Gobierno rechaza declaraciones de la UE sobre Venezuela

Pubblicato il 02 aprile 2014 da redazione

CARACAS. – El gobierno venezolano rechazó hoy las recientes declaraciones de la portavoz de la alta representante para Asuntos Exteriores de la Unión Europea sobre la situación política del país, al considerarlas “injerencistas y sin fundamento”.

En una declaración difundida por la Cancillería, el gobierno afirma que ha mantenido las puertas abiertas al diálogo para acabar con las protestas que comenzaron el 12 de febrero y han dejado casi 40 muertos y decenas de heridos.

El gobierno expresó su rechazo categórico a las declaraciones emitidas el pasado 28 de marzo por Maja Kocijancic, portavoz de Catherine Ashton, alta representante para Asuntos Exteriores y Política de Seguridad de la Unión Europea, por considerarlas “injerencistas, injustificadas y sin fundamento, por cuanto no se corresponden con la realidad”.

Ashton lamentó el número de víctimas mortales en las protestas y dijo que le preocupaba la detención de estudiantes y figuras políticas, así como la reciente destitución y la rápida condena de alcaldes electos, así como la anunciada destitución de la diputada María Corina Machado.

El gobierno respondió que Venezuela es un país “internacionalmente conocido y respetado como un territorio de paz, defensor a ultranza de los derechos humanos integrales de todos los ciudadanos”.

“La libertad de expresión, de asociación y de asamblea están garantizadas en la Constitución como derechos civiles inalienables y así respetados, observados y defendidos por el gobierno venezolano liderado por el presidente Nicolás Maduro”, expuso.

Afirmó que el vandalismo, la violencia, la instigación a delinquir, la xenofobia, así como el “asesinato de ciudadanos y funcionarios del orden público ejecutados por grupos violentos y armados de la oposición venezolana, es contrario a la vocación de paz y tolerancia de nuestro pueblo”.

Añadió que el gobierno venezolano “ha mantenido siempre las puertas abiertas al diálogo con las distintas fuerzas políticas” del país.

“Es así como el gobierno venezolano exige a la Unión Europea respeto hacia nuestra nación y sus instituciones, a la vez que denuncia ante los pueblos del mundo las infamias que ha sufrido Venezuela por parte de algunas autoridades de la Unión Europea quienes, desde mediados de febrero de 2014, han emitido una serie de declaraciones, resoluciones y cuestionamientos con el más insolente tratamiento a la institucionalidad democrática de Venezuela”, dijo.

Asimismo, reiteró la voluntad del Estado venezolano de promover un clima de paz, estabilidad y convivencia entre todo el pueblo venezolano e hizo un llamado a los países de la Unión Europea a “observar con mayor objetividad las agresiones que sufre una nación democrática”, las decisiones de la justicia y el esfuerzo de Maduro por promover un diálogo nacional y el acompañamiento que al respecto tiene de la Unión de Naciones Sudamericanas (Unasur).

El gobierno reiteró su deseo de mantener y profundizar sus relaciones con la Unión Europea y sus Estados miembros, tanto a nivel bilateral como birregional por medio de la Celac y el Mercosur, pero con “pleno respeto a la soberanía y el total apego al principio fundamental de no injerencia en los asuntos internos de los Estados”.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora