Sicilia: Non solo blocco stipendi, Regione a collasso

Pubblicato il 29 gennaio 2014 da redazione

PALERMO.  – Nella villa del Casale come in tanti altri siti archeologici e nei musei le toilette non vengono pulite da giorni perché non ci sono soldi per pagare le ditte, così il personale invita a non utilizzarli per impraticabilità; nel parco di Morgantina, ad Aidone, le linee telefoniche sono state tagliate perché non ci sono soldi per pagare le bollette, così l’ascensore, collegato al sistema d’allarme, è inutilizzabile. Al Genio Civile di Messina i dipendenti hanno fatto la colletta, mettendo un euro a testa, per comprare la carta; anche alla motorizzazione civile di Caltanissetta il personale si è auto-tassato per acquistare le risme e fare le fotocopie agli utenti. E’ la fotografia di quanto sta accadendo in Sicilia a causa del blocco della spesa, pari a mezzo miliardo di euro, dovuto all’impugnativa di buona parte della finanziaria regionale da parte del commissario dello Stato. Musei, enti, consorzi non hanno soldi in cassa per portare avanti i servizi. A parte dipendenti e pensionati della Regione che non hanno ancora ricevuto lo stipendio e l’assegno previdenziale di gennaio, e dovranno attendere ancora perché Palazzo d’Orleans tarda a pubblicare la manovra senza le parti impugnate (così come da ordine del giorno approvato nei giorni scorsi dall’Assemblea regionale), gran parte dei 450 uffici regionali sparsi nell’isola sono al collasso. Al Dipartimento della Funzione pubblica quasi tutte le stampanti sono fuori uso, mancano i toner e l’amministrazione non può ordinarli per mancanza di fondi. I magazzini di molti assessorati cominciano a svuotarsi e i fornitori non garantiscono le scorte perché non vengono pagati. La situazione più grave è negli uffici periferici, negli ispettorati del lavoro, nei centri per l’impiego, negli ispettorati forestali e nelle strutture di gestione di acque e rifiuti. All’Ente di sviluppo agricolo i trattori sono fermi per mancanza di carburante, con decine di aziende agricole in sofferenza. Le aree industriali, gestite dall’Irsap, sono in allarme. “Tutto si sta paralizzando”, avvertono Marcello Minio e Dario Matranga, segretari del Cobas/Codir, il sindacato più rappresentativo tra i 16 mila dipendenti della Regione. “Ormai il personale si porta le penne da casa per poter lavorare”, aggiungono i due sindacalisti. Il primo febbraio scadrà il bando per la fornitura dei ticket-mensa (7 euro) per i dipendenti regionali. “Probabilmente non si presenterà nessuno – sostiene il Cobas/Codir – perché il governo ha congelato i 350 mila euro previsti per il servizio, per cui senza soldi è impensabile che qualche azienda si faccia avanti. Eppure i ticket sono previsti dal contratto di lavoro, ma da due anni non viene rispettato”. Il sindacato conferma la mobilitazione in programma il 4 febbraio davanti la Presidenza della Regione, organizzata insieme al Sadirs, che rappresenta i dirigenti regionali. Per il sindacato occorrerà del tempo prima che torni la normalità negli uffici. “Anche se il bilancio dovesse andare in pubblicazione la prossima settimana, ci vorranno dei mesi per recuperare i disagi”, sostengono. E ancora: “Bastava andare in esercizio provvisorio, come negli anni passati, per evitare questo tracollo e invece Crocetta ha voluto forzare la mano e fare il primo della classe: questi sono i risultati”.  (Alfredo Pecoraro/ANSA)

Ultima ora

12:21Pedopornografia: 53% bambini abusati ha 10 anni

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il 53% dei bambini abusati e sfruttati per produrre sul web contenuti pedopornografici ha 10 anni o meno. A segnalare il dato "sconcertante, ma allo stesso tempo inferiore al 69% del 2015" è l'Unicef nel suo rapporto sulla "Condizione dell'infanzia nel mondo 2017: figli dell'era digitale". E' in aumento il numero di immagini di bambini dagli 11 ai 15 anni : dal 30% nel 2015 al 45% nel 2016. E 9 Url con contenuti pedopornografici su 10 identificati a livello mondiale sono localizzati in 5 paesi: Canada, Francia, Olanda, Russia e Usa.

12:20Arabia Saudita: riaprono i cinema, dopo 35 anni

(ANSA) - RIAD, 11 DIC - L'Arabia Saudita riaprirà i cinema dal prossimo anno, dopo oltre 35 anni. Lo hanno reso noto le autorità del regno. Secondo quanto è stato reso noto, oggi è stata approvata una risoluzione che spiana la strada alla concessione di licenze per i cinema commerciali. I cinema nel regno saudita vennero chiusi negli anni Ottanta, in seguito ad una svolta di carattere ultraconservatore che ora il principe ereditario Mohammed bin Salman sembra intenzionato ad invertire, con una serie di riforme che prevedono significative aperture sociali. Tra cui la revoca, dal prossimo anno, del divieto alle donne di guidare le automobili. Secondo fonti governative, i primi cinema saranno aperti prevedibilmente dal marzo del prossimo anno.

12:17Calcio: rissa dopo derby Manchester, colpito anche Mourinho

(ANSA) - LONDRA, 11 DIC - Finale di derby burrascoso all'Old Trafford, ieri, dopo la vittoria del City sullo United: a farne le spese Mourinho, innaffiato di latte e colpito alla testa da una bottiglia d'acqua. La maxi-rissa, che ha coinvolto almeno 20 persone tra giocatori e tecnici delle due squadre, è iniziata quando Mourinho è entrato nello spogliatoio del City per chiedere di abbassare la musica dei festeggiamenti. Un modo per dimostrare "maggiore rispetto" verso la 'sua' squadra. Il portoghese è stato subito affrontato dal portiere dei Citizens, Ederson, con il quale è scoppiato un acceso confronto, degenerato nel giro di qualche secondo, quando Mourinho è stato raggiunto da alcuni 'suoi' giocatori. Ne è nata una maxi-rissa. Secondo i media nel parapiglia Mourinho è stato colpito da una battaglia (vuota) d'acqua, e bagnato con schizzi d'acqua e latte. Tra i Citizens, Mikel Arteta, assistente di Guardiola, ha subito le conseguenze peggiori: per lui una ferita alla testa che ha richiesto l'intervento dei sanitari.

12:11Calcio: Borussia Dortmund, via Bosz e al suo posto Stoeger

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La sconfitta subita in casa sabato scorso, nella 15/a giornata della Bundesliga (per 2-1 contro il Werder Brema), sommata all'ottavo posto in classifica (-13 punti dal Bayern Monaco capolista), è stata fatale a Peter Bosz. L'allenatore olandese, infatti, non è più alla guida del Borussia Dortmund, che ha chiamato l'austriaco Peter Stoeger, ex tecnico di Austria Vienna e Colonia. I gialloneri, che sono stati anche eliminati dalla Champions, non vincono dal 30 settembre scorso (2-1 in trasferta all'Augusta) e sono sprofondati in una profonda crisi. Bosz era arrivato in estate per sostituire in panchina Thomas Tuchel. La notizia del cambio di guida tecnica è stata ufficializzata sull'account ufficiale Twitter del club tedesco.

12:06Travolge passanti con auto: Procura, accusa è strage

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Michele Bordoni, il 27enne che sabato scorso in auto ha travolto e ferito alcuni visitatori del mercatino di Natale a Sondrio, è accusato di strage. Con questa ipotesi a cui si aggiungono resistenza e lesioni aggravate nei confronti di un agente, il procuratore di Sondrio Claudio Gittardi e il pm Stefano Latorre, chiederanno al gip la convalida dell'arresto del giovane e il carcere. L'ipotesi di strage è stata riformulata dopo la ricostruzione dell'accaduto da cui è emerso che il giovane avrebbe voluto uccidere "indifferentemente una pluralità di persone". "Ne dovevo ammazzare di più" sono infatti le parole che Michele Bordoni ha pronunciato sabato al momento del suo arresto.

11:51Maltempo:disagi circolazione e treni soppressi in V. d’Aosta

(ANSA) - AOSTA, 11 DIC - La forte nevicata delle ultime 24 ore ha concesso una tregua in Valle d'Aosta, dove tuttavia si registrano alcuni disagi alla circolazione. I treni della mattina sulla linea Aosta-Ivrea sono stati soppressi. Una slavina ha invaso la strada statale 26 a La Saxe (Courmayeur): nessuna auto è stata coinvolta, ma la circolazione è interrotta su quel tratto. La stessa strada statale 26 è chiusa nella parte che porta a La Thuile (località Balme) per la caduta di due piante. Stop alla circolazione per pericolo valanghe anche su alcune arterie regionali: a Rhemes-Saint-Georges, a Valsavarenche (tra Tsan d'Oula a Pont) e a Courmayeur (Val Ferret e Val Veny). Criticità anche ad Aosta sia agli accessi della città che nelle vie centrali ancora innevate.(ANSA).

11:47Maltempo: Veneto, in pianura piove,nevica ancora in montagna

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Dopo la nevicata di ieri che ha raggiunto anche le località di pianura, oggi in Veneto l'innalzarsi delle temperature ha portato la pioggia nelle principali città, mentre in montagna nelle ultime ore si è consolidato con nuove imbiancate il manto di neve fresca. Tra sabato e stamane si sono accumulati, secondo le rilevazioni dell'Arpav, 22 centimetri di neve a Malga Losch, a 1.735 metri di quota nelle Dolomiti meridionali, 9 a Cortina, 8 a Sappada, 12 ad Arabba e 16 ad Agordo. Immagine tipicamente invernale anche per l'Altopiano di Asiago, imbiancata da 17 centimetri di neve fresca, ed Enego (20).

Archivio Ultima ora