Ancora Birsa, il Milan rialza la testa contro l’Udinese

Pubblicato il 19 ottobre 2013 da redazione

Milan-Udinese 1-0

Milan (3-4-1-2): Gabriel 7, Abate 6.5, Silvestre 6.5, Zapata 6, Constant 6, Poli 6, Montolivo 7, Muntari 5.5(41′ st Nocerino sv), Birsa 7 (23′ st Niang 6), Robinho 5.5, Matri 5.5 (32′ st Kakà 6). (1 Amelia, 33 Vergara, 35 Coppola, 81 Zaccardo, 28 Emanuelson, 24 Cristante, 8 Saponara). All.: Allegri 6.5.

Udinese (3-5-1-1): Kelava 6, Heurtaux 5.5, Danilo 6, Naldo 5.5, Basta 5 (6′ st Muriel 5), Pinzi 5 (29′ st Zielinski 5.5), Allan 6, Lazzari 6, Gabriel Silva 5.5, Pereyra 5.5 (44′ st Ranegie sv), Di Natale 5 (99 Benussi, Douglas, 6 Bubnjic, 27 Widmer, 7 Badu, 32 Bruno Fernandes, 52 Merkel, 70 Maicosuel, 17 Nico Lopez). All.: Guidolin 5.5.

Arbitro: Guida 6.5.

Reti: nel pt 22′ Birsa. Angoli: 10-3 per il Milan. Recupero: 1′ e 4′. Ammoniti: Pinzi, Montolivo, per gioco falloso; Muntari, Pereyra, Robinho, Allan per gioco non regolamentare. Spettatori: 33.188 per un incasso di 818.297,22 euro.

I GOL – 22′ pt: Milan in vantaggio grazie a un gran gol di Birsa che, servito da Robinho, piazza uno straordinario sinistro all’incrocio dei pali.

MILANO. – Nel momento piu’ difficile di una stagione durissima, il Milan rialza la testa e trova in Birsa l’eroe della serata. Suo il gol decisivo contro l’Udinese che conferma di avere tante difficolta’ lontano da casa. I rossoneri vincono meritatamente, salgono a quota undici, ritrovano morale e grinta in vista della partita di martedi’ contro il Barcellona. All’Udinese concedono poco o nulla e, dato importante, riescono finalmente a non incassare neanche un gol. Birsa e’ il jolly ma Montolivo prende per mano la sua squadra e la conduce con autorevolezza alla vittoria. Molto positivo l’esordio di Gabriel fra i pali salutato con grande partecipazione dal pubblico di San Siro. Torna a giocare Kaka’: sul finale scampolo di partita per lui e ovazione dello stadio. Si riscatta anche Silvestre. La giornata non era iniziata sotto buona stella: si fa male Abbiati, ancora un infortunio per un Milan davvero sfortunato. Massimiliano Allegri e’ costretto a sostituirlo con il giovane Gabriel. L’infermeria rossonera e’ davvero affollata: De Sciglio, Pazzini, El Shaarawy, Bonera e Balotelli. Assenti per squalifica anche De Jong e Mexes. Coperta troppo corta, appena appena sufficiente, per una squadra con otto punti in classifica, con il morale sottoterra, scossa dalle polemiche legate al suo uomo migliore Balotelli che assiste alla partita dalla tribuna. Espressione torva per il campione infortunato. Galliani non drammatizza prima della partita, vede la panchina di Allegri piu’ che mai solida ma la tensione c’e’. Non si puo’ sbagliare: l’allenatore lo sa. Per lui una buona notizia arriva da Kaka’ che ritorna disponibile ma quella piu’ bella – che scoprira’ poco dopo il fischio di inizio – viene da Birsa che torna al gol dopo essere stato decisivo gia’ contro la Sampdoria. La sfida, nella fase iniziale, e’ soporifera, noiosa con qualche tiro dalla distanza a spezzare la monotonia. Il ritmo cresce dopo i primi venti minuti: il gol del Milan e’ nell’aria. Al 20′ Birsa avanza palla al piede, supera un paio di avversari ma viene brutalmente atterrato da Pinzi: fallo da rosso punito pero’ solo con il cartellino giallo. Al 22′ arriva il vantaggio del Milan con uno straordinario gol di un irresistibile Birsa che con un gran sinistro trova l’incrocio dei pali. Boccata d’ossigeno per il Milan che stringe i denti e non cede di un millimetro. Ci riprova Birsa , para Kelaya che non trattiene ma sulla ribattuta Poli sbaglia tutto. I rossoneri cercano di mettere al sicuro il risultato con Matri che pero’ non riesce a trovare lo specchio della porta. L’Udinese reagisce debolmente con un sinistro al 31′ di Gabriel Silva e al 36′ con un tiro di Basta. L’Udinese – alla ripresa – e’ costretta a cambiare: Muriel al posto di Basta. Il Milan e’ lucido: cala Birsa ma cresce Poli e migliora Robinho. Evanescente invece Di Natale. Unico guizzo al 18′ quando calcia una punizione che Gabriel devia sulla traversa. Brivido per il Milan che ci crede e si produce in belle giocate con Poli al 23′ e al 28′. Birsa e’ stanco, Allegri sceglie la freschezza di Niang. Guidolin sostituisce Pinzi con Zielinski. Poi esce Matri ed ecco Kaka’ al suo gran ritorno. In campo sale il nervosismo: all’inizio della ripresa avevano frizionato Muntari e Pereyra, dopo scintille fra Robinho e Allan. Niente di preoccupante: la partita e’ pienamente nelle mani dell’arbitro Marco Guida. Al 39′ provvidenziale chiusura di Abate su Muriel, poi Kaka’ riesce a dare una palla d’oro a Niang che non trova la porta. Il Milan chiude in crescendo, in attacco con Niang che si fa davvero pericoloso e sfiora il gol. Poco o niente l’Udinese che cambia qualche modulo di troppo ma che non trova la quadra della partita: la squadra e’ imprecisa, timida, perde molti palloni, non e’ efficace in attacco. Il Milan conquista tre ottimi punti in una situazione complicata e difficile, riesce a dimostrarsi un gruppo compatto e volitivo e si stringe intorno ad Allegri, sempre compassato e sereno anche quando tutto sembra andare male. La rincorsa non sara’ facile e il peggio non e’ del tutto passato. Martedi’ grande sfida contro il Barca senza Mario Balotelli. Da lui dipende molto del futuro del Milan: la sua classe e’ una certezza ma la sua crescita e’ ancora un punto interrogativo.

Ultima ora

16:13Serie A: Milan travolto a Verona, Hellas vince 3-0

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Un'altra 'fatal Verona' nella storia del Milan, travolto oggi al Bentegodi dall'Hellas con un 3-0 che non ammette alibi. Svagati, molli e forse anche un pizzico presuntosi dopo il 3-0 rifilato proprio agli scaligeri in Coppa Italia tre giorni fa, i rossoneri hanno inanellato l'ennesima prova incolore stagionale che li lascia al 7mo posto in classifica, destinato forse a peggiorare dopo la giornata di oggi con Atalanta e Fiorentina che devono ancora scendere uin campo. Fa un grande passo avanti invece il Verona che da penultimo sale al momento in quart'ultima posizione. Il cambio di panchina non sembra dunque aver portato nessuna svolta in casa Milan (9 punti in meno rispetto a un anno fa) travolto dai gol di Caracciolo di testa nel primo tempo e dall'uno-due di Kean, in contropiede, e Bessa dopo un altro micidiale contropiede. A rovinare ulteriormente il clima rossonero anche il 'rosso' diretto a Suso per un fallo di frustrazione e che salterà Milan-Atalanta del prossimo turno.

16:07Ex calciatore ucciso: Rullo a gip, è stata mia madre

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - "Sono innocente, è stata mia madre". Si è difeso in questo modo Raffaele Rullo, fermato per l'omicidio dell'ex calciatore Andrea La Rosa mentre sua madre, Antonietta Biancaniello ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere davanti al gip durante l'udienza di convalida del fermo. Rullo, come la madre accusato di omicidio premeditato e soppressione di cadavere, assistito dall'avvocato Luigi Di Martino è ora in attesa del provvedimento del gip che si è riservato. La donna si era addossata la responsabilità del delitto ed era stata trovata, giovedì sera, mentre, a bordo della sua auto stava probabilmente cercando di liberarsi del corpo dell'ex calciatore di Serie C che era stato messo in un fusto per il gasolio. Avevano anche comperato dell'acido per scioglierlo. All'origine del delitto un debito che Rullo aveva con la vittima per circa 30mila euro.

15:44Gerusalemme: sindaco Nazareth, feste Natale ci saranno

(ANSAmed) - TEL AVIV, 17 DIC - Il sindaco di Nazareth, città arabo israeliana del nord del paese, ha fatto sapere che le feste di Natale si svolgeranno nel luogo da programma e non saranno ridotte come annunciato nei giorni scorsi in protesta contro la decisione di del presidente Usa Donald Trump su Gerusalemme. "Le notizie che gli eventi di Natale erano stati cancellati - ha detto il sindaco Ali Salam citato dai media - non erano corrette. Come ogni anno la città è decorata per le feste". Il 14 dicembre l'agenzia ufficiale palestinese Wafa aveva riportato una dichiarazione di Salam, che è musulmano, in cui si annunciava la sospensione, eccetto per l'illuminazione dell'albero di Natale e per l'annuale marcia di Capodanno, per protesta "contro l'annuncio di Donald Trump su Gerusalemme".

15:40Brexit: May, non ci fermeremo, ci sarà accordo ambizioso

(ANSA) - LONDRA, 17 DIC - Theresa May lancia una offensiva mediatica sui domenicali più vicini al suo partito conservatore, Sunday Telegraph e Sunday Express, affermando che il suo governo non si fermerà nella Brexit e che porterà a termine un "accordo ambizioso" con Bruxelles. L'intervento della premier arriva dopo la cocente sconfitta ai Comuni su un emendamento alla Withdrawal Bill, la legge quadro sul divorzio dall'Ue, in seguito a una ribellione di 12 deputati Tory. La prossima settimana rischia una nuova 'rivolta' contro l'inserimento nel testo di legge della data di addio all'Unione, il 29 marzo 2019. Ma la May punta tutto sul successo ottenuto a Bruxelles con il via libera alla fase due dei negoziati e sottolinea che i "pessimisti avevano torto" e che non c'è limite ora alla "ambizione e alla creatività" di Londra nel raggiungere una intesa finale con l'Ue.

15:37Francia, cresce popolarità Macron e premier Philippe

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Sondaggio decisamente positivo per il presidente francese Emmanuel Macron e il premier Edouard Philippe. Secondo il Journale du Dimanche (Jdd), oltre il 50% dei francesi approva l'operato dei due. Macron, in particolare, vede la sua popolarità risalire al 52%, con il 46% (-6 rispetto al mese precedente) di scontenti. Il massimo era stato raggiunto a luglio con il 54% di pareri positivi. Per Philippe, i pareri positivi sono il 54%, gli scontenti il 42%.

15:05Sci: Hirscher vince gigante Badia, è la 5/a volta di fila

(ANSA) - ALTA BADIA, 17 DIC - Il fuoriclasse austriaco Marcel Hirscher ha vinto alla grande in 2.25.42 lo slalom gigante di Cdm di Alta Badia. E' la sua quinta vittoria in serie sulla pista Gran Risa ed ha cosi' anche staccato Alberto Tomba che aveva vinto quattro volte sul famoso tracciato. In cdm e' poi il 48/o successo di Hirscher che si avvicina alle 50 vittorie ottenute in carriera dall'azzurro. Alle spalle di Hirscher sono arrivati il norvegese Henrik Kristoffersen in 2.27.12 e lo sloveno di 23 anni Zan Kranjec, al primo podio in carriera, in 2.27.24. Il migliore degli azzurri - con una buona seconda manche dopo aver chiuso 10/o la prima - e' stato il trentino Luca De Aliprandini 8/o in 1.27.92. Poi ci sono Roberto Nani e Florian Eisath 16/i appaiati in 2.28.85 e Manfred Moelgg 19/o in 2.29.13. Domani sera, alla luce dei riflettori, e' in programma uno slalom gigante parallelo.

14:03Savoia: atterrato a Cuneo aereo con salma re

(ANSA) - CUNEO, 17 DIC - L'aereo partito questa notte da Alessandria d'Egitto con le spoglie del re Vittorio Emanuele III, è atterrato pochi minuti fa all'aeroporto di Cuneo-Levaldigi. La salma del re verrà traslata al Santuario di Vicoforte, nei pressi di Mondovì, dove riposerà accanto alla moglie regina Elena di Savoia. Non è vero che una parte della famiglia reale è stata tenuta all'oscuro dell'arrivo in Italia delle salme. "Erano tutti assolutamente informati: bisogna distinguere nettamente fra discrezione e segreto, o tentativo di occultare". Lo ha detto ai giornalisti Aldo Alessandro Mola, già presidente della Consulta dei senatori del Regno. "Qui - ha precisato - non c'era niente da occultare. La scelta di Vicoforte era stata individuata sin dal 19 marzo 2011, nel centocinquantesimo dell'Unità d'Italia".

Archivio Ultima ora