Comites di Caracas, illustre sconosciuto!

Pubblicato il 11 ottobre 2013 da redazione

CARACAS – Scongiurato il rischio di una crisi politica, nell’ambito della Comunità italiana l’attenzione torna a ruotare attorno alle vicende del Comites. In primavera si dovrebbero tenere, infatti, le elezioni dei suoi rappresentanti (in carica dal 2004) per ogni circoscrizione consolare; elezioni già rinviate in più occasioni per via dei tagli alla spesa pubblica.

Per ascoltare la voce della nostra Collettività, abbiamo rivolto alcuni quesiti ai connazionali presenti nelle strutture del Centro Italiano-Venezuelano di Caracas. In un caldo e soleggiato pomeriggio, tra un caffè ed un sorriso, l’accento è stato volutamente posto su domande semplici e dirette

– Lei sa cos’è il Comites di Caracas, a cosa si dedica e quali sono le sue funzioni?

– Ha mai assistito ad una riunione di questo organismo?

– Conosce il nome del presidente del Comites di Caracas?

Facce ed espressioni interrogative sono state una costante. Comites di Caracas…? Rappresentanti eletti…? Organismo di rappresentanza…? Supore, meraviglia, sbalordimento ma non, fortunatamente freddezza e indifferenza. Se per un verso é stato sorprendente constatare che gli italiani, parte di un circolo organizzato e storicamente rilevante, avessero le idee così poco chiare riguardo ad un dossier tanto importante; dall’altro é stato riconfortante poter notare l’interesse destato dalle domande della “Voce”, quasi si aprisse agli occhi degli intervistati un mondo sconosciuto, fino a ieri, a quanto pare, appannaggio solo di pochi.

«Non ne ho idea! Mi stai parlando del Comitato del Civ?». Lasciando trasparire la sua incertezza sin dal principio, Mariela Di Blassi prova a mettere l’accento sull’importanza di poter contare sul sostegno dell’Italia. «Certamente è una istituzione utile perché noi italiani abbiamo molti problemi per i quali non possiamo sempre fare capo al consolato».

Il signor Rafael Giordano, da 57 anni in Venezuela, ha affermato senza mezzi termini che non aveva mai sentito parlare di questo organismo.

«È la prima volta che ascolto qualcosa sui…come hai detto? Comites di Caracas? Non so quale sia il loro indirizzo e nemmeno con chi dovrei parlare  per contattarli».

Preso atto degli evidenti problemi di disinformazione, abbiamo deciso di aggiungere un’ulteriore domanda per far sì che i nostri connazionali potessero esprimersi di più, magari offrendo delle idee su come si potrebbe trasformare in meglio questa realtà.

– Secondo lei, cosa si può fare per tenere informata la Comunità italiana sulle tematiche di maggior rilievo?

Domanda che ha acceso l’immaginazione di tutti gli intervistati, tra i quali il signor Giordano. «Il Civ sarebbe il luogo perfetto per il Comites di Caracas. Qui sarebbe più semplice incontrare qualcuno se si ha qualche problema». Dopo aver sottolineato che il Centro Italo-Venezuelano sarebbe la sede ideale per diffondere operato e funzioni del Comites, Giordano ha concluso il suo intervento affermando che, a suo giudizio, «Il Comites di Caracas è soltanto un’immagine, una “facciata”».

In un altro spazio dell’Italo, tre distinti signori erano pronti a giocare domino. Tra loro, Enzo Spiniello, un uomo raggiante di felicità che ha risposto alle nostre domande con grande serenità.

«Conosco soltanto le elezioni, che è proprio il giorno in cui loro ci guadagnano qualcosa. Rappresentare una Comunità significa fare del bene ed io non ho mai visto questa istituzione soccorrere in concreto gli italiani nelle carceri o gli indigenti. Potrebbero, e dovrebbero, intervenire nei momenti critici».

Una opinione così specifica e centrata anche su quei dettagli che a volte passano inosservati. «Io direi di non prendere giovani perché loro si aspettano degli aiuti però non sempre sono disposti a tendere una mano. Al contrario, ci vorrebbero persone anziane che abbiano più tempo e che siano economicamente più stabili perché se hai a che fare con gente che deve pensare al proprio lavoro, nessuno farà mai niente di concreto per la collettività». Così, il signor Spiniello prova a dare delle proposte mirate per risolvere il problema alla radice.

Riguardo ai problemi di diffusione delle informazioni «sarebbe necessario far circolare dei documenti o fare vera e propria pubblicità per spiegare chi sono, dove stanno e cosa fanno. Se non si fanno conoscere, la maggioranza dei connazionali non saprà mai chi sono o al massimo, come nel mio caso, sapranno solo e soltanto il loro nome».

«Il Comites di Caracas potrebbe essere utile, anzi, sarebbe indispensabile se facesse quello che dovrebbe fare, cioè dedicarsi appieno a noi», ha concluso.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Milena Giordani, assistente in una ditta di assicurazioni. «Veramente non so niente riguardo a questo organismo, ma immagino possa essere utile se funzionasse come dovrebbe».

Un altro intervistato è stato l’amministratore delegato dell’Associazione Venezuelana di Ospedali Pubblici e Privati, Pedro Del Medico. «In realtà non conosco i dettagli riguardo a questo comitato. Ho sentito soltanto alcuni amici parlarne alle volte.  Ma veramente non so quali siano le sue funzioni né da chi sia composto», ha ammesso mentre seguiva il suo bambino che faceva i compiti. «Ciononostante, il fatto che io non sappia cosa facciano, non vuole dire che sia così per tutti».

La disinformazione si potrebbe risolvere «utilizzando al meglio le risorse che abbiamo a disposizione». Secondo le parole di Del Medico «l’uso degli spazi del Civ e dei social network è fondamentale. Non prenderli in considerazione, oggigiorno, mostrerebbe una marcata mancanza di buon senso. Il sito web del club, Facebook, Twitter ed anche il vostro giornale sono mezzi potenzialmente importanssimi per divulgare e condividere le info». Lo stesso Del Medico lancia una proposta molto interessante che a lungo termine potrebbe rivelarsi decisiva. «È importante parlare con i giovani. Pure loro dovrebbero essere al corrente su questi temi. Sapere che c’è un’istituzione che ha il compito di trasmettere le loro necessità alle autorità italiane può fare la differenza».

Maria Concetta D’Introno, professoressa di musica, la pensa in modo simile. «È un argomento che dovrebbe essere di pubblico dominio. Avere l’appoggio di questa istituzione ci risparmierebbe tanti dispiaceri. Bisogna dare più visibilità a questi organismi su Internet ed all’interno dello stesso Civ».

Da dietro le vetrate della sua edicola abbiamo avuto modo di parlare con il signor Giorgio Forasacco. «Veramente no so cosa siano né cosa facciano. E non sapendo cosa sono né cosa fanno non vi posso dare una risposta onesta su questo, allora preferirei lasciar perdere», afferma un po’ ostile, aggrottando le sopracciglia. «Prima avevamo qualche giornale o qualche mezzo a disposizione per noi emigrati in Venezuela che adesso, però, sono spariti. Immagino che, siccome non hanno più ricevuto soldi dall’Italia, abbiano dovuto chiudere i battenti ed ora viviamo nella più totale ignoranza rispetto a quanto sta accadendo».

Dopo queste parole, l’atmosfera si fà un po’ più tesa. Cambia rapidamente, però, con il ritmo del merengue che si sente vicino al campo di bocce in cui molti si divertono prima di cominciare la lezione di ballo. «Vi riferite ai comitati del club?», chiede confusa Lisbeth Sierra di Bocchio, allenatrice e professoressa di Zumba. Vedendo che non sapeva a cosa si riferisse esattamente la domanda, abbiamo cercato di approfondire per spiegare funzioni e compiti dell’istituzione e per sapere se, avendole in conto, le considerasse importanti. «Certo che è importante». Afferma convinta. E si spinge oltre: «così le autorità possono essere al corrente riguardo ai problemi ed alle necessità degli italiani. Quello che fate voi pure è importantissimo! È necessario rendere note queste istituzioni affinché la gente sia informata!».

Ciò che si nasconde dietro tanta confusione è però più grave di quanto si possa pensare a primo acchitto. Questo perché, nella migliore delle ipotesi, c’è un problema di comunicazione tra Comites di Caracas e la Comunità. Eppure le tecnologie moderne, accessibili a tutti ormai, hanno distrutto ogni frontiera e reso il “villaggio sempre piú globale”. Viceversa, volendo interpretare il tutto in termini più critici e negativi, verrebbe da pensare che il lavoro di coloro che siedono, da molti anni ormai, all’interno di questo organismo non venga rilevato o, peggio, non sia rilevabile.

Arianna Pagano e Yessica Navarro

Ultima ora

18:24Maltempo: trovati morti padre e figlio dispersi a Crognaleto

(ANSA) - CROGNALETO (TERAMO), 20 GEN - Sono stati trovati morti padre e figlio dispersi da ieri nel comune montano di Crognaleto, nel teramano. A ritrovarli una delle squadre dei Vigili del Fuoco impegnate nelle ricerche da ieri sera. Mattia Marinelli, 23 anni, e il padre cinquantenne Claudio erano usciti di casa per andare a comprare delle pizze. La loro auto è stata individuata lungo la strada comunale nella frazione di Poggio Umbricchio; potrebbero averla lasciata lì perché in panne. Il paese è da giorni sotto una fitta coltre di neve e molte abitazioni sono senza energia elettrica a causa del maltempo. Recuperato in mattinata il corpo di Mattia, nel primo pomeriggio è stato ritrovato, poco distante, il padre, in fondo a una piccola scarpata piena di neve ghiacciata. Le salme sono state composte all'obitorio dell'ospedale Mazzini di Teramo, in attesa di una decisione della magistratura.

18:21Mamma modello in tv condannata per maltrattamenti ai figli

(ANSA) - TORINO, 20 GEN - È stata condannata a 1 anni e 10 mesi per maltrattamenti nei confronti dei sette figli, la donna che, qualche anno fa, era stata presentata in tv come una madre modello. Il giudice monocratico Diamante Minucci ha accolto la pena chiesta dal pm Marco Sanini, mentre l'ha assolta dall'accusa di maltrattamenti al consorte. A denunciare la donna è stato proprio il marito, parte civile nel processo e rappresentato dall'avvocato Anna Ronfani. Secondo la denuncia dell'uomo, che ha presentato anche alcuni video delle violenze, i problemi sarebbero iniziati nel 2013, dopo la nascita dell'ultimo bambino. "Un momento di particolare stress per la mia cliente", ha detto in aula l'avvocato difensore della donna, Elena Negri. "Questi episodi - ha aggiunto - sono stati il frutto di un comportamento provocatorio del marito". Secondo il legale, l'uomo, "invece di preoccuparsi di fornire sostegno adeguato alla moglie, ha pensato di scaricare ogni difficoltà e responsabilità su di lei, arrivando a sostenere, anche in presenza dei figli, che era affetta da disturbi psichiatrici risultati invece insussistenti". Il tribunale infatti ha respinto la richiesta di decadenza dalla responsabilità genitoriale", conclude il legale affermando che "la vicenda penale è una coincidenza strumentale a quella della separazione". (ANSA).

18:18L’Isis decapita un maestro sufi nel Sinai

(ANSA) - IL CAIRO, 20 GEN - L'Isis continua ad intimidire le popolazioni del nord-est del Sinai per scoraggiare una loro collaborazione con le autorità egiziane: un prelato sufi è stato rinvenuto decapitato stamattina nella penisola. Lo riferiscono fonti della sicurezza citando la famiglia del "maestro" (Shaikh) di dottrine islamiche Saleh Greir. L'uomo era stato sequestrato ieri davanti alla propria abitazione ad Al Arish dal braccio egiziano dell'Isis, gli ex "Ansar Beit el-Maqdis", precisano le fonti. Sempre ieri un professore di 38 anni è stato ucciso a colpi di arma da fuoco mentre camminava per strada nella stessa Arish, aggiungono le fonti ricordando che gli Ansar uccidono le persone sospettate di aver collaborato con l'esercito. Come noto i metodi e dottrine del sufismo tendono a preservare la comunità islamica da un irrigidimento della fede e da un letteralismo arido e legalistico.

18:18Calcio: Cataldi, a Genova per 6 mesi ma voglio vincere

(ANSA) - GENOVA, 20 GEN - "Sono qua per vincere più partite possibili e per dare delle gioie ai nostri tifosi". Non si nasconde Danilo Cataldi nel giorno della presentazione ufficiale al Genoa, dove è arrivato in prestito dalla Lazio. "So che tra sei mesi tornerò alla Lazio ma non sono una persona che viene qua a fare sei mesi, tanto tra poco me ne vado - ha spiegato -. Sono un professionista e vengo a fare il massimo. Sono uno che si arrabbia quando perde la partitella in allenamento, potete immaginare in campionato, di certo non sono un burattino". Schierato subito a Cagliari, ma non contro la sua ex squadra in Coppa Italia, Cataldi domenica troverà il Crotone. "Li ho affrontati qualche settimana fa e mi aspetto un Crotone tosto come è stato in tutte le partite. Non ricordo ad esempio un Crotone che ha subito goleade. Sono una squadra dura con due attaccanti importanti che possono tenere su la palla e molto fastidiosi da marcare - ha aggiunto -. Ma noi in questo momento dobbiamo pensare a fare risultato e basta".

18:17Trump: Bill e Hillary Clinton a Capitol Hill per giuramento

(ANSA) - NEW YORK, 20 GEN - Hillary e Bill Clinton arrivano a Capitol Hill per il giuramento di Donald Trump. Hillary è tutta vestita in bianco, con completo pantalone e cappotto.

18:16Truffa assicurazioni con falsi incidenti, 55 denunciati

(ANSA) - PLATI' (REGGIO CALABRIA), 20 GEN - Una truffa ai danni di compagnie assicurative è stata scoperta dai carabinieri di Platì che hanno denunciato 55 persone residenti nella Locride, perché ritenute responsabili, a vario titolo, di truffa, fraudolento danneggiamento dei beni assicurati e mutilazione fraudolenta della propria persona. L'indagine è partita nell'ottobre 2015 dopo alcuni indennizzi derivanti da infortuni stradali ritenuti sospetti ed è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Locri. L'inchiesta avrebbe evidenziato che 19 incidenti stradali denunciati tra il 2014 e il 2016 in realtà non erano mai avvenuti. Secondo i carabinieri, gli indagati, chi come conducente di veicoli, chi come trasportato, chi come testimone, avrebbero percepito complessivamente circa 200 mila euro. Dalle indagini è emerso anche che alcuni mezzi sarebbero stati coinvolti in più incidenti nello stesso giorno e che diversi incidenti si sarebbero verificati tra familiari conviventi. (ANSA).

18:14Trump sceglie cravatta rossa, Melania in stile ‘Jackie O’

(ANSA) - NEW YORK, 20 GEN - Donald Trump sceglie una cravatta rossa per l'Inaugurazione, mentre Melania indossa abito e guanti celeste chiaro, adottando uno stile Jackie O Kennedy. Il presidente eletto e la futura First lady sono andati nella chiesa di St. John, seguiti da tutta la famiglia Trump, guidata da Ivanka, tutta vestita di nero, e il marito Jared Kushner. Poi sono arrivati alla Casa Bianca, dove hanno preso un te' con Barack e Michelle Obama. A precedere il loro arrivo, quello del vice presidente eletto Mike Pence, accolto da Joe Biden e sua moglie. Michelle e Melania si sono abbracciate, e la futura First Lady ha consegnato a Michelle un pacco regalo di Tiffany. Alcuni secondi di 'imbarazzo', con Michelle che non sa a chi darlo. La consegna del pacco rompe il protocollo, spiazzando l'ormai ex first lady che con il regalo in mano si gira verso la sicurezza, come a chiedere 'a chi lo posso dare?'. Alla fine e' Barack Obama a risolvere la situazione, prendendo il pacco e consegnandolo allo staff.

Archivio Ultima ora