Carta para mi Venezuela desde Italia, mi otra patria

Pubblicato il 27 febbraio 2014 da redazione

Esta mañana las Minas de Baruta, el barrio de donde vengo, despertó en una bonita concentración, sumándose a la lista de sectores populares que se levantan en contra del gobierno. Esta forma de hacer protesta la apoyo plenamente y la considero necesaria pues, para mejorar al país necesitamos la inclusión de todos.

Me doy cuenta también que los violentos, opositores y chavistas, representan una minoría que hace mucho daño y que es esencial alejar del movimiento pues la violencia sólo produce más violencia y se tienen tantas cosas por las que protestar en contra del gobierno que las ideas están descubriéndose más fuertes que las bombas molotov y las balas, con todo el respeto por los caídos, por supuesto.

He visto en los últimos días cosas horrendas, como la masacre de las vacas y los asesinatos infames pero también he visto un grupo de independientes que no se están dejando llevar por colores políticos sino sociales, que se han dado cuenta que el modelo de país que nos han ofrecido no funciona más, tal como ocurrió en El Caracazo. La gente está hambrienta de comida y paz, en su mayoría, y es eso lo que la está llevando a las calles.

En el país está una oportunidad muy clara de empezar un cambio, sin intervención gringa ni cubana, aprendiendo de los errores que nos llevaron al chavismo y de aquellos que nos llevaron a ser el país más peligroso del mundo. No creo en los individuos sino en la gente, organizada por un mismo fin, compartiendo ideas y llegando a puntos comunes, sin imposiciones. Creo que este hartazgo generalizado debe llevarnos no a una batalla entre nosotros sino a favor de nosotros. Tenemos que hablar con todos, sobre todo con los que no piensen igual, no para convencerlos sino para buscar coincidencias en el pensamiento. Es el momento para planear un país que incluya sin conveniencias ni condiciones, que sea plural. No es momento de cazar brujas sino de construir puentes.

Es momento para rosas rojas, para un modelo de país que no olvide las estructuras sociales, que el resentimiento por la palabra “socialista” que nos han puesto quince años difíciles, no nos nuble la mirada. No caigamos en volver a la cuarta, más bien intentemos construir la sexta con aprendizaje, uniendo la libertad de mercado con un modelo de educación y medicina pública, dejando todos estos nuevos medios de comunicación para pluralizarlos, dándole voz a todos.
Todos somos víctimas de estos años duros, desde el estudiante de la UNEFA al Guardia Nacional, pasando por el trabajador del barrio, el estudiante de la Monteávila, el policía metropolitano, la vieja del Cafetal y los parlamentarios chavistas y opositores. Somos víctimas y cómplices, unos más y otros menos, de un sistema que nos ha hecho creer que el odio de la venganza soluciona las cosas. No es momento de “ahora vengo yo” sino de empatía, de sanación, de reinserción, de replantear nuestros valores ético-morales

Los levantamientos pacíficos armados de voz son el arma más peligrosa en contra del poder. Deseo que las calles de mi país se contagien de verbo y no de golpe.

Yo defiendo la idea de país.

 

Giulio Vita

 

Ultima ora

00:33Calcio: Champions, 5-0 al Leicester e Porto agli ottavi

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - Il Porto batte il Leicester 5-0 e si qualifica agli ottavi di finale della Champions League come seconda del gruppo G. Reti: 6' e 65' (rig.) André Silva, 26' Corona, 44' Brahimi, 77' Diogo Jota. Il Borussia Dortmund pareggia 2-2 in casa del Real Madrid (28' e 53' Benzema, 61' Aubameyang, 88' Reus) e vince il girone F. Altri risultati: Tottenham-Cska Mosca 3-1 (gruppo E); Bruges-Copenhagen 0-2 (gruppo G); Legia Varsavia-Sporting Lisbona 1-0 (gruppo F); Bayer Leverkusen-Monaco (gruppo E).

00:11Calcio: Champions, Juventus prima nel girone H

(ANSA) - TORINO, 7 DIC - La Juventus chiude al primo posto il girone H di Champions League grazie al successo di stasera per 2-0 sulla Dinamo Zagabria. Nel primo tempo i bianconeri non danno l'impressione di spingere eccessivamente vista la matematica qualificazione agli ottavi con un turno di anticipo. Ci provano Higuain, Pjanic (su punizione) e Mandzukic ma la difesa croata è sempre attenta. La partita si sblocca al 52' quando Higuain con un destro preciso da dentro l'area di rigore batte il portiere della Dinamo Ivakovic. Il 2-0, dopo un'occasione di Pjanic, arriva al 73' con un colpo di testa di Rugani su azione di calcio d'angolo. Nel finale spazio anche per Dybala, al rientro dopo l'infortunio riportato nella sfida di campionato contro il Milan. La Juve chiude a 14 punti, la Dinamo Zagabria ultima a 0 e con nessun gol all'attivo. Nell'altra partita del girone, il Siviglia pareggia a Lione 0-0 e passa agli ottavi come seconda classificata.

23:49Calcio a 5: l’Italia vince in amichevole

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - Seconda amichevole in Slovenia e seconda vittoria per la Nazionale di futsal, che ad Aidussina supera 2-1 i padroni di casa. Dopo il 4-1 di ieri in rimonta, a segnare i gol che valgono il successo agli azzurri di Roberto Menichelli sono Manoel Crema e Gabriel Lima, entrambi nel primo tempo. Inutile la rete di Cujec nella ripresa. Domani tocca alla Nazionale femminile, che farà il suo esordio al Torneo "Quattro Nazioni" organizzato dalla federazione spagnola. Le azzurre, che alle ore 18 se la vedranno contro il Portogallo (diretta streaming sul sito www.ffcm.es), anche oggi hanno effettuato una doppia seduta di allenamento ad Alcázar de San Juan dove si giocheranno tutte le partite del quadrangolare, che per la prima giornata prevede anche la sfida tra Spagna e Russia, avversarie dell'Italia rispettivamente venerdì alle 20.15 e sabato alle 17.

22:57Calcio: Juventus-Dinamo Zagabria, tre i tifosi feriti

(ANSA) - TORINO, 7 DIC - È tornata la calma nello Juventus stadium, dove i bianconeri stanno affrontando la Dinamo Zagabria in una partita della Champions League. Il bilancio degli scontri avvenuti all'esterno dello stadio è di tre tifosi croati feriti, nessuno dei quali in gravi condizioni. Uno è stato medicato sul posto, gli altri due sono stati trasportati in ospedale. Le forze dell'ordine stanno valutando la posizione di alcuni ultrà croati che si sono resi protagonisti degli incidenti.

22:49Brexit: governo si impegna a rivelare piani negoziali

(ANSA) - LONDRA, 7 DIC - Il governo britannico si impegna a rivelare i suoi piani prima dei negoziati sulla Brexit. E' quanto afferma una mozione approvata dalla Camera dei Comuni con 448 voti favorevoli e 75 contrari. Il documento era stato presentato dall'opposizione laburista ma è stato poi blindato dall'esecutivo con un emendamento per rispettare i tempi indicati dalla premier conservatrice Theresa May, che vuole avviare l'iter di uscita dall'Ue entro la fine di marzo.

22:37Calcio: Marotta, classifica girone non importante

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - "Meglio arrivare secondi che primi? Noi siamo arrivati in finale a Berlino da secondi nel girone. Quando siamo passati come primi siamo stati eliminati. Ragionamenti razionali è difficile farli, nella Champions è importante anche il sorteggio: ci affidiamo al destino". Così Beppe Marotta a Mediaset Premium poco prima di Juventus-Dinamo Zagabria. Quanto alla squalifica di Strootman: "noi non vogliamo entrare in queste polemiche - aggiunge l'ad bianconero -. Ne abbiamo sentite tante, ma siamo abituati a confrontarci con il campo, dobbiamo vincere in ogni caso, sia che giochi Strootman o che non giochi. Sarà un match difficile e dovremo affrontarlo sapendo di essere la Juventus. Le dichiarazioni polemiche di Baldissoni? E' un tifoso romanista e quindi è giusto che abbia fatto questo tipo di esternazioni. Prima di noi affronteranno il Milan e poi l'ad della Roma è Umberto Gandini, persona molto seria, preparata, che conosce il regolamento, quindi credo che Baldissoni dovrebbe confrontarsi con lui".

22:32Calcio: Muriel, mercato? Penso solo alla Sampdoria

(ANSA) - GENOVA, 7 DIC - Luis Muriel vuole restare a Genova e continuare la sua avventura con la Sampdoria: "I tifosi possono stare tranquilli? Sì, sto pensando solo alla maglia blucerchiata ed a quello che posso fare qua a Genova. Con i tifosi il rapporto è cresciuto tantissimo, il mio obiettivo è quello di continuare a fare bene con la Sampdoria e poi vedremo", ha detto l'attaccante colombiano durante l'incontro con i tifosi al negozio ufficiale della società doriana insieme a Bruno Fernandes. L'attaccante non dovrebbe quindi lasciare la Samp a gennaio, poi la partirà di riaprirà nel mercato estivo. E l'attaccante fissa anche l'obiettivo prima della sosta natalizia: "Finire a trentuno punti prima delle feste. Davanti al Genoa? Sarebbe meglio di sì, siamo sulla buona strada", spiega ancora. E in vista del mercato di gennaio è intervenuto via Twitter anche il presidente Massimo Ferrero: "A gennaio non vendo ma compro".

Archivio Ultima ora