca ha deciso di accantonare momentaneamente l’ipotesi di un attacco. Ora però, ammonisce Obama, “il mondo deve inviare un messaggio potente sulle armi chimiche”, e non solo a Damasco. Devono essere messi in guardia tutti i tiranni, che non possono farsi scudo del concetto di sovranità per compiere massacri e restare impuniti. Di qui l’invito a istituire un bando assoluto delle armi chimiche, ovunque nel mondo. E sulla Siria, ribadisce, “il Consiglio di sicurezza deve varare una risoluzione forte”. Una risoluzione a cui al Palazzo di Vetro si sta lavorando senza sosta e che potrebbe vedere la luce entro pochi giorni. Una risoluzione che per gli Stati Uniti deve prevedere il ricorso a sanzioni molto più dure di quelle attuali in caso di inadempienza da parte del regime di Damasco. Con il riferimento all’uso della forza che potrebbe essere rinviato ad un successivo documento nel caso Assad violi gli impegni presi. Dalla Siria all’Iran. Obama parla in un clima che appare profondamente cambiato rispetto agli ultimi anni, quando ad infiammare l’Assemblea generale dell’Onu erano le provocazioni di Ahmadinejad. Rohani – al momento dell’intervento del presidente Usa – non è in sala, impegnato in una fitta serie di incontri bilaterali. Ma nessuno vuole dare a questo fatto un significato negativo. “Sono incoraggiato, ci potrebbero essere le basi per un accordo sul programma nucleare sulla base delle recenti dichiarazioni della leadership iraniana”, afferma Obama, ben sapendo che l’apertura al dialogo è osteggiata sia da Israele (“il mondo non si faccia ingannare da Teheran”, tuona il premier Benyamin Netanyahu) sia negli Usa da diversi membri del Congresso. Adesso però ”dalle parole si deve passare ai fatti”, è il messaggio inviato a Rohani, il cui intervento è il più atteso di questa 68/ma Assemblea dell’Onu.

(Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

Archivio Ultima ora