Egitto: La primavera araba ha peggiorato le condizioni di vita delle donne

Pubblicato il 12 novembre 2013 da redazione

IL CAIRO. – Dopo la Primavera araba, l’Egitto è diventato il Paese peggiore in cui essere donna nel mondo arabo. Lo afferma la Fondazione Thomson Reuters che ha analizzato i 22 Stati membri della Lega Araba e alla fine ha messo l’Egitto addirittura dietro l’Arabia Saudita e l’Iraq. Hoda Badran, egiziana, femminista storica, presidente dell’Alleanza delle donne arabe, non è assolutamente soddisfatta della condizione della donne in Egitto, ma al tempo stesso ritiene “esagerato” il rapporto della Fondazione. Lo studio parla di violazioni generalizzate dei diritti, di abusi sessuali, di un numero record di mutilazioni genitali. E denuncia che le speranze di un miglioramento dei diritti femminili suscitate dalla Primavera araba sono state del tutto disattese. E in molti casi il quadro è decisamente peggiorato. Hoda Badran non lo nega ma afferma anche: “Mi sembra che questo rapporto sia un po’ politicizzato. Non voglio dire con questo di essere soddisfatta per la condizione della donna in Egitto, ma piazzarlo dietro a paesi come il Sudan e la Somalia mi sembra un po’ troppo”, dice all’Ansa. “Malgrado tutte le difficoltà le donne egiziane sono state in prima fila nelle piazze nella rivoluzione del 25 gennaio e in quella del 30 giugno di quest’anno. Sono riuscite – aggiunge Hoda Bodran – ad uscire dal loro silenzio. Il vero problema è la scarsa rappresentanza femminile nelle istituzioni e nella politica, dal parlamento ai consigli comunali. La colpa è nella radicata cultura basata sulla supremazia maschile. Per questo le donne mancano di esperienza in questi settori ed è per questo che sostengo con forza l’adozione di quote rosa nel sistema politico. Per un periodo limitato, in modo tale che le donne possano finalmente assumere il loro ruolo nella società”. Il ruolo della donna è al centro di una polemica aperta e attuale proprio in questi giorni in Egitto dove il cosiddetto comitato dei 50 sta riscrivendo la nuova Costituzione. Non vi sono rappresentati i Fratelli musulmani ma ci sono gli esponenti delle forze salafite e le donne sono il 10%. “Sono scioccata dalla debolezza del comitato di fronte agli islamici e soprattutto dall’arrendevolezza delle cinque partecipanti donna, che nemmeno protestano. Farebbero meglio a dimettersi”, dice. “Il problema deriva da certe interpretazioni dell’Islam che sono state sfruttate dagli islamici per tenere le donne come cittadini di seconda classe, parecchi passi indietro rispetto agli uomini. Fino a quando avremo paura degli islamici e fino a quando questa paura si ripercuoterà sulle donne?”, si chiede l’attivista. Badran cita l’esempio dell’articolo 11 della costituzione sulla rappresentanza femminile in Parlamento. La nuova versione stabilisce che ci sia una rappresentanza “adeguata”, una formulazione troppo debole, attacca la veterana del femminismo in Egitto. “Faccio appello a tutte le donne a unirsi alla nostra manifestazione domani (oggi, ndr) davanti al Consiglio consultivo (la camera alta del parlamento, ndr) per contestare questa nuova formula della Costituzione. E’ ora che anche noi contiamo in Parlamento”.

Ultima ora

10:16Turchia:maxi-blitz contro rete Gulen,oltre 800 arresti

(ANSAmed) - ISTANBUL, 26 APR - Nuova maxi-operazione in Turchia contro la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. Una serie di retate condotte simultaneamente in 54 province hanno portato la scorsa notte all'arresto di almeno 803 sospetti affiliati alla struttura considerata eversiva, secondo fonti di polizia. Ai blitz, coordinati dalla procura generale di Ankara, hanno partecipato 8.500 agenti. L'operazione prosegue in queste ore alla ricerca di altri possibili sospetti.

09:57Inchiesta su Protezione civile Calabria, 4 arresti

(ANSA) - CATANZARO, 26 APR - Un funzionario della Protezione civile della Regione Calabria e tre imprenditori sono stati arrestati dalla Guardia di finanza e dalla Dia di Reggio Calabria con l'accusa di truffa aggravata ai danni dello Stato. Gli arresti sono stati eseguiti nell'ambito di un'inchiesta condotta dalla Procura della Repubblica di Catanzaro. L'indagine ha anche portato ad un sequestro di beni per oltre 250 mila euro. Secondo quanto si è appreso, il funzionario coinvolto nell'inchiesta è stato portato in carcere, mentre i tre imprenditori sono stati posti ai domiciliari. L'inchiesta che ha portato agli arresti potrebbe essere partita, anche se al momento mancano conferme ufficiali, dalle denunce presentate nei mesi scorsi, subito dopo il suo arrivo alla guida del settore, dal responsabile della Protezione civile regionale, Carlo Tansi, che aveva riferito di avere scoperto illeciti nella gestione del comparto.(ANSA).

09:51Agguato a Bari, ucciso netturbino 50enne

(ANSA) - BARI, 26 APR - Un uomo, Amedeo Michele, di 50 anni, incensurato, operatore ecologico, è morto dopo essere stato ferito da persone non ancora identificate, con colpi d'arma da fuoco. L'agguato è avvenuto a Bari ieri sera a tarda ora in via Fazio, nel quartiere San Paolo, ora nei pressi dell'Amiu, azienda di raccolta dei rifiuti urbani dove l'uomo lavorava. Soccorso dagli operatori 118 è morto dopo un'ora dal ricovero. L'uomo sarebbe stato affiancato da un'automobile dalla quale i sicari avrebbero sparato. Indagini sono in corso da parte degli agenti della squadra mobile della questura di Bari.

09:44Spazio: Cina tratta con Esa collaborazione base lunare

(ANSA) - PECHINO, 26 APR - La Cina sta discutendo l'ipotesi di collaborare con player internazionali, inclusa l'European Space Agency (Esa), alla costruzione di una base sulla Luna. Lo ha reso noto il segretario generale dell'Agenzia spaziale cinese (Cnsa) Tian Yulong, nel resoconto dei media locali, senza fornire altri dettagli. L'Esa ha lanciato il progetto 'Moon Village', descritto come possibile base internazionale da cui far partire le future spedizioni per Marte.

09:40Trump: Conway, legge spesa non prevederà fondi muro

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Lo stanziamento dei fondi necessari per l'avvio della costruzione del muro al confine tra Stati Uniti e Messico non sarà previsto nella legge di spesa che dovrà essere approvata entro venerdì: lo ha detto alla Fox News la consigliera del presidente americano Donald Trump, Kellyanne Conway, sottolineando comunque che il progetto resta una "priorità molto importante" per l'amministrazione.

09:27Mercante d’arte denuncia il furto di due quadri da 27milioni

(ANSA) - MONZA, 26 APR - Un mercante d'arte, italiano ma residente all'estero, ha denunciato di essere stato truffato e derubato di due quadri, un Rembrandt e un Renoir, per un valore totale di circa 27 milioni di euro, la scorsa settimana a Monza. Secondo quanto riferito da Il Giorno, dopo essersi accordato con due sedicenti facoltosi uomini d'affari di origine ebrea, con i quali ci sarebbero stati diversi contatti preliminari, il mercante d'arte ha raccontato di essersi presentato con le due opere in un ufficio affittato a Monza dai due compratori, proprio per chiudere la trattativa. Sulla dinamica ci sono alcuni dettagli ancora da chiarire ma, durante l'incontro finale per l'acquisto, i due truffatori sarebbero riusciti a fuggire con i due quadri. Sulla vicenda indagano i carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Monza.

07:56Due operai morti su ferrovia Bolzano-Brennero

(ANSA) - BOLZANO, 26 APR - E' di due operai morti e tre feriti il bilancio di un incidente ferroviario avvenuto la scorsa notte sulla linea del Brennero a Bressanone. Nell'incidente, poco prima della mezzanotte, sono stati coinvolti due mezzi tecnici di una ditta esterna che stava svolgendo dei lavori, uno dei quali - precisa il 118 - ha preso fuoco. Due operai sono morti sul colpo, altri tre sono stati ricoverati con ferite gravi agli ospedali di Bolzano e Bressanone. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, la Croce bianca, la polizia e i carabinieri. L'incidente - ha precisato Rfi - è avvenuto alle 23.55 di ieri sera tra due mezzi tecnici, una rincalzatrice e una profilatrice, di proprietà della ditta Rossi G.C.F., che sta svolgendo dei lavori sulla linea ferroviaria. La circolazione dei treni è sospesa tra Fortezza e Bressanone ma è stato attivato un servizio sostitutivo con autobus tra Brennero e Bolzano. Rfi ha già attivato un'inchiesta per stabilire le cause dell'accaduto

Archivio Ultima ora