Corea del Nord: l’Onu accusa, migliaia di morti nei campi e torture

Pubblicato il 17 febbraio 2014 da redazione

TOKYO. – La Corea del Nord è colpevole di numerosi e gravissimi crimini contro l’umanità. Il rapporto redatto dalla Commissione d’inchiesta dell’Onu sulle violazioni dei diritti umani a Pyongyang è un pesante atto di accusa contro il regime di Kim Jong-un e non lascia margini interpretativi: “La loro gravità, la scala e la natura rivelano uno stato che non ha alcun paragone nel mondo contemporaneo”, al punto da giustificare il deferimento alla Corte penale internazionale dell’Aja o l’istituzione di un tribunale dell’Onu ad hoc. Nelle quasi 400 pagine totali del documento, diffuso a Ginevra, si descrive l’inferno dei campi di prigionia (o lavoro) e le “scomparse forzate” anche all’estero, nonché le politiche di indottrinamento e monopolio del cibo da parte del regime, usato come arma impropria di ricatto verso la popolazione. Pyongyang non ha permesso l’accesso al Paese alla commissione di inchiesta, composta da tre principali esperti e istituita da una risoluzione approvata il 21 marzo 2013 dal Consiglio Onu dei diritti umani, che è stata costretta a condurre le sue indagini con interviste di vittime e raccolta di testimonianze all’estero in condizioni di riservatezza per non mettere in pericolo i protagonisti di questo dramma e le loro famiglie. Negli ultimi cinque decenni, “centinaia di migliaia di prigionieri politici sono morti nei campi di prigionia della Corea del Nord” che, secondo le immagini satellitari, sarebbero stati addirittura ingranditi dopo la conquista nel 2012 della leadership in Corea del Nord di Kim Jong-un, terzo rappresentante della famiglia Kim al potere da oltre 60 anni. Le persone nei campi di lavoro, il cui numero è indeterminabile, sono gradualmente eliminate con una politica deliberata di fame, lavori forzati, esecuzioni, torture, stupri, aborti forzati e infanticidi. Un esempio significativo è la testimonianza offerta da Shin Dong-Hyuk, ora 31enne, fuggito nel 2005 dal ‘Camp 14’, uno dei famigerati campi per detenuti politici, forse l’unico nato in un gulag che sia riuscito nell’impresa. “Mi chiedete se eravamo trattati come animali? Io dico peggio perché i topi possono girare liberi e decidere cosa mangiare. Ci era vietato tutto, eravamo sottoposti a ogni tortura e la morte poteva essere un sollievo”, ha raccontato Shin in una recente visita a Tokyo. La Corea del Nord ha rifiutato “categoricamente e totalmente” il rapporto e i suoi contenuti, basati su “informazioni false fornite da forze ostili” al regime “sostenute da Stati Uniti, Europa e Giappone”. Di parere opposto la posizione Usa: “Mostra in maniera chiara e inequivocabile la realtà brutale” delle violazioni, ha affermato la portavoce del Dipartimento di Stato Marie Harf, aggiungendo che gli Usa sollecitano Pyongyang ad adottare “misure concrete” per affrontare il problema. La Cina, che ha negato l’accesso alla Commissione e che è uno storico alleato di Pyongyang, ha chiarito che “le questioni sui diritti umani devono essere risolte col dialogo costruttivo su un piano paritario. Sottoporre questo rapporto alla Corte penale internazionale non aiuterà a risolvere la questione”, ha concluso la portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying. Gli esperti della Commissione Onu hanno raccomandato al Consiglio di sicurezza di deferire la Corea del Nord alla Corte penale internazionale o di istituire un Tribunale dell’Onu ad hoc, ma su un piano puramente teorico. Il diritto di veto cinese è destinato a vanificare tutto. (di Antonio Fatiguso/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora