Nassiriya: 10 anni dalla strage, ricorrenza tra le polemiche

Pubblicato il 12 novembre 2013 da redazione

ROMA. – Una ferita che sanguina ancora, quei 19 italiani uccisi da un attentato alla base Maestrale di Nassiriya il 12 novembre 2003. E ieri, nel decennale della strage, assieme alle commemorazioni ed al dolore che si rinnova, c’è stato anche spazio per le polemiche: dalla rabbia di alcuni parenti dei caduti che reclamano la medaglia d’oro al valor militare per i loro cari, all’appello di una deputata M5S, che ha invitato a ricordare tra le vittime anche il kamikaze. Mentre il capo dello Stato Giorgio Napolitano ha rivolto un pensiero “ai 19 italiani tragicamente caduti in quell’efferato, gravissimo attentato ed agli iracheni che con essi perirono, vittime di una stessa inaccettabile e vile barbarie”. La Giornata del ricordo dei caduti nelle missioni di pace è iniziata alle 10.30 con la deposizione di una corona d’alloro all’Altare della Patria da parte del ministro Mauro. Poi la messa nella basilica di Santa Maria in Ara Coeli al Campidoglio, celebrata dall’ordinario militare per l’Italia, monsignor Santo Marcianò, alla presenza – tra gli altri – dei presidenti di Senato e Camera, Pietro Grasso e Laura Boldrini. Successivamente il ministro, presente anche il sindaco di Roma, Ignazio Marino, ha deposto una corona d’alloro alla stele commemorativa al Belvedere Caffarelli al Campidoglio. “L’Italia – ha detto Mauro – non dimentica i suoi figli che hanno dato la vita per la pace. A dieci anni dalla strage abbiamo capito una volta di più che non si è trattato di una guerra ma di una missione internazionale di pace e che questo strumento della comunità internazionale e frutto del mandato della nostra Costituzione, è il modo con cui le guerre le combattiamo”. Nel pomeriggio il ministro ha consegnato ai parenti delle 19 vittime la ‘Medaglia della riconoscenza’, un modo, ha sottolineato, “con cui questo Paese intende ricordare che la democrazia e la libertà hanno un prezzo carissimo, la vita di molti italiani”. Ma proprio il valore solo ‘simbolico’ della medaglia è stato contestato da alcuni dei familiari delle vittime presenti alla cerimonia, che dal 2003 si battono invece per far ottenere ai loro cari la massima onorificenza per i caduti in divisa, la Medaglia d’oro al valor militare. Un riconoscimento che dà anche diritto ad un vitalizio nell’ordine di circa mille euro mensili e ad agevolazioni nei concorsi pubblici. Medaglia che non è stata mai concessa per un’interpretazione della legge che la vuole assegnata agli “autori di atti di eroismo militare” ed essere di guardia ad una base nel deserto iracheno non rientra evidentemente negli atti di eroismo. Maria Cimino, madre di Manuele Ferraro, soldato morto a Nassiriya, non ci sta. “Noi – lamenta la donna – ci siamo battuti per avere un riconoscimento al valor militare ed il ministro era d’accordo, ma altri si sono opposti. Manuele e gli altri hanno pagato con la vita dando valore al tricolore e quindi meritavano una medaglia al valore militare”. Sulla stessa linea Marco Intravaia, figlio del carabiniere Domenico, anche lui morto nella strage. “Dieci anni fa – ricorda – tutta Italia ha riconosciuto quei morti come eroi, perché hanno affrontato con coraggio e determinazione quella missione in Iraq. Mi auguro quindi che oggi chi di competenza, dal ministro della Difesa al capo dello Stato, si renda conto che i nostri morti meritano quella medaglia, che è il riconoscimento da parte dello Stato del valore morale del sacrificio di quei ragazzi”. E la polemica si infiamma anche in Parlamento, per l’intervento della deputata grillina Emanuela Corda. “Nessuno – lamenta – ricorda il giovane marocchino che si suicidò per portare a compimento quella strage: quando si parla di lui, se ne parla solo come di un assassino, e non anche come di una vittima, perché anch’egli fu vittima oltre che carnefice”. Attacca subito Massimiliano Fedriga (Lega Nord) “I 5 stelle – accusa – giustificano i kamikaze islamici. È una vergogna”. Per il deputato di Scelta Civica Domenico Rossi “di fronte a ciò non ci sono valutazioni da esprimere ma solo da gridare con forza: Vergogna!”. Anche Ignazio La Russa (Fdi), parla di intervento “vergognoso” e definisce “ancora più grave il totale silenzio dell’Aula a queste ignobili parole”.

(Massimo Nesticò/ANSA)

Ultima ora

00:17Europei U21: Calabria, in partita fino all’espulsione

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Tutti noi abbiamo disputato una grande partita, ma la Spagna è forte. Abbiamo gicoato alla pari fino all'espulsione di Gagliardini, in 10 contro 11 si è fatta sentire la fatica e loro hanno avuto il sopravvento. Tuttavia, usciamo a testa alta da questo torneo". Così Davide Calabria, in campo per la squalifica di Conti, parlando ai microfoni della Rai, commenta il ko contro gli spagnoli, nella semifinale dell'Europeo Under 21, a Cracovia. "Potevamo andare in finale, l'avremmo meritato - conclude - nella nostra squadra ci sono buoni giocatori. Il mercato? Nessuno di noi ci ha pensato". (ANSA).

23:54Cosentino: giudici in motivazioni Eco4, patto con il clan

(ANSA) - CASERTA, 27 GIU - "Convergenti elementi di prova indicano attendibilmente che Nicola Cosentino, sin dall'inizio della sua carriera politica, ha goduto del sostegno elettorale del clan dei Casalesi, segnatamente del gruppo Bidognetti sin dalle elezioni comunali del 1978 e anche del gruppo Schiavone a partire dalle elezioni regionali del 1995". Così i giudici del collegio del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ricostruiscono la "carriera politica" dell'ex sottosegretario all'Economia del Governo Berlusconi, in uno dei passaggi chiave delle motivazioni (di 597 pagine) della sentenza di condanna a 9 anni di carcere emessa il 17 novembre scorso, e depositate qualche giorno fa. Si tratta del processo cosiddetto Eco4, in cui la Dda di Napoli ha contestato all'ex politico di Casal di Principe il ruolo di "referente politico nazionale del clan dei Casalesi"; un "teorema confermato" dalla condanna per concorso esterno in associazione camorristica. L'ex uomo forte del Pdl in Campania è agli arresti domiciliari a Caserta.

23:44Morto Luigi Pedrazzi, fu tra i fondatori del Mulino

(ANSA) - BOLOGNA, 27 GIU - E' morto Luigi Pedrazzi, politologo, tra i fondatori della rivista Il Mulino. Aveva 89 anni. Tra le voci più influenti del pensiero politico cattolico di centrosinistra, è stato anche protagonista della stagione dell'Ulivo. Ex vicesindaco a Bologna durante l'amministrazione di Walter Vitali, nel 2014 ricevette l'Archiginnasio d'oro conferito dal Comune come "personalità che si è distinta nel campo della cultura e della scienza". (ANSA).

23:35Europei U21: Di Biagio,dopo 4 anni di azzurro zero rimpianti

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Abbiamo disputato un buonissimo primo tempo, certo che ha influito il cartellino rosso a Gagliardini, a quel punto è diventato tutto più complicato. Loro palleggiano bene in 11 contro 11, figuriamoci con l'uomo in più. E' stato tutto più semplice per loro, hanno avuto a quel punto il predominio del campo". Così Gigi Di Biagio ha commentato la sconfitta dell'Italia contro la Spagna, nella semifinale degli Europei Under 21, in Polonia. "I ragazzi sono stati fantastici - ha aggiunto - in me c'era la consapevolezza di poter arrivare in fondo. Il mio contratto? E' l'ultimo dei problemi. Vedremo. Non ho rimpianti, l'obiettivo era di rilanciare il calcio italiano, ci siamo riusciti, anche se è mancata la ciliegina sulla torta".

23:30Europei U21: Italia-Spagna 1-3, azzurrini eliminati

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Spagna batte l'Italia 3-1 e si qualifica per la finale dell'Europeo Under 21, in Polonia. Ha deciso una tripletta di Saul Niguez, dopo che Bernardeschi aveva firmato il momentaneo 1-1. Ma ha deciso soprattutto l'espulsione di Gagliardini, per somma di ammonizioni. Gli spagnoli venerdì se la vedranno contro la Germania, per il titolo continentale di categoria.

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

22:59Germania: evacuato grattacielo Wuppertal

(ANSA) - BERLINO, 27 GIU - Un grattacielo di Wuppertal, in Germania, deve essere evacuato perché ritenuto a rischio incendi, per la presenza di pannelli infiammabili sulla facciata. La misura precauzionale arriva dopo il disastro di Londra, dove le fiamme in un edificio di 24 piani hanno provocato la morte di 79 persone. In questo caso a provocare il rogo sarebbe stato un frigorifero difettoso, ma l'incendio è divampato velocemente, proprio a causa di pannelli simili. I residenti del grattacielo di Wuppertal potranno rientrare appena i pannelli saranno rimossi. Intanto alloggeranno in appartamenti messi a disposizione dal comune.

Archivio Ultima ora