E’ scontro Grasso-Renzi su riforme. Premier, non mollo

Pubblicato il 30 marzo 2014 da redazione

ROMA. – A meno di 24 ore dal Consiglio dei ministri chiamato a varare il ddl sulle riforme è scontro aperto tra il premier Renzi e il presidente del Senato Pietro Grasso. Il primo avverte che sulla revisione del bicameralismo non intende mollare, mentre il secondo, in due interviste a sorpresa che spiazzano l’esecutivo, afferma: la Camera Alta deve restare elettiva, altrimenti, il combinato disposto del ddl annunciato da Renzi (“con il Senato composto da esponenti delle autonomie non scelti direttamente dai cittadini”) con l’Italicum “mette a rischio la democrazia”. Grasso parlando a “La Repubblica” e a “L’Unità” è categorico: non bisogna abolire il Senato, che deve restare un’ assemblea di eletti, perché serve “una Camera che sia di controllo e di garanzia”. E altrettanto secca è la replica di Renzi al Tg2: “Mai più bicameralismo perfetto”. Il Senato “non sarà più elettivo, altrimenti sarebbe una presa in giro nei confronti degli italiani”. Il modello che domani il governo illustrerà al Cdm, “rispetta la Costituzione”, assicura il premier. “Bisogna andare avanti e non tornare indietro. Capisco le resistenze di tutti, ma la musica deve cambiare” e “il vero modo per difendere il Senato non è una battaglia conservatrice”, incalza Renzi, che probabilmente nei prossimi giorni avrà la sponda del Colle, che in passato si era già espresso per la fine del bicameralismo. A rincarare la dose ci pensa il vicesegretario Pd, Debora Serracchiani, che prima difende il testo del governo e poi invita Grasso a rispettare le decisioni del partito. Non si dimentichi che lui è stato eletto con i Dem, afferma. Dopo un pò corregge il tiro dicendo che il ruolo della seconda carica dello Stato non è in discussione. Ma la “bacchettata” non passa inosservata e Beppe Fioroni reagisce invitando il suo partito a rispettare e a “non pressare” le alte cariche istituzionali. In serata interviene anche il sottosegretario Graziano Delrio che conferma la linea: la “proposta” del governo punta ad un Senato non eletto perché in Italia “c’è un sistema barocco” il che, “non è un problema per i senatori ma per i cittadini”. Ma se il governo “non molla”, anche Grasso insiste e dopo le interviste assicura in Tv da Lucia Annunziata che il suo “vuol essere solo un contributo”, ma che come tale vorrebbe che venisse ascoltato. “Io sono il primo rottamatore del Senato e non sono né un parruccone né un conservatore”, precisa. “Ma non si può cambiare la Costituzione a colpi di fiducia come si è fatto per le Province”, mentre una riforma monocamerale, unita all’Italicum, può presentare “un rischio per la democrazia”. Grasso ricorda di aver già avanzato le sue perplessità con il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi, ma di non aver avuto “alcun ritorno”. Poi, dà al premier un consiglio che suona come un avvertimento: se sulla riforma le cose restano così, “i numeri al Senato rischiano di non esserci”. E le sue affermazioni sembrano risvegliare la fronda anti-riforma. In un documento, 25 senatori Pd, guidati da Francesco Russo, rivendicano di non essere “meri esecutore” e invitano Renzi “ad ascoltare le tante voci” e a “non porre ultimatum”. Pippo Civati annuncia che nelle prossime anche verrà presentata una proposta di riforma costituzionale diversa dal ddl del governo che prevede, al contrario di quella del governo, un Senato elettivo. Libertà e giustizia, poi, lancia un appello dal titolo “Verso la svolta autoritaria”, che ha come primi firmatari Gustavo Zagrebelsky e Stefano Rodotà. “Stiamo assistendo impotenti al progetto di stravolgere la nostra Costituzione da parte di un Parlamento esplicitamente delegittimato da una sentenza della Corte costituzionale”, si legge nel testo che viene sottoscritto da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio che parlano a loro volta di “deriva autoritaria”. E anche FI non fa sconti. Giovanni Toti parla di proposta-bluff mentre Renato Brunetta descrive lo scontro Renzi-Grasso come “una crisi istituzionale senza precedenti” evocando l’intervento del presidente Napolitano per fare chiarezza. In linea con le riforme annunciate dal governo è Alfano che avverte come “conservatori e difensori dell’esistente ci troveranno dall’altra parte”. Ma al Ncd la bozza delle riforma in serata non è ancora arrivata. E questo al momento crea non pochi malumori. “Se pensano di metterci davanti al fatto compiuto per poi puntarci un coltello alla gola si sbagliano di grosso”, sintetizzano alcuni alfaniani al Senato. (Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

20:45Nuoto: Europei, Quadarella bronzo negli 800 stile libero

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - L'azzurra Simona Quadarella ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen, con il tempo di 8'16"53, suo primato personale. L'oro è andato alla tedesca Sarah Koehler (8'10"65), il bronzo all'ungherese Boglarka Kapas (8'11"13). "Non pensavo di riuscire a prendere la medaglia quindi sono molto contenta del podio" ha commentato l'atleta romana, che lunedì compirà 19 anni.

20:33Calcio: Donnarumma “Io sono un tifoso del Milan”

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Poche parole ma tante foto e autografi. Se Gattuso dopo la contestazione di ieri sera aveva chiesto ai tifosi di proteggere Gianluigi Donnarumma, i ragazzi del vivaio del Milan, durante la festa di Natale, hanno seguito alla lettera le richieste del mister, coccolando il portiere con tanti applausi e un vero bagno di folla. Donnarumma si è dimostrato molto disponibile, ha salutato tutti i ragazzi sempre con il sorriso e dal palco ha ribadito un concetto: ''Sono un tifoso del Milan''. Ha fatto a tutti gli auguri di ''buon Natale'', ha ammesso di ''sognare un gol come quello fatto da Brignoli'', sottolineando quanto un gol del portiere arrivi solo in situazione di svantaggio, e ha ricordato che il suo idolo sia sempre stato Abbiati.

20:31Nuoto: Europei, Rivolta-Codia, doppietta 100 farfalla

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - Matteo Rivolta ha vinto la medaglia d'oro nei 100 farfalla all'Europeo di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen con il tempo di 49"93. La doppietta azzurra è stata completata dall'argento di Piero Codia (49"96). Terzo posto e medaglia di bronzo per il tedesco Marius Kusch (50"01).

20:29Consip: difetto iter, nulla sospensione di Scafarto e Sessa

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Per un difetto di procedura, il mancato interrogatorio degli indagati prima dell'emissione del provvedimento della loro sospensione dalle funzioni, il gip di Roma Gaspare Sturzo ha annullato l'interdizione disposta nei confronti del maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e del colonnello Alessandro Sessa, entrambi coinvolti nell'inchiesta della procura sul caso Consip. La misura dell'interdizione sarà quindi ripristinata la settimana prossima subito dopo l'interrogatorio dei due ufficiali dell'Arma.

20:26Ex calciatore scomparso: trovato ucciso dopo un mese

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - E' stato trovato ucciso Andrea La Rosa, l'ex calciatore di serie C, poi direttore sportivo del Brugherio calcio, scomparso il 14 novembre scorso. I carabinieri avevano aperto un'inchiesta che ipotizzava l'omicidio dopo la denuncia di scomparsa da parte della famiglia.

Archivio Ultima ora