Nassiriya: 10 anni dalla strage, ricorrenza tra le polemiche

Pubblicato il 12 novembre 2013 da redazione

ROMA. – Una ferita che sanguina ancora, quei 19 italiani uccisi da un attentato alla base Maestrale di Nassiriya il 12 novembre 2003. E ieri, nel decennale della strage, assieme alle commemorazioni ed al dolore che si rinnova, c’è stato anche spazio per le polemiche: dalla rabbia di alcuni parenti dei caduti che reclamano la medaglia d’oro al valor militare per i loro cari, all’appello di una deputata M5S, che ha invitato a ricordare tra le vittime anche il kamikaze. Mentre il capo dello Stato Giorgio Napolitano ha rivolto un pensiero “ai 19 italiani tragicamente caduti in quell’efferato, gravissimo attentato ed agli iracheni che con essi perirono, vittime di una stessa inaccettabile e vile barbarie”. La Giornata del ricordo dei caduti nelle missioni di pace è iniziata alle 10.30 con la deposizione di una corona d’alloro all’Altare della Patria da parte del ministro Mauro. Poi la messa nella basilica di Santa Maria in Ara Coeli al Campidoglio, celebrata dall’ordinario militare per l’Italia, monsignor Santo Marcianò, alla presenza – tra gli altri – dei presidenti di Senato e Camera, Pietro Grasso e Laura Boldrini. Successivamente il ministro, presente anche il sindaco di Roma, Ignazio Marino, ha deposto una corona d’alloro alla stele commemorativa al Belvedere Caffarelli al Campidoglio. “L’Italia – ha detto Mauro – non dimentica i suoi figli che hanno dato la vita per la pace. A dieci anni dalla strage abbiamo capito una volta di più che non si è trattato di una guerra ma di una missione internazionale di pace e che questo strumento della comunità internazionale e frutto del mandato della nostra Costituzione, è il modo con cui le guerre le combattiamo”. Nel pomeriggio il ministro ha consegnato ai parenti delle 19 vittime la ‘Medaglia della riconoscenza’, un modo, ha sottolineato, “con cui questo Paese intende ricordare che la democrazia e la libertà hanno un prezzo carissimo, la vita di molti italiani”. Ma proprio il valore solo ‘simbolico’ della medaglia è stato contestato da alcuni dei familiari delle vittime presenti alla cerimonia, che dal 2003 si battono invece per far ottenere ai loro cari la massima onorificenza per i caduti in divisa, la Medaglia d’oro al valor militare. Un riconoscimento che dà anche diritto ad un vitalizio nell’ordine di circa mille euro mensili e ad agevolazioni nei concorsi pubblici. Medaglia che non è stata mai concessa per un’interpretazione della legge che la vuole assegnata agli “autori di atti di eroismo militare” ed essere di guardia ad una base nel deserto iracheno non rientra evidentemente negli atti di eroismo. Maria Cimino, madre di Manuele Ferraro, soldato morto a Nassiriya, non ci sta. “Noi – lamenta la donna – ci siamo battuti per avere un riconoscimento al valor militare ed il ministro era d’accordo, ma altri si sono opposti. Manuele e gli altri hanno pagato con la vita dando valore al tricolore e quindi meritavano una medaglia al valore militare”. Sulla stessa linea Marco Intravaia, figlio del carabiniere Domenico, anche lui morto nella strage. “Dieci anni fa – ricorda – tutta Italia ha riconosciuto quei morti come eroi, perché hanno affrontato con coraggio e determinazione quella missione in Iraq. Mi auguro quindi che oggi chi di competenza, dal ministro della Difesa al capo dello Stato, si renda conto che i nostri morti meritano quella medaglia, che è il riconoscimento da parte dello Stato del valore morale del sacrificio di quei ragazzi”. E la polemica si infiamma anche in Parlamento, per l’intervento della deputata grillina Emanuela Corda. “Nessuno – lamenta – ricorda il giovane marocchino che si suicidò per portare a compimento quella strage: quando si parla di lui, se ne parla solo come di un assassino, e non anche come di una vittima, perché anch’egli fu vittima oltre che carnefice”. Attacca subito Massimiliano Fedriga (Lega Nord) “I 5 stelle – accusa – giustificano i kamikaze islamici. È una vergogna”. Per il deputato di Scelta Civica Domenico Rossi “di fronte a ciò non ci sono valutazioni da esprimere ma solo da gridare con forza: Vergogna!”. Anche Ignazio La Russa (Fdi), parla di intervento “vergognoso” e definisce “ancora più grave il totale silenzio dell’Aula a queste ignobili parole”.

(Massimo Nesticò/ANSA)

Ultima ora

17:27Calcio: Montella, Crotone insidioso ma Milan pronto

(ANSA) - MILANO, 19 AGO - ''Il Crotone è una squadra aggressiva, che sa sta stare in campo e sa cosa fare. È una trasferta insidiosa ma il Milan è pronto. Senza voler togliere nulla alle partite di Europa League, ora si fa sul serio''. Così Vincenzo Montella alla vigilia della trasferta a Crotone.Il tecnico rossonero evita le domande sull'imminente arrivo di Kalinic (''Sono concentrato solo sul presente e il presente si chiama Crotone'') ma ammette che ''qualcosa sul mercato potrebbe ancora accadere'', con l'arrivo a Milano di David Han Li, braccio destro del presidente Yonghong Li e membro del Cda del Milan, che seguirà la squadra in trasferta: ''C'è grande sinergia con Fassone e Mirabelli che non hanno dormito sessanta giorni per rivoluzionare la rosa. Loro sanno cosa fare per migliorare la rosa ma sarei ingeneroso se pubblicamente chiedessi ancora di più. L'intera società ci supporta''.

17:16Ucciso in lite stradale: presunto omicida resta in carcere

(ANSA) - BARI, 19 AGO - Resta in carcere per il reato di omicidio volontario aggravato dai futili motivi il 68enne di Bitonto (Bari) Gaetano Sesto, accusato di aver ucciso con una coltellata al torace il 25enne Giuseppe Muscatelli durante un diverbio per questioni stradali. All'esito dell'interrogatorio, nel quale l'anziano - difeso dall'avvocato Angela Maralfa - ha risposto a tutte le domande spiegando di aver "reagito ad un pugno senza alcuna intenzione di ammazzare quel ragazzo", il gip del Tribunale di Bari Giovanni Anglana non ha convalidato il fermo, ma ha emesso ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il giudice, condividendo la ricostruzione fatta dal pm Larissa Catella e sulla base dell'autopsia, ha ritenuto che quell'unico colpo di coltello sia stato inferto con una violenza tale che dimostrerebbe la volontà di uccidere e la pericolosità sociale dell'uomo.

17:15Calcio: Juric, molto curioso di vedere effetti della Var

(ANSA) - GENOVA, 19 AGO - "Sono molto interessato e curioso di vedere all'atto pratico quali effetti produrrà l'introduzione di questa novità. E' un passo avanti a vantaggio della trasparenza, non solo per il contributo fornito agli arbitri per ridurre i margini di errore che hanno sempre fatto parte del gioco". Lo ha detto l'allenatore del Genoa, Ivan Juric, commentando l'introduzione della moviola in campo. "L'uso della tecnologia è entrata prepotentemente nella vita di ognuno di noi. Trovo corretto che gli organismi istituzionali sovraintendenti alle regole si siano mossi in questa direzione. Ci vorrà tempo per abituarsi", ha aggiunto Juric.

17:11Calcio: Samp, Giampaolo “partiamo a fari spenti e umili”

(ANSA) - GENOVA, 19 AGO - "Partiamo a fari spenti e con grande umiltà. Ho detto una cosa alla squadra, abbiamo un valore che non possiamo disperdere: è il nostro tifo. Divertiamolo!". Marco Giampaolo, allenatore della Sampdoria, vuole subito partire col piede giusto in questa prima giornata di campionato al cospetto di un Benevento che si presenterà domani sera nel Ferraris di Genova per mettere in difficoltà Puggioni e compagni. "Il debutto è sempre una sfida particolare, diversa dalle altre, ma oggi ripartiamo con un anno di lavoro insieme", ha aggiunto Giampaolo, che ritrova Fabio Quagliarella leggermente acciaccato in settimana. Sarà disponibile anche l'esterno sinistro Nicola Murru. Sulla trequarti Alvarez in vantaggio su Ramirez e sul primo Giampaolo è chiarissimo: "Nei suoi confronti c'è sempre l'occhio della critica, lui deve venire fuori da solo, perché rende il 30-40% di quello che è il suo valore: so benissimo quali sono le sue qualità, ha la mia fiducia".

17:08Barcellona:media,volevano distruggere Sagrada Familia

(ANSA) - MADRID, 19 AGO - Il piano iniziale della cellula jihadista che ha colpito giovedì sulla Rambla prevedeva un attacco con tre furgoni carichi di esplosivo Tatp e bombole di gas per distruggere la Sagrada Familia, il celeberrimo tempio di Antoni Gaudì simbolo di Barcellona, scrive El Confidencial citando fonti delle indagini.

17:06Calcio: Inzaghi, “Var? Favorevole, spero decisioni veloci”

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - "Var? Sono favorevole. Spero che ci si metta poco comunque a decidere". E' l'opinione di Simone Inzaghi, sull'esordio ufficiale della Video asssistant referee, meglio noto come 'moviola in campo'. "Nella passata stagione siamo stati un po' danneggiati - ha precisato il tecnico della Lazio, nella conferenza stampa della vigilia del match di domani contro la Spal - dovremmo abituarci, è qualcosa di innovativo che il calcio non ha mai visto".

17:02Calcio: Montella, Milan da scudetto? Non poniamoci limiti

(ANSA) - MILANO, 19 AGO - "Le avversarie ritengono il Milan da scudetto? Non dobbiamo porci limiti, ma il nostro obiettivo è far parte delle prime quattro. Siamo una delle poche squadre ad avere acquistato più di 10 giocatori, dobbiamo prima diventare squadra e poi una squadra vincente". Così Vincenzo Montella, alla vigilia della sfida contro il Crotone, parla degli obiettivi stagionali del Milan. "Ci sono squadre più attrezzate di noi. Il Napoli ha cambiato pochissimo, la Juventus ha speso quanto il Milan, con i vari Bernardeschi e Douglas Costa. Abbiamo fatto un mercato sontuoso, ma dobbiamo tornare grandi nel tempo e alimentare l'entusiasmo dei tifosi".

Archivio Ultima ora