Savarese e il Cosmos incantano New York

CARACAS – Ci sono squadre che rimangono sempre nella memoria degli appassionati di calcio, com’è il caso del ‘New York Cosmos’, più familiarmente noto come Cosmos. Questa compagine, fondata negli anni ’70, ha avuto un primo periodo di attività agonistica fino al 1985, anno in cui disputó il suo ultimo campionato. In quel periodo di attività la squadra neworkese vinse 5 campionati della NASL. Queste vittorie arrivarono grazie ai campioni che ne hanno indossato la maglietta, cominciando dal mitico Pelé fino ad arrivare ai vari Giorgio Chinaglia, Giuseppe Wilson, Vladislav Bogićević e Franz

Beckenbauer. Poi la squadra scomparve e rimase solo a livello di copyright senza mai scendere in campo come formazione.
Dal 2009 la società fu rilevata da una cordata di imprenditori facenti capo al britannico Paul Kemsley, ex vicepresidente del Tottenham; l’obiettivo di Kemsley è di rilanciare il club e iscriverlo, entro il 2013, alla MLS. Allo storico bomber degli anni ’70, Pelé, è stata offerta la presidenza onoraria del club. Attualmente il club gioca nella North American Soccer League (NASL), la serie B degli States.

In questa nuova era dei Cosmos lo spogliatoio è una sorta di commissione della Onu, ci sono calciatori provenienti da diversi angoli del mondo: bosniaci, brasiliani, bulgari, camerunensi, cileni, colombiani, giapponesi, italiani, spagnoli, statunitensi, e due venezuelani, uno di questi di origini italiane: Gianni Savarese. L’italo-venezuelano, che adesso dirige la squadra dalla panchina, fu uno dei bomber della vinotinto degli anni ’90. L’altro “criollo” che fa vita nello spogliatoio neworkese è Diomar Díaz, di ruolo attaccante di razza.

L’allenatore, nato 42 anni fa a Caracas, parla anche del suo nuovo ruolo: “Adesso le responsabilità sono diverse. Quando sei allenatore devi dedicare più tempo alla squadra. Mentre il giocatore si allena, gioca, e compie le regole dello spogliatoio”.
La diversità culturale è un fattore che può aiutare a crescere in fretta al club, spiega Savarese in una intervista televisiva “E’ uno spogliatoio pieno di allegria, dove si uniscono diversi tipi di personalità. E’ un grupo straordinario, basta pensare che nella rosa abbiamo un giapponese che non solo ha imparato l’inglese, ma inspiegabilmente ha imparato a parlare lo spagnolo come i colombiani. – afferma il mister Savarese, aggiungendo – Il bello di questa squadra é che, nonostante le diversità culturali, i giocatori hanno un’obiettivo in comune: divertirsi giocando a calcio e vincere”.

Adesso, grazie al venezuelano Diomar Diaz, il bomber della squadra, il Cosmos è una delle migliori della serie B statunitense e New York è incantata dalle sue prestazioni.

FDS

Condividi: