Infuria polemica su ultrà, Alfano “lo Stato non tratta”

Pubblicato il 04 maggio 2014 da redazione

ROMA. – L’uomo a cavalcioni sulla grata dell’Olimpico, e quei 40 minuti di conciliabolo con autorità e calciatori diventano un caso. Politico e non solo. Le istituzioni si difendono e negano che lo stato abbia “trattato” con gli ultrà, ma il giorno dopo la finale di Coppa Italia, sporcata dalla follia del calcio violento arrivato a impugnare addirittura una pistola, infuria la polemica. Sotto accusa proprio quel lungo scambio con Genny ‘a carogna, capo popolo della tifoseria del Napoli, diventato l’interlocutore di Marek Hamisk e dei responsabili dell’ordine pubblico prima dell’annuncio che la partita si sarebbe giocata. Una “vergogna” per il mondo intero. Il ministro Angelino Alfano annuncia un giro di vite “fortissimo”, studia contromisure come il “daspo a vita”, ma soprattutto ci tiene a prendere le distanze da certe ricostruzioni sulla serata drammatica dell’Olimpico: “Non c’è stata alcuna trattativa tra Stato e ultrà. Non sta né in cielo né in terra” chiarisce il responsabile del Viminale. Anche il Questore di Roma, Massimo Mazza, si era già difeso dicendo che “non abbiamo mai pensato di non far giocare la partita” e quella chiacchierata tra il capitano del Napoli e l’ultrà era solo per informare i tifosi delle condizioni di salute del tifoso ferito. Ciro Esposito, da Scampia, 30 anni che, finito a terra sotto i colpi esplosi da Daniele De Santis, ultrà giallorosso legato alla destra ora accusato di tentato omicidio, resta in ospedale in condizioni critiche. Rischia di perdere l’uso delle gambe. Una pagina triste, l’ennesima, del pallone made in Italy. Che ha scosso Marisa Raciti, vedova dell’ispettore di Polizia rimasto ucciso negli scontri del derby di Catania del 2007: Genny ‘a carogna indossava una t-shirt con la scritta inneggiante alla libertà di Antonino Speziale, ultrà catanese condannato a 8 anni proprio per l’omicidio di Raciti. “E’ una vergogna”: lo stadio “in mano a dei violenti” e lo “Stato che non reagisce, impotente e quindi ha perso” il duro attacco. Poi riceve la solidarietà delle massime istituzioni: la chiama il premier Matteo Renzi, spettatore all’Olimpico della notte-choc. E anche il presidente del Senato Pietro Grasso, e il capo della Polizia Alessandro Pansa. “Mi sento meno sola” dice la vedova Raciti. Da Beppe grillo arriva però l’affondo: “La Repubblica è morta – scrive nel blog – i suoi cittadini non hanno più rappresentanza, la pentola a pressione sta per saltare. All’Olimpico veniva da piangere, come a un funerale”. Il Pd parla di “sconfitta di tutti” che “pesa sulla politica”. Fratelli d’Italia chiede che si riferisca in Parlamento. Il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, definisce “surreale” quella trattativa con il capo tifoso dal “pedigree non certo rassicurante”. Polemizzano i sindacati di polizia, sdegnati gli agenti. Il calcio però non ci sta a finire nel mucchio dei cattivi: “E’ vittima di situazioni che vanno oltre: gli ultrà utilizzano gli stadi per manifestazioni di potere” l’ira del presidente della Figc, Giancarlo Abete, che parla di ruolo “inaccettabile dei tifosi in alcuni stadi. E ora vuole invertire la tendenza “senza se e senza ma”. Dando ai club il potere di vietare a vita lo stadio a certi tifosi. Parole che non convincono lo scrittore Roberto Saviano: “Genny la Carogna è la comoda scorciatoia, ma sono altri i responsabili dei disastri degli ultrà. Uno tra tutti Giancarlo Abete” il j’accuse. “Roma non c’entra niente, la città va rispettata” le parole di Francesco Totti in difesa della Capitale con l’augurio che certi show al contrario non si ripetano. La follia, il sangue. Il tifoso ferito intanto è stato operato: l’intervento è andato benissimo, il conforto dei medici ai genitori che hanno “perdonato” chi ha sparato. Ma la serata sciagurata dell’Olimpico non può stavolta non lasciare il segno: un ragazzo lotta in ospedale, e doveva solo andare a una partita di pallone. Un altro di quello stadio è stato padrone. (Alessandra Rotili/ANSA)

Ultima ora

11:44Usa: ancora tanti voli cancellati a Atlanta dopo blackout

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I voli all'aeroporto di Atlanta dovrebbero riprendere stamane alle 6 locali (le 12 in Italia), dopo il blackout di ieri che ha lasciato a terra migliaia di persone. Lo riferisce la Bbc. Ma anche oggi sono previste centinaia di cancellazioni. Georgia Power, la società che fornisce l'elettricità allo scalo americano, ha spiegato che il black out sarebbe stato provocato da un incendio in un impianto sotterraneo, forse per un corto circuito. L'interruzione della corrente, durata molte ore, ha provocato la cancellazione di oltre mille voli, e centinaia di cancellazioni sono previste ancora oggi. Quello di Atlanta è uno degli scali più trafficati del mondo, con 2500 voli e una media di 275 mila passeggeri al giorno.

11:40Calcio: Oddo, Milan si mostri club forte e protegga Gattuso

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - OIl - Il Milan protegga Gattuso. Così Massimo Oddo, allenatore dell'Udinese, ai microfoni di 'Radio anch'io sport', tende una mano al suo collega del Milan ed ex compagno nella Nazionale che vinse il Mondiale 2006 a Berlino. Rispondendo a una domanda sulla situazione del Milan, il tecnico dell'Udinese ha detto: "non mi permetto di giudicare altri, peraltro Gattuso è un mio amico, poi non conosco le cose. Quando si cambia allenatore ci sono problematiche che non sono mai le stesse -ha aggiunto Oddo, subentrato a Delneri sulla panchina dell'Udinese - Bisogna solo essere realisti mettersi a testa bassa e lavorare. Io sono stato fortunato a trovare un gruppo che ha reagito subito e fare dei risultati, sono stato aiutato da questi. Gattuso ha cominciato un lavoro. Il Milan dimostri di essere una società forte e lo protegga".

11:08Calcio: Pecchia, scudetto ? Napoli ha più consapevolezza

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il Napoli di quest'anno "ha più consapevolezza e maturità di quello degli anni scorsi". Così Fabio Pecchia, allenatore del Verona, ma anche ex giocatore del Napoli negli anni '90 vede la formazione di Sarri tornata in vetta ala classifica. Ai microfoni di 'Radio anch'io sport', Pecchia sottolinea "non so se può bastare per vincere lo scudetto, ma di sicuro è un altro campionato, il Napoli può giocarsela fino alla fine". (ANSA).

10:59Calcio: Pecchia “bravo Verona, non ho visto Milan a pezzi”

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Il Verona ieri ha fatto una grande prestazione e nel momento in cui il Milan spingeva abbiamo attaccato e colpito. Il Milan è entrato al Bentegodi con il piglio delle grandi, mi è sembrato in grande salute fisica, ci ha messo alle corde, poi noi nelle occasioni in cui potevano far male l'abbiamo fatto". Così Fabio Pecchia, tecnico del Verona ai microfoni di 'Radio anch'io sport', rispondendo a una domanda dice di non aver visto un Milan "a pezzi, ma in crescita rispetto alla partita di mercoledì". Pecchia poi invita i suoi a stare con i piedi per terra "la gara di ieri è stata bella, da tenersi stretta e mettere nel cassetto, ma ora il campionato ci impone di mantenere il ritmo". Il tecnico del Verona crede nella salvezza: "sono molto ottimista, nonostante le difficoltà dell'inizio. Abbiamo subito sconfitte molto pesanti, l'ambiente non ci ha aiutato. ieri abbiamo raccolto soffrendo moltissimo, ma la squadra deve crescere, il Verona ha un grande margine di miglioramento". (ANSA).

10:47Auto: Ronde di Sperlonga, vince ancora Di Benedetto

(ANSA) - SPERLONGA (LATINA), 18 DIC - Vittoria di forza, alla 9/a edizione della 'Ronde di Sperlonga', da parte del siciliano di Agrigento Alfonso Di Benedetto, in coppia con il ligure Fulvio Florean, su una Citroen DS3 WRC. Ha concesso il bis dopo l'alloro conquistato nel 2015, Di Benedetto, che lo scorso anno aveva chiuso al secondo posto, correndo una gara tutta all'attacco, portandosi al comando dal primo dei quattro passaggi sulla prova "La Magliana" (10 km.), senza più scendere dal vertice della classifica. Di Benedetto: una volta andato al comando ha cercato l'allungo e allo stesso tempo è riuscito a controllare gli attacchi che arrivavano da diversi rivali. Alla fine, sotto la bandiera a scacchi posta come consuetudine in Piazza Fontana a Sperlonga, dopo aver vinto tre passaggi e lasciandone uno a Minchella (Ford Fiesta WRC, il vincitore del 2016), ha preceduto il napoletano Fabio Gianfico, a bordo di una Skoda Fabia R5.

10:40Afghanistan: attacco a Kabul a edificio servizi intelligence

(ANSA) - KABUL, 18 DIC - Un commando armato ha attaccato oggi un edificio nel centro di Kabul in cui a quanto sembra si trova un centro di addestramento della Direzione nazionale della sicurezza (Nds, servizi di intelligence). Il vice portavoce del ministero dell'Interno, Nasrat Rahimi, ha indicato che i militanti sono entrati in un palazzo in costruzione ed hanno cominciato a sparare contro l'edificio della Nds. Testimoni oculari hanno riferito ai media che tutto è cominciato con una esplosione, probabilmente opera di un kamikaze, seguita da una sparatoria. Reparti speciali della sicurezza sono giunti sul posto mentre per il momento non si hanno notizie di vittime.

10:38Honduras: Hernandez confermato presidente, ancora proteste

(ANSA) - TEGUCIGALPA (HONDURAS) 18 DIC - Il presidente uscente Juan Orlando Hernandez è stato dichiarato vincitore nelle contestate elezioni in Honduras. Hernandez ha vinto con quasi il 43% delle preferenze rispetto al 41,42 dello sfidante Salvador Nasralla, che tuttavia aveva già annunciato di non riconoscere l'esito del voto, denunciando irregolarità. Anche l'Organizzazione degli Stati Americani ha proposto di rifare le elezioni, sottolineando che era impossibile determinare il risultato con certezza a causa di diverse irregolarità tra cui "deliberate intrusioni nel sistema informatico" utilizzato per il conteggio dei voti. In tutto il paese ci sono state proteste durante la notte e il partito di Nasralla ha chiamato alla mobilitazione anche oggi. Finora almeno 17 persone sarebbero morte negli scontri dal 26 novembre, giorno delle elezioni.

Archivio Ultima ora