Venezuela, Ue: “Preoccupati per presunto uso eccessivo forza”

Pubblicato il 24 marzo 2014 da redazione

BRUXELLES – “Condanniamo l’intolleranza e l’uso della violenza da tutte le parti, e siamo preoccupati da notizie su un presunto uso eccessivo e sproporzionato della forza da parte delle forze di sicurezza. Spetta alle autorità garantire che tutti i cittadini possano esercitare il loro diritto alla libertà di espressione, associazione e riunione e ci uniamo all’Alto Commissario Onu per i diritti umani nel ricordare che il governo deve garantire che le forze dell’ordine agiscano in linea con le norme internazionali”, così il portavoce del capo della diplomazia Ue Catherine Ashton.

L’Ue ha espresso “tristezza” per il crescente numero di vittime e si é detta “allarmata” per gli studenti e le personalità politiche arrestate, inoltre ha espresso preoccupazione  “per le accuse nei confronti della persone elette”. A questo proposito é stato rivolto “un appello alle autorità affinchè assicurino che tali accuse siano oggetto di indagine imparziale, secondo il dovuto procedimento legale”. Poichè, ha commentato la portavoce, “l’apparente velocità della condanna solleva alcune potenziali preoccupazioni”.

– Sosteniamo gli sforzi regionali per portare tutte le parti del Venezuela, ad un tavolo, per mettere uno stop immediato a violenza e disordini – ha concluso il portavoce -. Confidiamo che i ministri dell’Unasur che arrivano questa settimana lavorino affinchè il dialogo sia veramente completo, secondo un formato ed un’agenda che vada bene a tutte le parti.

Intanto la Procuratrice Generale, Luisa Ortega Díaz, e il comandante della Guardia Nazionale Bolivariana (Gnb), Justo Noguera Pietri, hanno ammesso che le forze dell’ordine hanno “commesso eccessi” nella repressione delle manifestazioni antigovernative che si susseguono da inizio febbraio e che hanno provocato finora un bilancio di 33 morti e centinaia di feriti.

– E’ vero che ci sono stati eccessi della polizia. Alla Procura abbiamo aperto finora 60 inchieste per presunte violazioni dei diritti umani – ha detto Díaz, che ha comunque puntualizzato si tratta solo di casi isolati. Secondo la procuratrice, infatti, “una delle grandi menzogne che circolano è che lo Stato venezuelano viola i diritti umani

– Questo – ha smentito categoricamente – non è vero.

A proposito delle proteste.  Durante il fine settimana sono stati arrestati altri tre giovani italo venezuelani. Si tratta di Luis Alberto Nicolino, Geraldine Falcone e Gabriella Calvo. I tre giovani sono stati arrestati  durante le proteste a Piaza Altamira. Nicolino é stato portato a Fuerte Tiuna dalla Guardia Nazionale mentre Geraldine Falcone e Gabriella Calvo alla Stazione centrale della Polizia di Chacao

Geraldine Falcone è stata arrestata durante la perquisizione realizzata dalle forze dell’ordine in alcuni appartamenti nell’edificio For You, in Piazza Altamira nel Comune di Chacao. A darne notizia immediatamente  con un twitter, é stato l’avvocato del “Foro Penal Venezolano”, Alfredo Romero. La giovane in possesso della doppia cittadinanza (italiana e venezuelana) non avrebbe subito maltrattamenti al momento dell’arresto. Lo ha assicurato alla nostra Console Reggente, Jessica Cupellini, che appena informata dell’accaduto ha preso immediatamente contatto con gli avvocati incaricati del caso, e il fidanzato della giovane.

In un primo momento si era sparsa la voce che la ragazza italo-venezuelana fosse figlia di un funzionario del nostro Consolato o di un diplomatico del Costa Rica – infatti il Consolato di Costa Rica ha i suoi uffici nella mansarda dell’edificio For You -. Ma poi le voci sono risultate prive di fondamento.

Sempre a Piazza Altamira – trasformata dalle proteste nella Tianammen di Caracas -, oltre a Geraldine Falcone sono stati arrestati Luis Alberto Nicolino e Gabriella Calvo. Il primo é stato portato a “Fuerte Tiuna”  e, sempre stando alla Console Cupellini, non avrebbe subito maltrattamenti, mentre la giovane sarebbe stata condotta alla stazione della Polizia di Chacao.

Le aggressioni della Guardia Nazionale e delle altre forze dell’Ordine contro gli operatori dell’informazione ha provocato la protesta delle organizzazioni sindacali dei giornalisti e dei mass-media. Il comandante della Guardia nazionale ha ricevuto l’altro giorno una delegazione del principale sindacato di giornalisti (Sntp), che ha chiesto  “inchieste e sanzioni appropriate” riguardo le “aggressioni contro cronisti, fotografi e cameraman” che seguono le proteste e denunciato che 120 lavoratori della stampa hanno sofferto violazioni dei loro diritti. Di questi 56 sono stati malmenati, detenuti o derubati da agenti. Tra questi, vale la pena sottolineare il caso della fotoreporter Francesca Commissari.

Se da un lato l’Ue ha espresso preoccupazione e i giornalisti hanno condannato le aggressioni contro gli operatori dell’informazione, dall’altro il presidente dell’Assemblea Nazionale, Diosdado Cabello, ha affermato che la deputata dell’opposizione Maria Corina Machado non potrà più tornare al Parlamento “perché non è più deputata”.

Per il presidente del Parlamento non é necessario che l’Aula si pronunci in quanto la deputata Maria Corina Machado avrebbe fatto la sua scelta al partecipare all’assemblea dell’Osa.

– Quello che ha fatto (Machado) è stato mettere da parte le sue responsabilità come deputata e accettare un incarico a Panama – ha detto Cabello in una conferenza stampa, alludendo alla presenza della leader dell’opposizione alla sessione del Consiglio permanente dell’Organizzazione degli Stati Americani (Osa), venerdì scorso (21 marzo) a Washington. Machado era stata invitata a parlare all’Osa dal governo del Panama – che Cabello ha definito “ostile al Venezuela” – ma non ha potuto prendere la parola.

Durante la sessione, che si è svolta a porte chiuse, prima è stato eliminato dall’agenda il punto che riguardava la situazione a Caracas. Poi è stato impedito alla deputata di intervenire nella discussione degli “affari vari”, con la quale si chiudono tradizionalmente i dibattiti.

 

Ultima ora

23:57Iran: Djalali confessa in tv, sono una spia

(ANSA) - TEHERAN, 17 DIC - Ahmadreza Djalali, il medico arrestato in Iran nel 2016 con l'accusa di spionaggio e condannato a morte a ottobre, ha "confessato" in tv di aver spiato il programma nucleare di Teheran per conto di una nazione europea, senza nominare quale. Il presentatore tv, tuttavia, ha citato il Mossad, mentre scorrevano le immagini dei documenti svedesi dell'uomo e del Colosseo: Djalali, medico, ha infatti trascorso un periodo in Italia. In cambio della sua attività di spia, ha spiegato lui stesso, avrebbe ottenuto la cittadinanza di un Paese europeo.

22:57Savoia: Smuraglia (Anpi),solennità volo Stato urta coscienze

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Quello dei Savoia lo considero un problema chiuso da molto tempo. Una vicenda finita. Smettiamo di parlarne. Ritengo che portare la salma in Italia con solennità e volo di Stato è qualcosa che urta le coscienze di chi custodisce una memoria storica. Urta con la storia di questo dopoguerra. E non si parli più neanche di questa ipotesi di mettere le loro salme nel Pantheon. Basta". Così il presidente emerito dell'Anpi Carlo Smuraglia commenta il rientro in Italia delle spoglie di Vittorio Emanuele III con un volo dell'Aeronautica militare.

22:35Donna uccisa a coltellate in casa nel Milanese

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - Una donna di 33 anni, con due figli piccoli, è stata trovata agonizzante, colpita da tre coltellate al torace nella sua abitazione di Parabiago, nel Milanese. E' stata la madre a trovarla, a terra, in bagno. La donna, un'italiana, è morta poco dopo. Indagano i carabinieri della Compagnia di Legnano.

22:26Calcio: Junior Tim Cup oggi al Ferraris

(ANSA) - GENOVA, 17 DIC - Le squadre della Parrocchia Caramagna di Imperia e dell'Oratorio Santa Dorotea di Genova si sono affrontate allo stadio Ferraris prima del match Sampdoria- Sassuolo in un'amichevole terminata con il risultato di 2-10, nel contesto della VI Edizione della Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 sostenuto da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano. A fine gara, i ragazzi hanno consegnato ai giocatori della Sampdoria e del Sassuolo la fascia da capitano della Junior TIM Cup per poi accompagnarli all'ingresso in campo. La VI edizione della Junior TIM Cup si disputa nelle 15 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2017-2018. Le squadre vincitrici dei concentramenti interregionali di qualificazione alla fase nazionale si contenderanno il titolo di campioni della Junior TIM Cup, il 9 maggio, in occasione della Finale di TIM Cup 2017-2018.

22:17Calcio: Peruzzi, Milinkovic Savic? Nella Lazio sta benissimo

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Qui ci sono molti osservatori per Milinkovic Savic? So che lui sta benissimo qui e vuole rimanerci a lungo. Poi che ci siano molti scout è normale, ma per il momento Sergej sta bene alla Lazio". Il dirigente della Lazio Angelo Peruzzi parla delle dinamiche di mercato e in particolare del 'gioiello' serbo che mezza Europa sta tenendo d'occhio.Ma in casa biancoceleste sono stati giorni pesanti, per le polemiche sul Var e sugli arbitraggi che avrebbero penalizzato la squadra di Inzaghi. "Se siamo preoccupati per gli errori del Var di questa giornata? - dice Peruzzi - No, non lo siamo. Poi ogni partita ha i suoi episodi, non voglio polemizzare". "Ma pare che gli episodi siano valutabili a seconda delle circostanze - aggiunge - e sembra che non siano tutti d'accordo. E' come la parabola di Kafka, di un contadino che vuole conoscere la legge ma trova il portone del guardiano sempre chiuso.Non lo fanno mai entrare e lui,nonostante tutti i suoi sforzi,non riesce a capire le dinamiche della legge perché sono confuse".

22:07Calcio: Pescara, Sebastiani, Zeman? devo parlarci poi decido

(ANSA) - PESCARA, 17 DIC - Dichiarazioni pesanti del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, che nel dopopartita di Pescara-Novara, in mixed zone, ha attaccato il tecnico Zeman che ieri aveva detto in conferenza stampa di avere una visione diversa del calcio rispetto al presidente. "Se oggi c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di m... dell'allenatore - ha detto Sebastiani -. Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò". Il presidente del Pescara, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, potrebbe esonerare il tecnico boemo.

22:05Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Mycicero Pesaro 3-0 (ieri) Foppapedretti Bergamo - Saugella Monza 1-3 Liu Jo Modena - Pomì Casalmaggiore 3-1 Unet E-Work Busto Ar. - Savino Scandicci 2-3 (ieri) Il Bisonte Firenze - Lardini Filottrano 3-0 Sab Legnano - Igor Gorgonzola Novara 0-3 - Classifica: Conegliano 29; Novara 27; Scandicci e Busto Arsizio 24; Modena 18; Monza 16; Pesaro 15; Firenze 14; Legnano 11; Casalmaggiore 10; Bergamo 6; Filottrano 4.

Archivio Ultima ora