Maduro lancia iniziative contro “guerra economica”

CARACAS. – Il presidente venezuelano, Nicolás Maduro, ha lanciato una “grande operazione civico militare” per contrastare quello che ha definito la “guerra economica” organizzata dalla “borghesia parassita” per “saccheggiare” le risorse del popolo e trasformare il paese “in un altro Egitto”. Lo strumento principale della campagna lanciata dal governo per cercare di controllare l’inflazione e la scarsità dei beni di prima necessità – che Maduro attribuisce a un complotto dell’opposizione – sono i Comitati di Difesa Popolare dell’Economia, che devono monitorare settori come il tessile, i calzaturifici, la produzione di elettrodomestici e i prodotti per la pulizia domestica e l’igiene. Il presidente ha detto che il paese soffre di una “inflazione indotta, con un componente moltiplicatore speculativo” e ha assicurato che farà tutto il possibile per “raggiungere un nuovo ordine economico nazionale interno che guidi la nostra transizione verso il socialismo”.

L’opposizione ha respinto le giustificazioni del governo per la crisi che vive il paese: “Il Venezuela registra i peggiori risultati economici della regione, e questo è conseguenza del controllo e le regolamentazioni del governo”, ha detto il deputato Eduardo Gomez S¡gala, secondo il quale “la verità è che non siamo davanti a una guerra economica, ma piuttosto a una economia di guerra, imposta da questo governo”.