A Corina Machado impedito di parlare a Osa

WASHINGTON. – La deputata venezuelana di opposizione Maria Corina Machado non ha potuto prendere la parola durante la sessione del Consiglio permanente dell’Organizzazione degli stati americani (Osa) che si è tenuta a Washington, malgrado fosse stata invitata a farlo dal rappresentante del Panama, per illustrare la situazione in Venezuela dopo più di un mese di proteste studentesche antigovernative. Durante oltre otto ore di dibattito, i paesi membri dell’Osa hanno prima votato che la sessione si svolgesse a porte chiuse, poi che la discussione della situazione in Venezuela fosse eliminata dall’agenda ed infine hanno impedito che Machado potesse parlare durante l’esame delle “altre questioni”, con cui si chiudono generalmente le discussioni dell’organismo. La rappresentante statunitense all’Osa, Carmen Lomellin, ha raccontato alla stampa che la deputata antichavista – presente nella sala del consiglio durante l’intera giornata, su invito della delegazione del Panama – ha appena avuto il tempo di “salutare il Consiglio e ringraziarlo per l’attenzione”, prima che le fosse tolta la parola.

Condividi: