Merkel aspetta Renzi alla prova. Domani Hollande, lunedì Berlino

Pubblicato il 14 marzo 2014 da redazione

BERLINO. – Berlino aspetta Matteo Renzi. E Angela Merkel è certamente curiosa di incontrare il nuovo premier italiano che, come ha fatto dire al suo portavoce, ha un “programma ambizioso di riforme” per l’Italia. La cancelliera è tra quelli che su di lui ci hanno visto lungo: lo aveva individuato leggendo un articolo, e Renzi è già stato nella capitale tedesca, convocato in cancelleria lo scorso luglio. Con un certo imbarazzo per Enrico Letta, all’epoca ancora premier. Ora vuole vederlo alla prova dei fatti, mentre i falchi del suo partito ne hanno già bocciato l’intenzione di “fare altri debiti”. Il cruciale tour europeo del presidente del Consiglio inizia domani a Parigi, passa lunedì per Berlino e culmina giovedì e venerdì al Consiglio europeo a Bruxelles: Renzi potrebbe cercare una sponda per convincere i tedeschi della necessità di Roma di fare leva anche sul deficit (pur restando sotto il 3%) per il rilancio. Ma non è detto che Hollande sia pronto a guastare l’intesa con la grande coalizione di Merkel, il cui appoggio è prezioso in tempi in cui Bruxelles marca stretto anche l’Eliseo. Intanto, visti i precedenti – gli accenti antitedeschi dell’ultima campagna elettorale italiana in cui la Frau di ferro è stata accusata di aver provocato la recessione – Berlino non si espone in valutazioni dirette sull’intenzione del premier di finanziare in parte col deficit il taglio del cuneo fiscale. A una domanda specifica sul punto, il portavoce della cancelliera Steffen Seibert ha risposto in conferenza stampa aggirando lo scoglio: “Noi siamo consapevoli che il premier si è insediato con un programma di riforme ambizioso. Lo illustrerà certamente alla cancelliera e ne parleranno. Ma non vorrei esprimere aspettative”. “È la trentesima volta che avvengono le consultazioni fra Italia e Germania – ha aggiunto sul vertice intergovernativo di lunedì che vedrà schierati 6 ministri tedeschi -. Alle spalle abbiamo una collaborazione molto lunga e molto stretta”. Il portavoce ha però negato anticipazioni: “Non voglio fare previsioni”. Che sul tavolo lunedì a Berlino ci sarà il nodo delle trattative con l’Ue necessarie per rispettare gli annunci sul taglio delle tasse e l’aumento delle buste paga fatti in questi giorni dal premier è certo. Se Renzi vuole una chance a Bruxelles, deve riuscire a portare Berlino dalla sua parte, convincendo la cancelliera che l’Italia per ripartire ha bisogno di più margine sull’indebitamento. L’entourage di Frau Merkel, però, ha già chiaramente rigettato questa ipotesi. “Se pensa di fare nuovi debiti diremo di no”, ha detto all’Ansa nei giorni scorsi il vice-capogruppo parlamentare della Cdu Michael Fuchs. Le ambizioni riformatrici sono invece viste con favore in Germania, dove Renzi ha avuto molta attenzione anche dalla stampa, che gli ha riconosciuto un dinamismo inedito e il merito di aver rotto con la vecchia guardia. L’unica responsabile, secondo i tedeschi, della difficile situazione economica italiana. Intanto, dopo l’annuncio delle misure economiche romane, a Bruxelles, almeno per ora, non è scattata nessuna trattativa. E i tecnici della Commissione non vedono nessuna corsia d’emergenza. La prossima tappa formale per il confronto Governo-Commissione è quindi a metà aprile, quando l’Italia dovrà inviare il Piano nazionale di riforme, e il programma di stabilità, con le coperture necessarie a realizzare le riforme. Bruxelles entrerà nel merito delle intenzioni di Renzi solo allora e già i primi di maggio, quando pubblicherà le nuove stime economiche, dirà se le coperture sono sufficienti oppure se le misure aggravano il deficit senza un ritorno sufficiente di pil. L’unico modo per convincere la Commissione che fare deficit può aiutare anche la discesa del debito è se vi fosse un significativo balzo in avanti della crescita: agendo sul cosiddetto denominatore del rapporto debito/pil, il nominatore, cioè il debito, scenderebbe automaticamente. (Rosanna Pugliese e Chiara De Felice/Ansa)

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora