La giornata politica: E’ ora di archiviare le politiche di austerity?

Pubblicato il 01 aprile 2014 da redazione

ROMA.- David Cameron, insieme a Barack Obama, è sembrato il più convinto sostenitore della missione riformatrice europea di Matteo Renzi. Angela Merkel, al suo confronto, è stata altrettanto cortese ma anche più tiepida. Il fatto è che le ”ambizioni” italiane preoccupano assai più Berlino di Londra. Anzi, a questo punto si potrebbe parlare di un nascente asse antitedesco Italia-Gran Bretagna, con sullo sfondo Stati Uniti e Francia in posizione di supporto. Obiettivo dichiarato dallo stesso Cameron: fare del semestre di presidenza italiana della Ue (”estremamente importante”, ha sottolineato) il trampolino di lancio per l’archiviazione delle politiche di austerity. Non a caso il capo del governo britannico ha tenuto a precisare come i ”due riformismi”, quello di ”Matteo” e quello di ”David”, siano affini nei traguardi pur partendo da basi politiche molto diverse. Come ha detto il Rottamatore, i due Paesi vogliono un’ Europa diversa, non più Europa, con esplicita allusione al ”luogo della burocrazia assoluta” (Bruxelles) che finora ha soffocato i timidi segnali di ripresa. In tal senso, è significativo che sia stato deciso di tenere il G7 dell’energia nel nostro Paese: all’Italia viene assegnato un ruolo strategico nella ricerca dell’autonomia dal gas di Mosca, ma anche nella ricerca di una soluzione diplomatica della crisi ucraina, visti i buoni rapporti con Putin. E soprattutto è significativo quanto è stato detto sulla politica del lavoro e sulla necessità di aprire il capitolo della flessibilità. Quando Renzi definisce ”sconvolgente” il dato della disoccupazione italiana, in realtà dichiara il totale fallimento delle politiche del lavoro dei governi Monti e Letta e della elite finanziaria che governa i destini dell’Unione. Questo è il motivo per cui il presidente del Consiglio fa sapere che l’impostazione del decreto lavoro non si tocca. Si capisce che anche il Jobs Act (che si ispira per l’appunto alla filosofia anglosassone) si muoverà sulla stessa linea. E’ tutto il pacchetto delle riforme, lascia intendere il Rottamatore, che deve essere difeso nella sua impostazione di fondo pur essendo naturalmente aperto ai contributi migliorativi del Parlamento. Il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi ha espresso analogo concetto in sede di discussione della riforma del Senato; da Londra Renzi è tornato a ripetere che non si accontenterà di ”mezze riforme” come quella che vorrebbe Pietro Grasso (nuovamente criticato per il suo sostanziale conservatorismo). Gli oppositori replicano che si tratta di materie tanto complesse (quelle istituzionali soprattutto) da non poter essere affrontate in modo sbrigativo, ma il premier-segretario ha gioco facile dell’osservare come in questo modo in Italia in trent’anni non si sia concluso un bel nulla. A Renzi e al suo passo da bulldozer i partner europei riconoscono una buona dose di coraggio: non si era mai vista in Italia una tale concentrazione di provvedimenti riformisti da realizzare in così poco tempo. Ma certo la Merkel appare molto più cauta di Cameron e di Obama, in attesa del cruciale Consiglio europeo di fine giugno al quale si dovrà pur vedere con quali risultati elettorali si presenteranno i vari premier. Renzi sa bene di giocarsi alle europee una buona fetta del vantaggio acquisito in poche settimane di governo. Per questo motivo non vuole ricontrattare il patto con Silvio Berlusconi: sottrarsi ad un nuovo incontro a due è un modo per dire che il Pd regge e spetta a Forza Italia (che fibrilla almeno quanto i democratici) dimostrare di saper gestire l’accordo. Del resto Angelino Alfano difficilmente potrebbe sopportare nuovi summit alla vigilia del primo vero test elettorale per i transfughi berlusconiani. Il Nuovo centrodestra sta studiando la possibilità di un accordo elettorale con l’Udc e i popolari di Mario Mauro nell’ottica del Ppe italiano e non consentirebbero che al Cavaliere sia riconosciuto quasi un potere di controllo sulle riforme. Allo stesso modo, alla vigilia della sentenza della magistratura sul suo destino personale, il leader di Forza Italia ha bisogno di rilanciarsi e di lasciare in eredità ai suoi un saldo retroterra di intese con il Pd di Renzi. E’ questo lo spazio insidioso in cui tentano di incunearsi gli avversari del segretario democratico. L’opposizione interna gli chiede di rivedere sostanzialmente decreto lavoro e riforma del Senato, cioè le sue intangibili barriere. L’opposizione esterna (Vendola e Grillo) lo accusa di velleità autoritarie. Ma sul Senato la Lega fa sapere che potrebbe votare a favore: è un’incrinatura imprevista del fronte antirenziano. (di Pierfrancesco Frerè/Ansa)

Ultima ora

17:43Traffico rifiuti: ‘I bambini? Che muoiano’

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - "Ci mancavano anche i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano". Così uno degli indagati nell'inchiesta della Dda di Firenze per traffico illecito di rifiuti, che oggi ha portato all'arresto di sei persone, parlando dei rischi di stoccare abusivamente rifiuti pericolosi in una discarica situata vicino a una scuola. "Non mi importa nulla dei bambini che si sentono male - prosegue l'uomo senza sapere di essere intercettato -, io li scaricherei in mezzo alla strada i rifiuti".

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

17:11Calcio: Schick ci crede, la Roma è da scudetto

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono venuto qui perché credo nella strada che ha intrapreso la Roma. Siamo sempre in una posizione di classifica che ci permette di pensare allo scudetto. Possiamo vincerlo già quest'anno". Nonostante i due pareggi consecutivi in trasferta con Genoa e Chievo, Patrik Schick è convinto che la i giallorossi possano puntare al titolo. Il giocatore ceco, intervistato da Sky Sport24, spera di poter dare il proprio contributo: "Sono un attaccate e penso fare gol, quando gioco voglio segnare, questo è il mio obiettivo - sottolinea -. Essere il giocatore più pagato nella storia della Roma non mi pesa, anzi è al 100% una grande motivazione per me, farò tutto il possibile per non deludere nessuno". Schick rivela poi di aver legato in particolar modo con Dzeko nello spogliatoio di Trigoria: "Edin parla molto bene la mia lingua. E penso che anche il feeling in campo vada bene. Potenzialmente forse possiamo formare la coppia di attaccanti più forte della Serie A, ma poi dobbiamo confermarlo sul campo".

17:07Droga: Gdf scopre 26 chili di cocaina a Vipiteno

(ANSA) - BOLZANO, 14 DIC - La Guardia di finanza ha bloccato alla barriera dell'autostrada del Brennero a Vipiteno un cittadino italiano di 43 anni, che stava portando in Italia 26 chili di cocaina. La Citroen Ds5, con targa tedesca, condotta dall'uomo, accompagnato da familiari, non si era fermata all'alt e i finanzieri l'hanno inseguita fino a raggiungerla nei pressi dell'area di servizio Trens Ovest. Il conducente mostrava evidenti segni di nervosismo, che facevano ritenere opportuni alcuni approfondimenti, anche con l'ausilio del cane Escort dell'unità cinofila antidroga della Guardia di Finanza di Bolzano. Infine, in un'officina meccanica, nascosti all'interno dei longheroni dell'autovettura, sono stati trovati 22 panetti per complessivamente 26 chili di cocaina, che sul mercato avrebbero potuto fruttare oltre un milione di euro. Il cittadino italiano è stato tratto in arresto.

Archivio Ultima ora