La ‘Jobs Act’ di Renzi infiamma il confronto

Pubblicato il 09 gennaio 2014 da redazione

ROMA – Costoso per il ministro del Lavoro, nella “giusta direzione” per l’Europa, più propaganda che sostanza per la Cgil, vecchia zuppa per il vicepremier Ncd Angelino Alfano: il Jobs Act di Matteo Renzi infiamma il dibattito sul mercato del lavoro. E’ “una bozza”, sono “gradite idee, critiche, commenti”, dice il segretario del Pd. Il confronto è aperto, ed ampio.

Per il ministro Enrico Giovannini “la proposta di Renzi sulla natura dei contratti e le tutele ad essi collegati non è nuova, ma va dettagliata meglio”.

– In ogni caso – avverte – c’è da dire che molte delle proposte presentate in questa lista prevedono investimenti consistenti.

Ed anche il ministro dello Sviluppo, Flavio Zanonato, sottolinea il nodo costi, delle risorse necessarie per finanziare gli interventi proposti:

– I punti sono tutti sollevati in modo corretto e li condivido in toto, bisogna però risolvere un problema non banale, che è quello delle coperture.

Il primo commento da Bruxelles “in attesa di conoscere di dettagli” è una promozione.

–  E’ un nuovo programma, e sembra andare nella direzione auspicata dall’Ue nell’ultimo periodo – dice il commissario Ue per il Lavoro, Laszlo Andor, in visita a Roma -. L’obiettivo europeo è quello di rendere il mercato del lavoro più dinamico ed inclusivo, affrontando i temi delicati della disoccupazione giovanile e dell’occupazione delle donne.

Dal fronte sindacale è critica la posizione della Cgil.

– Non possiamo che salutare con favore il dibattito politico che finalmente parla di lavoro e il fatto che il più grande partito del centrosinistra sta impegnandosi a fare proposte – premette Susanna Camusso, ma nel merito è netta:

– Avremmo sperato in una maggior ambizione, a partire ad esempio dalla creazione del lavoro o dalle risorse, penso alla patrimoniale.

Mentre la prima impressione del segretario confederale Vincenzo Scudiere suona come una bocciatura del sindacato di Corso Italia:

– Al momento la proposta mi sembra propagandistica, c’è poco di concreto.

Bene una indennità per tutti, ed un contratto unico di ingresso cancella l’attuale selva di forme contrattuale dove si annida la precarietà, è la posizione della Cgil, che avverte:

– Non basta dire che sarà la libera iniziativa del mercato delle imprese, magari con qualche incentivo, a favorire la ripresa. Sono cose utili, tutte – dice Camusso -, ma servono risorse per creare nuovi posti di lavoro.

– Ne dobbiamo discutere ma siamo tendenzialmente favorevoli – dice per la Cisl il segretario generale Raffaele Bonanni -. La flessibilità va bene “a patto che venga pagata di più e piace l’idea di dare forza a un solo contratto ed eliminare quei contratti civetta che servono solo per pagare meno le persone, specie giovani.

Da Confindustria il vicepresidente Stefano Dolcetta avverte che non si crea lavoro “solo con un decreto legge”.

– Bisogna mettere le aziende nelle condizioni di poter essere competitive – sostiene.

Dal fronte politico, per il vicepremier e leader di Ncd, Angelino Alfano, “è la stessa zuppa di sempre”; mentre il presidente di Ncd, Renato Schifani, sottolinea che senza coperture è solo “un libro degli intenti”. Netta la bocciatura del capogruppo di Forza Italia alla Camera, Renato Brunetta:

– Sembra scritto da dilettanti allo sbaraglio, un po’ furbetti, un po’ opportunisti, sicuramente molto pasticcioni.

La Lega, con il segretario Matteo Salvini, esprime “due grossi dubbi”:

– Non dice dove prenderà i soldi. Non mette in discussione Unione Europea e Euro”.

E Scelta Civica rilancia con un suo, diverso, Job Act per “un intervento a 360 gradi”.

RUB/

Ultima ora

20:11Ansia a Bali per vulcano, 30mila gli evacuati

(ANSA) - BANGKOK, 23 SET - L'allerta è al massimo livello, e un'eruzione è considerata imminente. Bali vive ore di angosciosa attesa per il risveglio dopo mezzo secolo del vulcano Agung, nel nord-est dell'isola, che ha portato le autorità locali a disporre l'evacuazione precauzionale di quasi 30mila residenti in un raggio di 12 chilometri dal cratere. L'attività vulcanica dell'Agung (3.031 metri), la cui ultima eruzione risale al 1963, è aumentata progressivamente nell'ultima settimana, con centinaia di tremori a segnalare una salita del magma. Dopo una "eccezionale crescita" dell'attività sismica rilevata, il livello di allerta già alzato in settimana è stato portato al livello più alto. Gli evacuati, provenienti da una zona che non attira stranieri, sono stati portati in centri di accoglienza provvisori. L'agenzia nazionale per la gestione dei disastri sta cercando di procurarsi 500mila maschere per sopravvivere alla cenere, e prevede che l'emergenza possa durare un mese.

20:04M5s: Di Maio candidato premier e leader movimento

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Lui Di Maio è stato eletto candidato premier e leader del Movimento Cinque Stelle. I votanti delle primarie on line sono stati 37.442 ed il vice presidente della Camera ha ottenuto 30.936 preferenze. Di Maio prendendo la parola ha ringraziato tutti dagli attivisti fino ai fondatori del Movimento: Beppe Grillo e GianRoberto Casaleggio.

20:02Messico: salgono a 305 i morti del sisma del 19 settembre

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 23 SET - E' salito a 305 il nuovo bilancio dei morti del terremoto di magnitudo 7.1 che ha colpito il Messico lo scorso 19 settembre. Lo hanno reso noto oggi le autorità. Il responsabile della protezione civile, Luis Felipe Puente ha precisato che tra le 305 vittime, 167 persone hanno perso la vita nella capitale Città del Messico.

20:00Libia: Guterres vede Sarraj, ‘unire libici con road map’

(ANSA) - NEW YORK, 23 SET - Il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, ha incontrato a margine dei lavori dell'Assemblea Generale il premier della Libia Fayez al Sarraj. Guterres - fa sapere il portavoce del Palazzo di Vetro - "ha sottolineato l'importanza di unire i libici con il piano d'azione facilitato dalle Nazioni Unite". I due hanno poi "discusso le conseguenze umanitarie e socioeconomiche dell'attuale situazione politica e della sicurezza".

19:56Iraq: curdi non cedono, lunedì referendum indipendenza

(ANSA) - BEIRUT, 23 SET - "Una occasione storica, che non può essere sprecata". Con queste parole il governatore di Kirkuk ha chiamato tutti i curdi iracheni a partecipare compatti lunedì al referendum per la loro indipendenza, osteggiato dai Paesi vicini e da gran parte della comunità internazionale. Il governatore, Najmaldin Karim, è forse la figura più rappresentativa delle tensioni che la consultazione rischia di esacerbare tra diverse etnie e gruppi confessionali, mentre la guerra all'Isis infuria ancora in diverse regioni, tra cui quella di Hawija, poche decine di chilometri a sud-ovest di Kirkuk. Il Parlamento di Baghdad, accogliendo una richiesta del premier Haidar al Abadi, ha votato una mozione per rimuovere dalla carica Karim, che però è rimasto al suo posto. La ragione è il fatto che il governatore, membro dell'Unione patriottica del Kurdistan (Upk), ha sostenuto con forza la tenuta del referendum anche a Kirkuk, nonostante questa provincia non faccia parte del territorio della regione autonoma del Kurdistan.

19:45Golf: Francesco Molinari, Ryder 2022 spinta per Italia

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Ha vinto un anno fa, punta al bis quest'anno su un green dove sono attesi tantissimi campioni "che ora guardano all'Italia come una meta golfistica per i propri viaggi". "C'è grande soddisfazione ed emozione nel poter difendere il titolo in Italia, davanti ai nostri tifosi, in un Open con un field fantastico - dice Francesco Molinari all'Ansa, parlando del 74/o Open d'Italia che si svolgerà al Golf Club Milano dal 12 al 15/10 -. Ci saranno tantissimi campioni e sarà davvero stimolante competere con loro. Grazie all'aggiudicazione della Ryder Cup, l'Open d'Italia ha fatto un salto di qualità incredibile Vivo a Londra e gioco prevalentemente negli Stati Uniti nel PGA Tour: posso assicurare che la prospettiva della Ryder Cup 2022 ha contribuito a cambiare l'immagine del golf italiano agli occhi degli stranieri. Per quanto mi riguarda, l'obiettivo principale per il 2018 è sempre quello di migliorare e raggiungere obiettivi ambiziosi. Mi concentrerò come negli ultimi anni soprattutto sul Pga Tour in America".

19:41Terrorismo: commerciante marocchino indagato a Genova

(ANSA) - GENOVA, 23 SET - Un giovane commerciante marocchino con partita Iva abitante a Milano è stato fermato nei giorni scorsi nel porto di Genova ed indagato per terrorismo perché si ritiene abbia contatti con l'Isis. A intercettare il magrebino, 22 anni, incensurato ma inserito nella black list per le sue frequentazioni in rete, sono stati i finanzieri del Gico di Genova che lo hanno individuato e bloccato appena sbarcato da una nave salpata dal Magreb. A detta degli inquirenti non ci sono per ora elementi per affermare che il ventenne sia un terrorista ma è plausibile ipotizzare che possa avere collegamenti con importanti esponenti dell'Isis. Potrebbe essere un potenziale fiancheggiatore e per questo il magistrato titolare dell'indagine, Federico Manotti, della procura distrettuale antiterrorismo, lo ha iscritto sul registro degli indagati per approfondire gli accertamenti tecnici sul suo conto a cominciare dalla verifica dei suoi collegamenti on line con computer e telefonino, di cui è stata effettuata una copia forense. Abitante a Milano, l'uomo era tornato in Marocco per le ferie. Nelle scorse settimane i poliziotti della Polizia di frontiera di Genova in servizio al terminal traghetti di Genova grazie alle segnalazioni dei finanzieri del Gico di Milano avevano bloccato e rimpatriato un tunisino residente in Lombardia sospettato di essere in qualche modo legato ad affiliati all'Isis: l'uomo è stato espulso dall'Italia e rimpatriato perché ritenuto socialmente pericoloso. (ANSA).

Archivio Ultima ora