Mosca accusa colpo sanzioni. Ma rischio boomerang

Pubblicato il 07 maggio 2014 da redazione

NEW YORK. – Le sanzioni contro la Russia stanno colpendo duramente la sua economia e la sua moneta: parola del Tesoro americano, che parla anche di una fuga di capitali verso l’estero che preoccupa, e non poco, il Cremlino. Ma le stesse sanzioni – denuncia il Wall Street Journal – rischiano di trasformarsi in un boomerang per l’occidente, soprattutto per l’Europa, con tante aziende che cominciano a fare i conti con forti perdite: dalle banche, al settore della birra, a quello del tabacco.

RUSSIA IN DIFFICOLTA’. I dati forniti al Congresso americano dal sottosegretario al Tesoro Daniel Glaser parlano chiaro: le misure fin qui decise dalla comunità internazionale per punire la politica del Cremlino nell’est dell’Ucraina stanno funzionando, con “un impatto diretto ed indiretto sulla già debole economia russa”, che ora rischia la recessione. Non a caso la Borsa di Mosca dall’inizio dell’anno ha perso il 13%, mentre il rublo circa l’8% del suo valore. E la banca centrale russa, per sostenere il rublo, avrebbe già speso il 10% delle sue riserve monetarie, vale a dire circa 50 miliardi di dollari. Inoltre i tassi di interesse sui bond russi a 10 anni sono schizzati verso l’alto, rendendo il debito pubblico russo più caro da rimborsare. Ci sono poi le stime di Fmi e Banca Mondiale, secondo cui tra i 100 e i 130 miliardi di dollari di capitale hanno già preso la fuga dalla Russia dall’inizio della crisi ucraina. E la banca Rossia, considerata la cassaforte dell’oligarchia russa, avrebbe già perso a causa delle sanzioni circa un miliardo di dollari in depositi, costretta a vendere 500 milioni di dollari in titoli per continuare a garantire la propria liquidità.

L’IMPATTO IN EUROPA. Il risvolto della medaglia riguarda i contraccolpi di tutto ciò soprattutto sull’economia europea, a causa delle tante aziende che fanno affari con Mosca. Il Wsj fa alcuni esempi. La banca francese Societè Generale – proprietaria di Rosbank – ha fatto registrare un calo del 13% degli utili proprio a causa delle sue attività in Russia, e nel primo trimestre dell’anno le entrate relative alle operazioni con Mosca sono crollate a 7 milioni di euro dai 61 milioni dell’anno precedente. Ma non è solo il settore bancario a soffrire. Il gruppo danese Carlsberg, numero quattro al mondo nel settore della birra, ha dovuto registrare nei primi tre mesi dell’anno una caduta del 14% delle entrate dall’est europeo, a causa del crollo delle vendite e della debolezza del rublo. Fattori che non risparmiano nemmeno il leader mondiale della birra, il gruppo americano Anheuser-Busch InBev (Budweiser, Stella Artois, Beck’s) che ha annunciato come il volume delle vendite in Russia sia calato del 10% nell’ultimo trimestre. Mentre la società olandese Heineken ha motivato il recente tracollo del 37% dei suoi utili anche con le deteriorate condizioni del mercato in Russia. Per finire il settore del fumo. Il gigante britannico Imperial Tobacco (con i marchi Davidoff, Gauloises e Montecristo) ha registrato in Russia un calo delle vendite del 7% negli ultimi sei mesi, e prevede un crollo del 10% a fine anno. Questo anche a causa politiche anti-fumo decise da Vladimir Putin. (Ugo Caltagirone/Ansa)

Ultima ora

18:32Incidenti lavoro, operaio morto a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Un operaio è deceduto in un incidente sul lavoro, avvenuto in salita Tarsia, nel centro cittadino di Napoli. L'uomo stava lavorando su un terrazzo di uno stabile in Salita Tarsia quando probabilmente ha perso l'equilibrio ed è caduto. La dinamica è in fase di ricostruzione da parte della Polizia di Stato. L'operaio stava ricoprendo il terrazzo con una guaina impermeabile; nella caduta, terminata su un'automobile in sosta, ha trascinato con sé anche la bombola del gas e il cannello bruciatore che stava utilizzando. Forse sul posto c'era anche un collega.

18:25Calcio: Giampaolo, pronti a battaglia in Coppa

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina di domani. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile. Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici "Domattina - aggiunge Giampaolo - farò la valutazione di chi è disponibile. A oggi non ho la minima idea di chi far giocare. La Fiorentina? E' una squadra forte che è cresciuta e arriva a questa sfida dopo i risultati positivi con Lazio e Napoli".

18:23Tetraplegico per tre mesi in autobus a scuola nel milanese

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - Tre mesi di tempo perché uno studente tetraplegico di 16 anni, milanese, ottenesse un trasporto adeguato alla scuola che frequenta fuori città, a Corsico. Nel frattempo è stato costretto ad andare sull'autobus accompagnato dalla madre o in auto col padre, perché "il Comune di Milano non ha fornito il mezzo adeguato poiché l'istituto era fuori dal capoluogo lombardo". La denuncia è di Angelo Ciocca, europarlamentare della Lega: "è un episodio davvero spiacevole, sono imbarazzato nel dire che sono dovuto intervenire su un'assenza del Comune chiedendo un intervento della Regione e non mi sembra giusto che un disabile non abbia il trattamento di cui ha diritto". "La Regione nel cuore dell'estate ha trasferito le competenze per i trasporti degli studenti superiori disabili ai Comuni, - ha replicato il Comune -. Purtroppo per la decina di studenti che vanno fuori città il contributo di Regione Lombardia è molto al di sotto del costo del servizio. Quindi il Comune ha avuto bisogno di reperire le risorse".

18:19Serena Grandi a giudizio per fallimento ristorante

(ANSA) - RIMINI, 12 DIC - Serena Grandi è stata rinviata a giudizio per il fallimento, dichiarato nel 2015, della società 'Donna serena srl' che ha gestito il ristorante la 'Locanda di Miranda', nel borgo San Giuliano di Rimini. L'attrice bolognese, 59 anni, all'anagrafe Serena Faggioli, difesa dall'avvocato Christian Guidi, sarà giudicata a partire dal prossimo 12 giugno davanti al Tribunale collegiale. Stando alle accuse, Serena Grandi, in qualità di legale rappresentante della società 'Donna serena' avrebbe distratto parte dei beni strumentali, impiegati presso il ristorante, e sottratto i libri contabili e altra documentazione obbligatoria per legge relativi alla gestione della 'Locanda di Miranda'. La procedura fallimentare della società è ancora in corso davanti al Tribunale fallimentare di Rimini.(ANSA).

18:13Il Rally del Salento ‘corre’ con la Pizzica

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il Rally del Salento e la Pizzica, perfetto connubio in un territorio davvero unico per le sue eccellenze. Parte da queste basi l'accordo tra Aci Lecce e la Fondazione la Notte Della Taranta presentato durante la serata dal titolo "La danza del volante" svoltasi presso la Sala Angioina del Castello di Copertino. Un'importante sinergia, quella tra il Rally del Salento gara di rilievo internazionale, e la Pizzica, danza popolare salentina famosa in tutto il mondo, che si presenta come un nuovo ed inedito canale di promozione del Salento. "Unire due manifestazioni che pur nella diversità delle loro esperienza sono la massima espressione del territorio nei loro rispettivi campi è stato un risultato particolarmente importante" ha affermato il Presidente dell'Aci Lecce Aurelio Filippi Filippi. Per il n.1 dell'Aci Sticchi Damiani "Il Rally del Salento ha contribuito a far si che il territorio salentino fosse conosciuto non solo per il mare ma per tutta una serie di attrattive''

18:12Calcio: Napoli, De Laurentiis allontana crisi

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Alla presentazione del film 'Super vacanze di Natale' di Paolo Ruffini, in sala dal 14 dicembre, Aurelio De Laurentiis non raccoglie la provocazione di chi gli chiede della presunta crisi del Napoli di cui è presidente. "Una cosa va detta - ha replicato - siamo l'unica società che ha i conti a posto. Certo, essere primi è importante, ma i primi, come si sa, si vedono solo alla fine".

18:10Calcio: Coppa Italia, Giampaolo “pronti a dare battaglia”

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - "Non ci sono partite semplici e gli avversari forti ti stimolano. Ce la giocheremo alla pari". Marco Giampaolo si affida a SampTv per presentare l'ottavo di Coppa Italia contro la Fiorentina domani al Franchi e sottolinea. "Alla Coppa ci teniamo anche se - ha spiegato - la formula così concepita è difficile, perché devi vincere fuori casa a Firenze per passare il turno. In ogni caso la rispettiamo come sempre e farò giocare la miglior formazione possibile". Probabilmente scenderà in campo una Sampdoria diversa rispetto a quella che ha giocato a Cagliari ma, più che di turn-over tecnico, si deve parlare di turn-over fisico. "Abbiamo recuperato bene rispetto alla partita di sabato, ma alcuni elementi non sono al meglio della condizione. Dovremo farei i conti con alcune assenze. In ogni caso chi scenderà in campo darà battaglia". A Genova sono rimasti Viviano, Quagliarella e Linetty, tutti per motivi fisici, mentre le ultime scelte Giampaolo le farà domattina.

Archivio Ultima ora