Gb: l’uccisione di Duggan fu ‘legittima’

LONDRA – Non aveva in quel momento una pistola tra le mani Mark Duggan, ma la sua uccisione da parte della Polizia di Scoltand Yard nel 2011 é stata ”legittima”. Perchè con tutta probabilità aveva abbandonato l’arma poco prima, perchè le forze dell’ordine devono agire in pochi secondi. Questa la drammatica decisione della maggioranza dei giurati (8 su 10) della Royal Courts of Justice chiamati ad esprimersi sull’operato dei poliziotti in quell’episodio, nell’agosto del 2011 nel quartiere londinese di Tottenham, che scatenò l’ondata di scontri in uno dei momenti più violenti nella storia recente di Londra. Una sentenza cui è seguita la rabbia urlata da familiari e pubblico fin dall’interno dell’aula.

– La vita di un nero non vale niente – si sente scandire, mentre un rappresentante di Scotland Yard tenta di leggere il suo messaggio alla folla radunata davanti al tribunale questa sera. La madre di Duggan, Pam, è svenuta in tribunale alla lettura della sentenza. Mentre il fratello del 29enne freddato dagli agenti poco più di due anni fa ha rabbiosamente offeso la polizia.