Immigrazione: effetto crisi, meno ingressi più espatri

Pubblicato il 10 dicembre 2013 da redazione

MILANO  – Basta guardare le cifre e l’Italia dei migranti cambia volto: l’immigrazione infatti, secondo quanto indica il rapporto annuale della fondazione Ismu presentato a Milano, non corre più come una volta, anzi è fermata. E l’emigrazione degli italiani ‘delusi’ è in costante crescita, al sud ma anche in Lombardia. Se c’è dunque emergenza, è quella del lavoro, che riguarda chiunque, senza distinzioni di nascita.

E’ evidentemente la crisi economica, infatti, a bloccare i nuovi arrivi e a spingere persino ad andarsene. La popolazione di origine straniera in Italia è stimata, al primo gennaio di quest’anno, in 4,9 milioni di persone, di cui meno di 300.000 irregolari: 6% in più rispetto al 2012, ma si tratta soprattutto di nascite, ricongiungimenti familiari e cittadini che non erano stati contabilizzati nel 2011. Per di più, sempre nel 2011, si erano trasferiti in un altro Paese 200.000 stranieri. Risultato, i nuovi permessi di soggiorno rilasciati per motivi di lavoro nel 2012 sono stati 67.000, ovvero ”quasi dimezzati – rileva l’Ismu – rispetto al 2011 e meno di un quinto del 2010”, quando per motivi di lavoro erano arrivati 350.000 regolari.

Se il lavoro scarseggia, il rischio è di non riuscire a equilibrare le esigenze di tutti. La disoccupazione straniera è aumentata del 25% fra 2011 e 2012, anche per via di una platea più ampia di attivi. La ricerca segnala che il calo più drastico riguarda l’industria e l’edilizia, mentre aumenta il numero di donne straniere occupate nell’assistenza familiare.

In generale, la scarsità di liquidità spinge più di un immigrato su 10 a non rivolgersi al sistema sanitario in caso di necessità. L’altra faccia della medaglia di una società che rallenta ma non si ferma è la crescita di italiani che emigrano all’estero a caccia di opportunità, specie in Germania, Svizzera, Regno Unito e Francia.

I dati del rapporto Ismu si basano sulle residenze che sono state effettivamente spostate, sfugge dunque il numero degli altri connazionali che tentano l’avventura. Nel 2012, ne sono emigrati 68.000, nel 2011 erano 50.000, nel 2010 40.000. Record di cancellazioni anagrafiche lo scorso anno è stato in Molise (+147%), Campania (+137%), Basilicata (+129%), Puglia (+120%) e Sicilia (+96%).

Ma anche al nord le percentuali salgono: la Lombardia (+83%, con l’Emilia Romagna a +76%) risulta anzi essere in termini assoluti dal 2007 ”la capolista per numero di emigrati”: dai 4.000 del 2002 ai 14.000 del 2012. Quanto infine al fronte dei rifugiati, il rapporto smentisce il quadro di un ”esodo biblico” negli ultimi mesi

L’Italia ha avuto un +12% di rifugiati rispetto al 2011, ma è solo al sesto posto nel continente per asilanti accolti (65.000 contro i 590.000 della Germania, che è la prima).

– Il fenomeno migratorio – è la sintesi della presidente della Fondazione Ismu, Mariella Enoc – non è più legato alla legalità ma ha un contenuto economico. Il problema dell’Italia è che non ha ancora capito e messo a frutto l’immigrazione: oggi occorrono piani anche a livello europeo per la formazione e il welfare, questo passaggio di crisi è il momento giusto per intervenire.

 

Ultima ora

17:28Biotestamento: arcivescovo Torino, diritto vita prioritario

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - "Gli anziani, le persone malate vanno difese e tutelate nei loro diritti e quello della vita è prioritario. Invece nel nuovo quadro normativo si aprono prospettive pericolose e inquietanti anche sui rischi di abusi sulla vita, motivati dai 'costi' di mantenimento delle persone malate". L'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, esprime "apprezzamento" a don Carmine Arice, padre generale del Cottolengo, che ha annunciato l'intenzione di non applicare le disposizioni anticipate di trattamento per il fine vita. "Di fronte ad una richiesta di morte, la nostra struttura non può rispondere positivamente", ha spiegato don Arice, ricevendo il plauso dell'arcivescovo di Torino, che invita comunità religiose, istituzioni, associazioni e tutti i volontari del mondo sanitario e assistenziale della diocesi "ad avere il coraggio di fare scelte di coerenza morale e di testimonianza anche andando controcorrente". Un dovere, conclude, affinché "i valori della vita abbiano peno riconoscimento".(ANSA).

17:25Calcio: Kakà ha deciso, si ritira ma non torna al Milan

(ANSA) - SAN PAOLO, 16 DIC - Doccia fredda per i tifosi del San Paolo: Ricardo Kakà ha deciso di ritirarsi dall'attività agonistica e quindi di non accettare l'offerta del club 'tricolor', della cui tifoseria è uno degli idoli, di giocare per un anno nella squadra che lo ha lanciato. Kakà infatti, secondo quanto riporta il sito brasiliano 'Uol Esporte', ha confidato a persone a lui molto vicine di aver deciso di smettere, per dedicarsi agli studi e capire se può avere un futuro da dirigente. L'ex Pallone d'oro ha anche confermato di aver ricevuto una proposta dal Milan per fare il dirigente della società rossonera, ma di non essere orientato ad accettarla, almeno per ora. "Non è nel mio futuro immediato", avrebbe spiegato Kakà parlando del Milan. Di recente un altro idolo della torcida 'saopaulina', ovvero Raì, ha accettato una carica dirigenziale all'interno del club, e Kakà potrebbe essere il prossimo, mentre Lugano entrerà a far parte dello staff tecnico.

17:20Calcio: Mourinho tenta Kovacic, pronti 30 mln per il Real

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Manchester United punta a rafforzarsi nel mercato invernale e uno dei nomi sul taccuino di Josè Mourinho è Mateo Kovacic, il centrocampista croato del Real Madrid poco utilizzato però da Zinedine Zidane (3 partite in Liga e due in Champions). Secondo lo spagnolo 'AS', per accaparrarselo il club dei Red Devils sarebbe disposti a mettere sul piatto 30 milioni. Kovacic, 23 anni, ha un contratto con il Real fino al 2021. E' arrivato a Madrid nell'estate 2015 dall'Inter per 28 milioni, cifra simile a quella offerta al momento da United. Un altro dei club che è sulle tracce del croato, scrive 'AS' è la Juventus.

17:19Si è ripetuto a Napoli il miracolo di San Gennaro

(ANSA) - NAPOLI, 16 DIC - Si è ripetuto alle 12.07, nella cappella del Tesoro di San Gennaro, il miracolo della liquefazione del sangue del patrono di Napoli e della Campania. Il 16 dicembre è la terza data dell'anno - dopo il sabato precedente la prima domenica di maggio e il 19 settembre - in cui le ampolle vengono esposte; nella festività odierna si ricorda l'eruzione del Vesuvio del 1631, che il 16 dicembre risparmiò Napoli dopo ore di preghiere dei fedeli. E' stato l'abate della cappella, monsignor Vincenzo De Gregorio, a celebrare la messa. L'evento, annunciato dal tradizionale sventolio di un fazzoletto bianco, è stato salutato da un lungo e forte applauso da una folla di fedeli accompagnato dall'intonazione dell'antico canto delle 'parenti' di San Gennaro.

17:18Milan: Gattuso ‘con me si sgarra due volte, la terza…’

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - Con Rino Gattuso si può sgarrare due volte, la terza non conviene. "La prima ci può stare, la seconda pure, la terza non fatemela dire. Si capisce...", ha sorriso l'allenatore del Milan, che nelle sue prime due settimane sulla panchina rossonera sta lavorando anche per dare tranquillità alla squadra e spirito di sacrificio. "La chiave deve essere lo scatto di Cutrone al 90' contro il Verona, o i due recuperi di Suso. Io so cosa può dare a livello tecnico questa squadra ma non basta, serve fame, cattiveria, mettersi a disposizione dei compagni" ha spiegato Gattuso, sottolineando l'esempio di Bonucci: "E' un martello, ha la faccia d'angelo ma lavora in modo incredibile, è uno spettacolo vederlo. Se vuoi mollare, è importante vedere 6-7 giocatori che ti incitano, è lo spirito che ci sta facendo lavorare bene. Questa è una squadra forte, lo penso veramente, c'è qualità a livello tecnico e umano e dobbiamo battere su questo aspetto qua".

17:16Calcio: Ballardini, a Firenze voglio Genoa con furore

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - "A Firenze voglio un Genoa con più furore". L'allenatore Davide Ballardini detta subito le condizioni per la sfida con la Fiorentina a pochi giorni dalla sconfitta casalinga con l'Atalanta. "I dati dicono che contro l'Atalanta abbiamo fatto la partita più bella da quando ci sono io, con un baricentro più alto per almeno 70' - ha spiegato il tecnico rossoblù -. Ma preferisco avere un baricentro più basso perché è sempre meglio essere compatti e aggressivi". Nessun timore però di aver perso quella "fame" che aveva contraddistinto il Genoa dal suo arrivo. "Se non hai quella determinazione, quell'attenzione, quel furore che è necessario avere, significa che non hai capito nulla - ha ribadito -. Sono tutte caratteristiche fondamentali, le qualità in questo caso vengono dopo. Il nostro primo obbiettivo è essere sempre compatti con equilibrio. La squadra deve dare sempre la sensazione che sia facile per noi che abbiamo la palla giocare e difficile invece per l'avversario giocare".

17:11Calcio:Gattuso,che fatica ma ho sostegno Fassone e Mirabelli

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - "Ringrazio Mirabelli e Fassone, che non mi fanno mancare sostegno. E' un'esperienza molto, molto faticosa, lo sto toccando con mano. Loro sono fondamentali, mi danno grande tranquillità, mi sento tranquillo perché ho un grande appoggio". Così Rino Gattuso non nasconde le difficoltà che vive da allenatore del Milan. "Tante problematiche in questo momento le deve mettere a posto Fassone che è l'ad, Mirabelli ha i suoi problemi, ma io mi sento tranquillo, perché sento grande appoggio da queste due persone", ha spiegato l'allenatore alla vigilia della trasferta con il Verona, raccontando che l'allenamento per lui "è il momento più divertente, in quell'ora e mezza mi diverto come un bambino dell'asilo. Dopo - ha spiegato - c'è il momento più duro: parlare con tutti quelli del club, preparare le partite contro colleghi molto più bravi di me. La fatica più grande è questa, e poi le interviste dopo le partite''.

Archivio Ultima ora