Egitto: Al Jazira sotto tiro, 20 reporter a processo

Pubblicato il 29 gennaio 2014 da redazione

ROMA. – “Notizie false, associazione a gruppi terroristici ed equipaggiamento non autorizzato”. Sono queste la accuse formulate dalla procura egiziana nei confronti di venti giornalisti di Al Jazira, 16 egiziani e 4 stranieri, che saranno processati perché bollati di aver diffuso informazioni non vere che hanno danneggiato e messo in pericolo il Paese. Un vero e proprio giro di vite contro la libertà di stampa. La notizia è rimbalzata sui principali media mondiali, tra i quali la Bbc online, che ha precisato che i reporter egiziani sono stati accusati di servire gli interessi dei Fratelli musulmani – gruppo considerato organizzazione terrorista dalle autorità – di appartenere ad una “organizzazione terrorista” e di avere “attentato all’unità e alla pace nazionale”. I quattro reporter stranieri – due britannici, un australiano e un olandese – sono invece accusati dal pubblico ministero di “collaborazione con i giornalisti egiziani (sotto accusa) e di avere diffuso notizie false con l’obiettivo di far credere al mondo che il Paese è in guerra civile”. Dei 20 accusati, otto sono già in carcere mentre gli altri sono ricercati dalle autorità. La Bbc ne ha chiesto l’immediato rilascio, mentre al Jazira ha sostenuto che in tutta la vicenda continuano a esserci molti buchi neri: ad esempio non si conoscono i nomi dei giornalisti. La procura infatti non ha rivelato l’identità degli arrestati, ma la France Presse ha ricordato che tre reporter dell’emittente con base nel Qatar, sono l’australiano Peter Greste, l’egiziano-canadese Mohamed Adel Fahmy e l’egiziano Baher Mohamed, arrestati il 29 dicembre in un hotel al Cairo. Intanto un dirigente palestinese di Hamas a Gaza, Salah al-Bardwil ha definito “infamanti ed infondate” le accuse rivolte contro la stessa Hamas all’apertura del processo al deposto presidente egiziano Mohammed Morsi. Commentando le informazioni secondo cui la maggiore fazione islamica palestinese avrebbe reso possibile la fuga di Morsi dal carcere dove era detenuto, al-Bardawil ha replicato che si tratta solo di accuse “motivate politicamente” nell’intento di screditare il suo movimento. Gli attacchi egiziani verso i leader di Hamas (tenuti in ‘quarantena’ dal regime egiziano nell’era Mubarak dopo la sanguinosa rottura della fazione islamica con l’Autorità nazionale palestinese del presidente moderato Abu Mazen, ma rilanciati come interlocutori a pieno titolo nei mesi della presidenza Morsi) hanno assunto negli ultimi mesi un carattere ricorrente. “E’ una vergogna – é sbottato al-Bardawil – che si cerchi di distorcere l’immagine di un movimento di resistenza che sta combattendo per l’onore dell’intera Nazione islamica”. Intanto un gruppo jihadista che si ispira ad al Qaida e che ha rivendicato l’assassinio a Giza del generale Mohamed Said – direttore del dipartimento tecnico del ministero dell’Interno -, ha minacciato adesso di prendersela anche con il generale Abdel Fattah al-Sisi, che dovrebbe a breve sciogliere la riserva sulla sua candidatura alle presidenziali. Il movimento ultraradicale Ansar Beit al-Maqdess, con sede nel Sinai egiziano, in un messaggio via web ha avvertito al-Sisi: “La vendetta arriverà”.

Ultima ora

12:21Pedopornografia: 53% bambini abusati ha 10 anni

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il 53% dei bambini abusati e sfruttati per produrre sul web contenuti pedopornografici ha 10 anni o meno. A segnalare il dato "sconcertante, ma allo stesso tempo inferiore al 69% del 2015" è l'Unicef nel suo rapporto sulla "Condizione dell'infanzia nel mondo 2017: figli dell'era digitale". E' in aumento il numero di immagini di bambini dagli 11 ai 15 anni : dal 30% nel 2015 al 45% nel 2016. E 9 Url con contenuti pedopornografici su 10 identificati a livello mondiale sono localizzati in 5 paesi: Canada, Francia, Olanda, Russia e Usa.

12:20Arabia Saudita: riaprono i cinema, dopo 35 anni

(ANSA) - RIAD, 11 DIC - L'Arabia Saudita riaprirà i cinema dal prossimo anno, dopo oltre 35 anni. Lo hanno reso noto le autorità del regno. Secondo quanto è stato reso noto, oggi è stata approvata una risoluzione che spiana la strada alla concessione di licenze per i cinema commerciali. I cinema nel regno saudita vennero chiusi negli anni Ottanta, in seguito ad una svolta di carattere ultraconservatore che ora il principe ereditario Mohammed bin Salman sembra intenzionato ad invertire, con una serie di riforme che prevedono significative aperture sociali. Tra cui la revoca, dal prossimo anno, del divieto alle donne di guidare le automobili. Secondo fonti governative, i primi cinema saranno aperti prevedibilmente dal marzo del prossimo anno.

12:17Calcio: rissa dopo derby Manchester, colpito anche Mourinho

(ANSA) - LONDRA, 11 DIC - Finale di derby burrascoso all'Old Trafford, ieri, dopo la vittoria del City sullo United: a farne le spese Mourinho, innaffiato di latte e colpito alla testa da una bottiglia d'acqua. La maxi-rissa, che ha coinvolto almeno 20 persone tra giocatori e tecnici delle due squadre, è iniziata quando Mourinho è entrato nello spogliatoio del City per chiedere di abbassare la musica dei festeggiamenti. Un modo per dimostrare "maggiore rispetto" verso la 'sua' squadra. Il portoghese è stato subito affrontato dal portiere dei Citizens, Ederson, con il quale è scoppiato un acceso confronto, degenerato nel giro di qualche secondo, quando Mourinho è stato raggiunto da alcuni 'suoi' giocatori. Ne è nata una maxi-rissa. Secondo i media nel parapiglia Mourinho è stato colpito da una battaglia (vuota) d'acqua, e bagnato con schizzi d'acqua e latte. Tra i Citizens, Mikel Arteta, assistente di Guardiola, ha subito le conseguenze peggiori: per lui una ferita alla testa che ha richiesto l'intervento dei sanitari.

12:11Calcio: Borussia Dortmund, via Bosz e al suo posto Stoeger

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La sconfitta subita in casa sabato scorso, nella 15/a giornata della Bundesliga (per 2-1 contro il Werder Brema), sommata all'ottavo posto in classifica (-13 punti dal Bayern Monaco capolista), è stata fatale a Peter Bosz. L'allenatore olandese, infatti, non è più alla guida del Borussia Dortmund, che ha chiamato l'austriaco Peter Stoeger, ex tecnico di Austria Vienna e Colonia. I gialloneri, che sono stati anche eliminati dalla Champions, non vincono dal 30 settembre scorso (2-1 in trasferta all'Augusta) e sono sprofondati in una profonda crisi. Bosz era arrivato in estate per sostituire in panchina Thomas Tuchel. La notizia del cambio di guida tecnica è stata ufficializzata sull'account ufficiale Twitter del club tedesco.

12:06Travolge passanti con auto: Procura, accusa è strage

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Michele Bordoni, il 27enne che sabato scorso in auto ha travolto e ferito alcuni visitatori del mercatino di Natale a Sondrio, è accusato di strage. Con questa ipotesi a cui si aggiungono resistenza e lesioni aggravate nei confronti di un agente, il procuratore di Sondrio Claudio Gittardi e il pm Stefano Latorre, chiederanno al gip la convalida dell'arresto del giovane e il carcere. L'ipotesi di strage è stata riformulata dopo la ricostruzione dell'accaduto da cui è emerso che il giovane avrebbe voluto uccidere "indifferentemente una pluralità di persone". "Ne dovevo ammazzare di più" sono infatti le parole che Michele Bordoni ha pronunciato sabato al momento del suo arresto.

11:51Maltempo:disagi circolazione e treni soppressi in V. d’Aosta

(ANSA) - AOSTA, 11 DIC - La forte nevicata delle ultime 24 ore ha concesso una tregua in Valle d'Aosta, dove tuttavia si registrano alcuni disagi alla circolazione. I treni della mattina sulla linea Aosta-Ivrea sono stati soppressi. Una slavina ha invaso la strada statale 26 a La Saxe (Courmayeur): nessuna auto è stata coinvolta, ma la circolazione è interrotta su quel tratto. La stessa strada statale 26 è chiusa nella parte che porta a La Thuile (località Balme) per la caduta di due piante. Stop alla circolazione per pericolo valanghe anche su alcune arterie regionali: a Rhemes-Saint-Georges, a Valsavarenche (tra Tsan d'Oula a Pont) e a Courmayeur (Val Ferret e Val Veny). Criticità anche ad Aosta sia agli accessi della città che nelle vie centrali ancora innevate.(ANSA).

11:47Maltempo: Veneto, in pianura piove,nevica ancora in montagna

(ANSA) - VENEZIA, 11 DIC - Dopo la nevicata di ieri che ha raggiunto anche le località di pianura, oggi in Veneto l'innalzarsi delle temperature ha portato la pioggia nelle principali città, mentre in montagna nelle ultime ore si è consolidato con nuove imbiancate il manto di neve fresca. Tra sabato e stamane si sono accumulati, secondo le rilevazioni dell'Arpav, 22 centimetri di neve a Malga Losch, a 1.735 metri di quota nelle Dolomiti meridionali, 9 a Cortina, 8 a Sappada, 12 ad Arabba e 16 ad Agordo. Immagine tipicamente invernale anche per l'Altopiano di Asiago, imbiancata da 17 centimetri di neve fresca, ed Enego (20).

Archivio Ultima ora