Castro rivendica successo diplomatico del vertice Celac

Pubblicato il 29 gennaio 2014 da redazione

L’AVANA. – La proclamazione solenne di America Latina e Caraibi come “zona di pace”, letta dal presidente cubano Raul Castro a conclusione del vertice dei capi di Stato e di governo della regione (Celac) ospitato all’Avana, e la stretta di mano fra Fidel e il segretario generale dell’ Onu, Ban Ko-moon, hanno suggellato un successo diplomatico di Cuba e del suo governo. E’ quanto rivendica l’Avana, con l’assenso anche di molta stampa latinoamericana. E la Cuba ospite ha dato prova dei tempi che cambiano, di essere pienamente integrato nella comunità internazionale malgrado le accuse al regime e più di mezzo secolo di embargo degli Stati Uniti, che da un decennio assistono al lento declino della loro influenza sul subcontinente. Ma, sottolinea la stampa, se l’applauso dedicato a Raul Castro dai leader di 31 Paesi su 33 invitati – in chiaro contrasto col vertice di Panama di ottobre al quale hanno partecipato 12 dei 22 Paesi invitati – è stato il simbolo istituzionale dello status politico di Cuba, gli incontri informali tenuti degli ultimi giorni dal suo fratello e predecessore, Fidel, hanno mostrato un ‘lider máximo’ della Rivoluzione ancora in buono spolvero, malgrado gli 87 anni d’età e la salute precaria. E anche influente politicamente: nonostante dal 2006 non occupi più alcun incarico ufficiale, Fidel ha personalmente incontrato alcuni dei principali capi di Stato latinoamericani, come la brasiliana Dilma Rousseff e l’argentina Cristina Fernandez de Kirchner, e anche il capo dell’Onu, con il quale ha discusso durante quasi un’ora di diversi argomenti internazionali, compresa la crisi in Siria e il dibattito sulla riforma delle Nazioni Unite. Ban ha raccontato di essere rimasto colpito dalla “forza fisica e la voce chiara” di Fidel. La stampa cubana ha ovviamente pubblicato la foto dell’incontro fra i due, così come anche per “l’ameno dialogo” con Rousseff e la “riunione familiare” con Kirchner, che ha poi raccontato via Twitter il suo pranzo di domenica, nel quale ha conosciuto due nipoti e un pronipote del Comandante. Il vertice dell’Avana è stato inoltre preceduto dall’ inaugurazione a Mariel (40 km ad ovest dell’Avana) del nuovo porto che sarà il centro della cosiddeta Zona di Sviluppo Integrale, un megaprogetto commerciale e industriale sul quale il Brasile ha investito un miliardo di dollari – Rousseff è stata l’invitata d’onore della cerimonia – e che aspira a diventare uno dei principali hub commerciali dei Caraibi e il simbolo del rilancio economico dell’isola. Non sembrano invece esserci stati, a margine del vertice, incontri con dissidenti cubani, malgrado la denuncia di un’ondata di repressione lanciata negli ultimi giorni dagli oppositori, e ripresa da Ong dei diritti umani, come Amnesty International.

Ultima ora

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

Archivio Ultima ora