Muore Priebke, boia delle Fosse Ardeatine

Pubblicato il 11 ottobre 2013 da redazione

ROMA  – E’ morto ieri a Roma all’età di 100 anni Erich Priebke, capitano delle Ss che il 24 marzo del 1944 partecipò all’eccidio delle Fosse Ardeatine.

– Non rinnego il mio passato – ha detto in un’intervista-testamento resa nota dal suo avvocato, Paolo Giachini, che ci tiene a fare sapere:

– Si è spento di vecchiaia ed è stato lucido fino alla fine.

“E’ morto un assassino mai pentito”, sono le parole dell’Anpi. Grande eco alla notizia in Israele. Sarà sepolto accanto alla moglie a Bariloche, in Argentina, dove aveva vissuto per decenni fino al 1994, quando era stato ‘incastrato’ da un tv americana ed estradato in Italia.

Si chiude cosi una vicenda che ha profondamente scosso l’opinione pubblica italiana. Il massacro delle Fosse Ardeatine, deciso dai tedeschi come ritorsione per l’attentato partigiano di via Rasella (10 italiani uccisi per ogni soldato tedesco morto), è una ferita che continua a sanguinare. Priebke era tra gli ufficiali che lo pianificarono ed eseguirono, sotto il comando del colonnello Herbert Kappler.

Occhi celesti gelidi, in buona forma fisica, fin dalla sua estradizione in Italia nel novembre 1995 – quando aveva già 82 anni – l’arzillo ex nazista non ha mai mostrato pentimento per l’eccidio, rilasciando anche dichiarazioni sprezzanti.

– Responsabili di tutti quei morti sono stati i comunisti con l’attentato di via Rasella. Io ero solo un ufficiale di collegamento con la polizia. Il 24 marzo Kappler ci comunicò che dovevamo fare l’esecuzione. Tutti abbiamo protestato, ma Kappler ci disse che l’ordine veniva direttamente da Hitler.

E, ancora recentemente, nella sua ultima intervista risalente al luglio scorso, alla domanda se si senta ancora nazista, risponde:

– La fedeltà al proprio passato è qualcosa che ha a che fare con le nostre convinzioni.

Nega poi l’Olocausto definendo “falsificazioni” i lager e le camere a gas. La storia di Priebke è legata all’Italia fin dalla sua gioventù quando studia la lingua e la perfeziona con viaggi sulla costiera ligure dove si avvia alla professione alberghiera. Tornato in Germania abbandona però il turismo e si arruola nelle Ss. Allo scoppio della seconda guerra mondiale viene inviato a Roma sfruttando la conoscenza della lingua.

Dopo la sconfitta, l’ufficiale – come molti altri gerarchi nazisti – fugge in Sudamerica e trova riparo in Argentina, vivendo a Bariloche, dove presiede la locale associazione culturale tedesco-argentina, quando viene individuato, arrestato ed estradato a Roma. Dal 1995 l’ex Ss è al centro di un intricato procedimento giudiziario chiuso nel novembre del 1998 con la conferma, da parte della Cassazione, della condanna all’ergastolo decisa dalla Corte d’appello militare, poi condonata agli arresti domiciliari a causa del’età avanzata.

Dal 2009 ottiene di poter uscire per ‘indispensabili esigenze’. E la presenza di quel distinto anziano che scontava l’ergastolo a passeggio aveva causato non poche polemiche nel quartiere Aurelio, in cui ha vissuto. Il 29 luglio scorso, giorno in cui ha festeggiato i 100 anni, sui muri di varie zone della città sono apparsi slogan inneggianti al capitano, auguri e svastiche.

Ieri il presidente dell’Anpi Roma, Francesco Polcaro, è stato sincero:

– Non posso dire che piangerò. E’ morto un assassino che ha ucciso più persone di un serial killer, che non si è mai pentito di quello che ha fatto e che peraltro ha vissuto una vita lunghissima, in parte anche felice.

Il presidente della Comunità ebraica di Roma, Riccardo Pacifici, spiega che “esistono delle certezze nella religione”.

– Quelli delle Fosse Ardeatine sono degli angeli e si occuperanno di lui per l’eternità – commenta -. Priebke farà i conti con loro nell’altro mondo.

Il deputato Emanuele Fiano del Pd ricorda che “nella tradizione ebraica non si gioisce per la morte di un nemico e così è per me, anche oggi”.

– Io ho gioito invece quando Priebke fu condannato, perché volevo e voglio che giustizia sia fatta per coloro che come lui commisero atroci crimini contro l’umanità.

Ultima ora

11:46Artigiano ucciso: moglie arrestata chiede revoca misura

(ANSA) - SESTRI LEVANTE (GENOVA), 16 DIC - L'avvocato di Gesonita Barbosa, la brasiliana 35enne in carcere con l'accusa di essere la mandante dell'omicidio del marito Antonio Oliveri, ha presentato al gip istanza di revoca della misura cautelare ed in subordine gli arresti domiciliari. "Agli atti non esistono prove concrete che colleghino la mia assistita all'omicidio del marito - spiega l'avvocato Nicoletta Peri -. Dopo aver consultato la signora Barbosa (che si dichiara completamente estranea al delitto. ndr) in carcere a Genova Pontedecimo abbiamo deciso di presentare la richiesta di scarcerazione proprio per l'inconsistenza di prove di colpevolezza. Inoltre continua una gogna mediatica per fare apparire la Barbosa quale omicida seriale". La richiesta di revoca degli arresti arriva mentre si indaga su una seconda morte avvenuta un anno fa, quella del vicino di casa della donna, Aldo Bacigalupo di 81 anni, deceduto ufficialmente per cause naturali. (ANSA).

11:44In fiamme auto ex assessore comunale di Catanzaro, indagini

(ANSA) - CATANZARO, 16 DIC - Un incendio, sulla cui natura sono in corso accertamenti, ha danneggiato nella notte l'auto dell'ex assessore comunale all'ambiente di Catanzaro, Giampaolo Mungo. La vettura, una Fiat 600, era parcheggiata nei pressi dell'abitazione nel quartiere Piterà del capoluogo. Le fiamme, che sono state spente dai vigili del fuoco del comando provinciale di Catanzaro, hanno completamente distrutto il vano motore dell'utilitaria. L'episodio è stato denunciato dallo stesso Mungo ai carabinieri della Compagnia di Catanzaro che hanno avviato le indagini. Nessuna ipotesi è al momento esclusa. Mungo, esponente del movimento Officine del Sud, si era dimesso dalla carica di assessore comunale lo scorso 24 novembre.

11:43Macron festeggia i 40 anni in castello Loira, polemiche

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il presidente francese François Macron, che compirà 40 anni il 21 dicembre, sta festeggiando il compleanno con amici e famiglia questo fine settimana al Castello di Chambord, il più imponente dei castelli della Loira, costruito da Francesco I di Francia nella prima metà del Cinquecento per poter organizzare grandi battute di caccia nel centro del paese. Secondo Le Monde online Macron e la moglie Brigitte sono giunti al castello ieri sera, insieme con i figli e i nipoti della première dame. Alloggiano nella Maison des réfractaires, una foresteria trasformata in albergo di lusso. L'Eliseo, confermando le informazioni, ha parlato di "weekend privato", di un costo "inferiore ai mille euro", interamente pagati dal presidente. Venerdì sera Macron ha incontrato un gruppo di cacciatori che in giornata aveva partecipato ad una battuta. Questa sera il presidente festeggerà il compleanno con qualche giorno di anticipo in uno dei saloni di questo capolavoro del Rinascimento francese.

11:40Moto: Sky Racing Team Vr46 corre a X-Factor

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Dalla pista al palcoscenico di X Factor. Come da tradizione, anche quest'anno i piloti dello Sky Racing Team VR46 hanno preso parte alla serata della finale del talent show musicale. Per l'occasione, Francesco Bagnaia, Luca Marini, Nicolò Bulega e Dennis Foggia hanno svelato in diretta su Sky Uno HD le livree della stagione 2018 di Moto2 e Moto3. Il Team, nato nel 2014 dal progetto condiviso tra Sky e la VR46 di Valentino Rossi per sostenere la crescita dei giovani talenti italiani del motociclismo, si proietta verso la stagione 2018 tra novità e conferme, con quattro piloti in due categorie: in Moto2 Luca Marini affiancherà Francesco Bagnaia su Kalex mentre, in Moto3, Dennis Foggia correrà con Nicolò Bulega su KTM. Bagnaia, Rookie dell'anno in Moto2 dividerà il box con il 20enne Luca Marini, talento coltivato nell'orbita della VR46 Riders Academy e protagonista di una crescita costante e significativa. Bulega, in Moto3 con l'obiettivo di essere sempre più competitivo

11:23‘Our Le Mans’: ecco il docufilm di Cetilar Villorba Corse

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Sarà distribuito via web lunedì 18 dicembre Our Le Mans ("La nostra Le Mans"), il docufilm che racconta l'esordio del team Cetilar Villorba Corse alla 24 Ore di Le Mans 2017. Diretto da Nico Fulciniti di JOBDV/Studio, il film sarà visibile collegandosi alla pagina www.cetilarvillorbacorse.com/film all'interno del portale ufficiale del team tutto italiano diretto da Raimondo Amadio che con la Dallara P217 condotta da Roberto Lacorte, Giorgio Sernagiotto e Andrea Belicchi si è classificato nono assoluto e settimo di classe LMP2. Totalmente incentrata sul racconto/resoconto di questo straordinario debutto nella leggendaria ed estenuante gara automobilistica francese, la pellicola è il sequel del precedente "Road to Le Mans", presentato nell'aprile scorso e che raccontava l'evoluzione del progetto Cetilar Villorba Corse dalla nascita fino alla conferma della prima partecipazione avvenuta nel segno del motto distintivo "Italian Spirit of Le Mans" nel giugno scorso.

11:13Moto: varati calendari 2018 minimoto e Civ Junior

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Scatteranno nel fine settimana del 22 aprile il Campionato Italiano Minimoto e il CIV Junior 2018. A poco più quattro mesi dall'inizio dei tricolori dedicati ai giovanissimi della velocità nazionale, sono stati pubblicati i calendari di entrambe le competizioni a ruote basse. Sia nel Campionato Italiano Minimoto che nel CIV Junior si disputeranno due round per ogni weekend, per un totale di 5 tappe e 10 gare a Campionato. Campionato Italiano Minimoto: la prima partenza avverrà nel nuovo impianto di Cervesina (PV), poi si correrà una volta al mese (ad eccezione di agosto mese dedicato al campionato europeo) fino a settembre. Dopo il semaforo verde del 21 e 22 aprile, il secondo appuntamento si svolgerà il 12 e 13 maggio a Castrezzato (BS). Gli impianti di San Mauro Mare (FC) e Contigliano (RI) ospiteranno, rispettivamente il 9-10 giugno e il 14-15 luglio, gare che potranno essere determinanti. Gran finale il 15 e 16 settembre a Jesolo (VE).

11:05Basket: Nba, tonfo inatteso di Boston, corre Houston

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - L'inatteso tonfo casalingo di Boston e la dodicesima vittoria consecutiva di Houston sono i dati salienti della notte Nba, nella quale si sono giocate undici partite. I Celtics hanno dovuto cedere le armi agli Utah Jazz con il punteggio di 107-95. Sonante la vittoria dei Rockets sui San Antonio Spurs, 124-109 (Chris Paul a segno con 28 punti). Vittoria di misura 96-94 dei Memphis Grizzlies sugli Atlanta Hawks di Marco Belinelli, autore di una buona prestazione, segnando 14 punti in soli 21 minuti. Prestazione magnifica invece per Russell Westbrook, ormai tornato quello dei tempi migliori, che ha messo a segno una tripla doppia (27 punti, 17 rimbalzi e 15 assist) trascinando alla vittoria Oklahoma su Philadelphia per 119-117 in una partita allungata fino a 3 overtime. Da segnalare infine la sconfitta dei Clippers con i Washington Wizards per 100-91 e la vittoria di Denver su New Orleans per 117-111.

Archivio Ultima ora