Aerei Tokyo-Seul in zona proibita. Cina fa alzare i caccia

PECHINO – Cresce la tensione per la sfida sui cieli delle isole Senkaku: dopo i B52 statunitensi, ieri sono stati aerei militari giapponesi e sudcoreani a volare nella “zona aerea di difesa e identificazione” della Cina senza avvertire le forze armate di Pechino e senza incontrare alcuna opposizione. Ma la reazione del Dragone è arrivata qualche ora dopo, facendo alzare in volo dei caccia in quelle che l’agenzia ufficiale Xinhua ha definito operazioni di “pattugliamento di routine”.

La creazione della ‘zona difensiva’, annunciata dalla Cina nel fine settimana scorso, è stata giudicata come una mossa pericolosa per gli equilibri e la stabilità del Pacifico dagli Usa e dai loro alleati, che hanno deciso di sfidare Pechino ignorandone l’esistenza. Il timore di molti è che un possibile “incidente”, anche minimo, possa scatenare conseguenze devastanti data la potenza degli attori in gioco. Non a caso ieri anche la Ue si è detta molto preoccupata per una situazione che “aumenta il rischio di escalation e contribuisce ad alimentare la tensione nella regione”, ha osservato l’alto rappresentante della politica estera Catherine Ashton, chiedendo a “tutte le parti di esercitare cautela”.

Martedì scorso, il primo guanto di sfida è stato lanciato dai bombardieri americani e Tokyo e Seul hanno subito seguito l’esempio del loro alleato. La questione sarà al centro dei colloqui del vicepresidente americano Joe Biden, che il primo dicembre inizia una missione che lo porterà nelle tre capitali coinvolte nella crisi: Pechino, Tokyo e Seul. Ma anche altri governi della regione sono coinvolti, anche se per il momento hanno scelto forme meno radicali di protesta.

Il governo australiano, ad esempio, ha convocato l’ambasciatore cinese per chiedergli spiegazioni sulla creazione della ‘zona’. Annunciandola, Pechino aveva affermato che “tutti i velivoli” che sorvolano l’area – che comprende le isole Senkaku/Diaoyu, contese col Giappone e rivendicate anche da Taiwan – devono fornire i loro piani di volo e “rispondere rapidamente” alle richieste cinesi di identificazione se non vogliono incorrere in “misure difensive di emergenza”. Inoltre, la ‘zona difensiva’ della Cina si sovrappone in alcuni punti con quelle dichiarate in passato da Tokyo e da Seul.

Pechino, almeno fino a ieri sera, quando è arrivata la notizia del pattugliamento dei caccia, aveva evitato di drammatizzare la situazione, minimizzando il significato dei voli di sfida degli Usa e dei loro alleati. Il portavoce del ministero degli Esteri Qin Gang, in un ‘briefing’ alla stampa, si era limitato ad affermare che Pechino “ne è al corrente”. Più pesante era stata la reazione del portavoce del ministero della Difesa, che aveva accusato il Giappone di “criticare sistematicamente gli altri senza mai esaminare la sua condotta”. Il portavoce, Yang Yujun, ha risposto così alla richiesta di Tokyo di cancellare la ‘zona’.

– Se vogliono che la revochiamo – ha tuonato – noi chiediamo che il Giappone revochi prima la sua ‘zona’, che è stata creata 44 anni fa.

In un lungo editoriale pubblicato ieri, il quotidiano cinese Global Times ha scritto che il sorvolo dei bombardieri americani “non è motivo di nervosismo”. Evidente in alcuni passaggi la volontà dell’editorialista di rassicurare i settori più accesi del nazionalismo cinese, dopo che centinaia di messaggi diffusi sui microblog cinesi hanno chiesto una risposta militare alle “provocazioni” degli Usa e dei loro alleati.

Condividi: