Letta: “Crescere senza sfasciare i conti”

Pubblicato il 19 dicembre 2013 da redazione

BRUXELLES – “Ho la responsabilità di tenere la barca Italia in equilibrio e voglio che ci siano strumenti per la crescita senza sfasciare i conti” anche perché solo così l’Italia non avrà “nulla da temere” da Bruxelles. Enrico Letta, al suo arrivo al Consiglio europeo, si concede alle domande dei giornalisti. Appare evidente la voglia di togliersi diversi sassolini dalle scarpe e replicare alle critiche piovute da Confindustria e dal suo presidente. Giudizi che nel governo reputano non solo ingenerosi, ma anche sbagliati.

– I sindacati hanno mostrato maggiore senso di responsabilità – si sfoga una fonte di governo.

Al presidente del Consiglio non deve proprio essere piaciuto quello che considera un ‘attacco’ da parte di Giorgio Squinzi. Nel colloquio dell’altro giorno, il premier aveva spiegato al capo degli industriali la ratio della manovra. Così come la necessità di prevedere una clausola di salvaguardia relativa al fondo per il cuneo fiscale. I soldi della spending review, aveva assicurato Letta, andranno a ridurre il costo del lavoro, ma dovevamo dare un segnale all’Europa. Perché il premier è stretto fra due fuochi: internamente le parti sociali e i partiti che premono, protestando contro una manovra a loro giudizio timida e insufficiente. Esternamente deve fronteggiare quegli “ayatollah del rigore” (come li ha definiti qualche settimana fa) che non si accontentano mai del risanamento di bilancio italiano. Ma siccome il governo non intende rinunciare a quel ‘bonus’ promesso dall’Europa ai Paesi virtuosi, l’unica via è cercare di tenere il deficit sotto il 3%.

– Non è un “capriccio”, ma una scelta dettata da un’attenta analisi dei vantaggi e degli svantaggi – spiega una fonte diplomatica.

Nelle parole del premier, al suo arrivo al summit Ue, si coglie tutta l’amarezza di chi è convinto che la legge di stabilità, viste le condizioni iniziali, sia un buon compromesso fra l’esigenza di tenere i conti in ordine e l’obbligo di dare un po’ di ossigeno all’economia.

– Nessuno ha la bacchetta magica e nessuno stampa moneta – ha rimarcato Letta, aggiungendo piccato:

– E penso che gli imprenditori della Confindustria dovrebbero essere i primi a sapere che tenere i conti a posto vuol dire far calare gli spread che oggi sono al minimo da due anni e mezzo a questa parte, consentendo loro di finanziarsi a tassi inferiori. Non solo. Gli imprenditori – attacca ancora – dovrebbero rendersi conto che perché ci sia crescita ci devono essere complessive condizioni: gli interessi bassi e le tasse basse; la legge di stabilità comincia a far scendere le tasse, gli ulteriori interventi arriveranno dall’anno prossimo.

Come a dire: quest’anno la strada era obbligata, l’anno prossimo – grazie alla ripresa e alla nuova maggioranza – sarà tutto diverso. Sempre che il governo duri: a palazzo Chigi continuano a ostentare serenità. Nemmeno le ultime bordate di Renzi contro l’emendamento di Ncd sullo slot machine sembra far alzare l’allarme oltre il livello di guardia.

– L’unico modo per assicurarci un futuro è fare le cose e cercare di farle bene – è il mantra che ripetono a Palazzo Chigi. In questo contesto il premier non può permettersi di deconcentrarsi dalla ‘partita’ europea.

Sull’unione bancaria fa capire che l’Italia sperava qualcosa di più dall’accordo faticosamente raggiunto in nottata dall’Ecofin. Ma preferisce guardare al bicchiere mezzo pieno:

– Il passo avanti mi sembra ci sia stato e se riusciremo a trovare un buon accordo sarà un grande passo avanti, soprattutto per i risparmiatori che non saranno più chiamati a salvare gli istituti.

Letta dice sì al principio dei cosiddetti ‘contratti’ (accordi per ottenere finanziamenti agevolati dall’Ue in cambio di riforme), anche perché “l’Italia ha i conti a posto” e dunque “non abbiamo nulla da temere da Bruxelles”.

In realtà il rinvio del dossier a giugno consente quegli “approfondimenti” necessari per evitare che lo strumento si trasformi nell’ennesima arma in mano agli ‘ayatollah’ del rigore.

Ultima ora

22:58Calcio: Buffon, Juve sta bene nel mucchio selvaggio in testa

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - La Juventus "sta bene nel mucchio selvaggio" in testa al campionato, e "non deve sottovalutare" il Tottenham in Champions League. Gianluigi Buffon analizza la doppia corsa, sottolineando che per i bianconeri "è un bel momento". "Pur non vincendo una gara importante contro l'Inter, i risultati delle altre ci hanno dato una grossa mano a vedere il bicchiere mezzo pieno e a far sì che si sia creato questo mucchio selvaggio in testa alla classifica. È chiaro che diventa un campionato più avvincente e noi secondo me ci sentiamo meglio in una posizione così ravvicinata alla testa della classifica", ha notato il capitano juventino a margine dei Gazzetta Sports Awards. "Il Tottenham è una squadra da prendere con le molle, ha tanta fisicità in quasi tutti i singoli e grande tecnica in cinque o sei elementi. Di solito impone alla gara un ritmo forsennato, di conseguenza sulle due gare è un avversario veramente temibile e da non sottovalutare".

22:44Donna dell’Agrigentino festeggia 106 anni con sorella di 112

(ANSA) - CANICATTI' (AGRIGENTO), 12 DIC - Altro compleanno ultracentenario a Canicattì (Ag) in casa Cammalleri. Attorniata dai familiari, tra cui la sorella Diega "Deddè" di 112 anni e la cognata di 94, ha festeggiato le sue 106 primavere Fifì Cammalleri, nata il 12 dicembre 1911. Le due sorelle vivono nella stessa casa. Nell'ottobre dello scorso anno, per i suoi 111 anni, Diega, che è stata a lungo insegnante, ricevette una medaglia d'oro dall'allora ministro dell'Istruzione Stefania Giannini. In quell'occasione l'interessata disse di non aver mai punito i suoi alunni "ma se necessario li ho solo corretti". Ai festeggiamenti di oggi erano presenti i numerosi nipoti delle due sorelle, anche loro avanti in età. (ANSA).

22:39Tap: Emiliano, Governo incosciente, presenteremo esposto

(ANSA) - BARI, 12 DIC - "I fatti accaduti in Austria hanno dimostrato che le preoccupazioni della Regione Puglia hanno un fondamento evidente che ci obbligherà nei prossimi giorni a sottoporre alla Procura della Repubblica competente un esposto che mira a salvaguardare l'incolumità pubblica dalla incosciente decisione del Governo di ritenere non assoggettabile alle direttive Seveso l'impianto Tap". In una nota, il presidente della Puglia, Michele Emiliano, replica al ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, che aveva criticato le rimostranze della regione sul gasdotto Tap. Per Emiliano, "di incoscienza collettiva evidentemente si tratta se è vero che il Ministro Calenda dalle notizie della vittima e dei 21 feriti in Austria trae lo spunto solo per ribadire che il TAP è necessario proprio per sopperire alla temporanea carenza di gas distribuita nel Nord Europa ove dovessero ripetersi incidenti analoghi a quello accaduto oggi". "Si tratta con ogni evidenza - rimarca Emiliano - di un caso di strabismo politico".

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

21:51Migranti: domani vertice a Parigi Macron-Gentiloni-Merkel

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà domani, mercoledì 13 dicembre, a Parigi, per il vertice con il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e i capi di Stato e di governo del G5 Sahel Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger. L'incontro, presso il castello di La Celle-Saint-Cloud, avrà inizio alle ore 12. Al termine è prevista una conferenza stampa congiunta. E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.

Archivio Ultima ora