Imprenditore in crisi evade il fisco, assolto a Milano

Pubblicato il 24 ottobre 2013 da redazione

MILANO. – Aveva evaso 180 mila euro di Iva, perché quei soldi che doveva all’Erario non li aveva, dato che la sua azienda era sull’orlo del fallimento. Finito a processo, i suoi legali hanno sostenuto che non era riuscito a pagare il dovuto ”a causa della difficile situazione economica dell’impresa” e alla fine il giudice ha assolto l’imprenditore con formula piena ”perché il fatto non costituisce reato”, non ravvisando nel suo comportamento la volontà di sfuggire al Fisco. Una sentenza che si inserisce in una linea giurisprudenziale già tracciata negli ultimi anni – quelli caratterizzati dalla crisi economica e dal tracollo delle piccole imprese – che ha visto arrivare già due verdetti del genere, nei mesi scorsi, a Milano e uno a Venezia. Il presunto evasore di 180 mila euro di Iva, invece, è stato assolto ieri dal gup del capoluogo lombardo, Carlo De Marchi. Per lui, però, conclusasi così la vicenda penale resta comunque aperto il contenzioso tributario per le imposte non versate. L’imprenditore, assistito dagli avvocati Luigi Giuliano Martino e Marco Petrone, era stato in un primo tempo condannato con decreto penale a 6 mesi di reclusione convertiti in una multa di oltre 40 mila euro, dopo che la Procura aveva accertato la violazione fiscale, segnalata dall’Agenzia delle Entrate. I suoi difensori, però, si sono opposti al decreto di condanna e hanno chiesto il processo con rito abbreviato per l’uomo, accusato di ”omesso versamento di Iva” e titolare di una piccola azienda nel settore informatico che è in fase di fallimento. Nel processo i due legali hanno chiarito che l’imprenditore aveva evaso l’imposta ”a causa della difficile situazione economica dell’impresa e, più in generale, della crisi finanziaria del Paese”. Gli avvocati hanno spiegato inoltre nell’arringa che ”l’Agenzia delle Entrate era stata doverosamente informata dal contribuente dell’importo Iva dovuto, motivo per cui non vi era stato l’intento di evadere”. Il gup, al termine del processo, ha assolto l’imputato perché, come chiariscono i difensori (le motivazioni saranno note tra 30 giorni), non ha ravvisato ”l’elemento soggettivo del reato, vale a dire la volontà di omettere il versamento”. La condotta dell’imprenditore, precisano i legali, ”pur rendendolo inadempiente, non poteva aver rilevanza dal punto di vista penale”. Oltre allo stato di crisi di liquidità dell’imprenditore, a portare all’assoluzione, da quanto si è saputo, sarebbe stato anche il fatto che la richiesta di pagamento dell’Iva era arrivata nel momento in cui lui aveva già presentato domanda di concordato preventivo. Istanza di concordato, comunque, che poi non è stata accolta dai giudici fallimentari. Già nei mesi scorsi, a Milano era stato assolto un imprenditore accusato di evasione fiscale per il mancato versamento di circa 180 mila euro di Iva, ma che vantava crediti dalla pubblica amministrazione per circa 1 milione e 700 mila euro. E lo stesso era accaduto anche al legale rappresentante di una comunità di recupero per tossicodipendenti e a un imprenditore di Treviso, prosciolto a Venezia.

Ultima ora

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

20:41Nuoto: Europei, Romanchuk oro e Paltrinieri secondo

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Gregorio Paltrinieri si è dovuto accontentare dell'argento nella finale dei 1500 stile libero, agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, conclusi con il tempo di 14'22"93. L'oro è andato all'ucraino Mykhaylo Romanchuk (14'14"59), il bronzo al norvegese Henrik Christiansen (14'25"66).

Archivio Ultima ora