Sylvia Gasparini e i segreti del Cosmo

CARACAS.- L’abbiamo tra le mani… ne apprezziamo i particolari: la carta patinata, la bellissima copertina: così… come avviene da molti anni a questa parte….  tantissimi, ormai… l’Astro Agenda Lunar 2014 di Sylvia Gasparini arriva con la promessa di dare significato e vita a ogni momento dell’anno che sta per iniziare. Questa volta,  ad avvincerci sono i colori naturali, che sfumano tra i tetti inconfondibili e nostalgici delle case coloniali… la guglia di un campanile che svetta quieta e  dolce, sotto un cielo azzurrissimo.  Questa volta siamo al cospetto di una realtà vissuta tantissimi anni fa, di una architettura quieta e serena che racconta  un tempo che abbracciava con la stessa intensità gli eventi, le stagioni, la storia vissuta di tante persone che, giunte in questa magica terra di Grazia, l’hanno amata immediatamente con passione, con sincera generosità… come se una incredibile magia ne avesse predisposto lo storico incontro, racchiuso nel più profondo e segreto dei desideri….

Parliamo di cielo… azzurro… di tetti spioventi… di finestre e porte coloniali, di giardini fioriti  e… ancora, così, come la prima volta, quando l’abbiamo incontrato per ricordare  assieme la “Caracas dai tetti rossi” ed ammirare il suo magnifico libro “Los Antonelli” ( architetti militari italiani al servizio della corona spagnola), torna ad avvincerci l’Artista squisito: Graziano Gasparini… l’Architetto che ha saputo amare tanto questa terra fino ad estrapolarne segreti storici… bellezze intense, descritte con dolcissima verve.. Ed è questo un “rincontro magico”, perchè, accanto al nome di Sylvia Gasparini c’è appunto, quello di Graziano Gasparini…l’Architetto magnifico che ha scoperto castelli e fortezze coloniali… attraversando la terra venezuelana per coglierne la storia, il respiro delle  mura antiche. Lui che ci ha raccontato  l’ansia di quanti l’hanno percorsa, questa terra… e ha descritto  la cultura di coloro che arrivavano da luoghi lontanissimi pronti a misurarsi  coraggiosamente con la profondità dell’azzurro sconosciuto Oceano…. per cercare, per raccontare e insegnare… a chi sarebbe nato negli anni a venire, che l’essere umano non soltanto s’è cibato di guerre fratricide… L’Architetto che, con la propria curiosità insoddisfatta, ha saputo scavare nel passato ricostruendo la storia meravigliosa e magica di questa terra di sogno.

E così, abituati a curiosare tra le stelle, tra gli imprevedibili astri, ed attendendo ogni anno il magico rituale della passeggiata tra i pianeti, il sole e la luna che Sylvia Gasparini ci invita a fare assieme a lei, quest’anno abbiamo avuto la sorpresa di vedere nelle belle pagine della Astro Agenda Lunar 2014, innocenti paesaggi, cieli azzurrissimi, volti espressivi e… tanta, tanta sincera umana bellezza. No, l’Architetto Graziano Gasparini non ha inventato “grovigli di magia”… e, neppure “geroglifici spaziali” per illustrare l’Astro Agenda Lunar  2014 di Sylvia … L’Architetto Gasparini ci ha preso per mano ricordandoci che la poesia si può raccontare  attraverso il volto di una bimba, il balcone di una casa…il campanile d’una chiesetta coloniale.

Ed anche questa volta, non è semplicemente   una “passeggiata tra le nuvole” a tu per tu con l’infinito quella che ci  propone  Sylvia Gasparini… ma uno studio profondo sulla scia delle stelle, sul significato degli astri ed il  loro influsso su ciascuno di noi…

Così Sylvia inizia il nostro “viaggio” dandoci il “Benvenuto” nella prefazione della sua Agenda: ”Una carta astrale consta di segni zodiacali, pianeti e case. Quando abbiamo tra le mani la fotografia dell’istante in cui siamo nati, nella grafica rotonda che equivale alla sfera celeste, appaiono i segni dello Zodiaco. Ne appaiono anche altri che rappresentano i pianeti…. L’apporto dell’Astrologia all’autoconoscenza inizia dal segno al quale ciascuno di noi appartiene.. le dodici Case rappresentano le tappe del cammino che ognuno di noi percorre  cercando di comprendere l’importanza dell’esistenza e l’incontro con la propria anima…

Lo studio serio e meticoloso di Sylvia Gasparini nella sua Astro Agenda Lunar 2014 questa volta è accompagnato dalla bellezza delle immagini create da un “innamorato “ del Venezuela, del suo popolo e della sua architettura coloniale: il padre Graziano Gasparini.

Un percorso illustrativo che impreziosisce l’importante l’opera di Sylvia, di cui consigliamo la ricerca presso le più importanti Librerie di Caracas… I sogni non possono attendere… specialmente quando ne è palese messaggio uno studio perfetto e singolare come quello eseguito da Sylvia  Gasparini.

Anna Maria Tiziano