La giornata politica: Europee, astensionismo il vero pericolo

Pubblicato il 09 maggio 2014 da redazione

ROMA. – Giorgio Napolitano e Matteo Renzi concordano nel ritenere l’astensionismo il vero pericolo che grava sulle prossime elezioni europee. Una risposta sbagliata, per il capo dello Stato, che rischia tuttavia secondo il premier di toccare punte record. L’allarme è giustificato dai sondaggi che segnalano – a pochi giorni dal voto – l’incertezza e il malumore di quasi metà del corpo elettorale. Molti cittadini decideranno solo nell’ultima settimana: ed è in questa area grigia che si risolverà il testa a testa tra il Pd (fotografato al momento in buon vantaggio) e il Movimento 5 Stelle. Tuttavia un primo dato emerge con chiarezza: il panorama politico si avvia a decretare un bipolarismo diverso dal passato con Forza Italia in stallo attorno a quota 20 per cento e avviata al ruolo di terzo polo. Lo stesso Renzi fatica a far crescere la sua immagine di Blair italiano capace di tirare fuori il Paese dalle secche della seconda repubblica. Il Rottamatore soffre soprattutto il fuoco amico, la guerriglia della crescente dissidenza interna che lo inchioda all’ impressione del ”Pd contro Pd” (Brunetta). La polemica con il presidente del Senato Piero Grasso ne è la dimostrazione. Il premier-segretario ha accusato il Servizio bilancio di palazzo Madama di aver avanzato previsioni false sul decreto Irpef, come una qualsiasi agenzia di rating. Critica senza precedenti, il cui sottinteso è che la bocciatura suona quasi come una forma di ritorsione per l’intenzione di abolire il potere della Camera alta, trasformandola in Camera delle autonomie. Grasso naturalmente non poteva accettare questo schiaffo senza reagire. Infatti ha replicato difendendo a spada tratta serietà e indipendenza dei suoi funzionari. Ma lo scontro lascia aperti molti interrogativi: c’era davvero bisogno di questa lite in famiglia? E quali saranno le ricadute sulle intenzioni di voto? Con Grasso si è schierata tutta la sinistra (Fassina ha definito molto gravi le parole del Rottamatore), i renziani hanno risposto che il decreto del governo è già passato senza problemi al vaglio dei tecnici dei ministeri e del Quirinale. Una lotta nemmeno tanto sotterranea che non può che creare confusione nell’opinione pubblica. Come di consueto, Renzi ha cercato di superare l’ostacolo guardando più in alto. Come? Rispolverando la famosa ”terza via” che era già stata la bandiera di Blair. Secondo il premier per arginare l’ondata euroscettica è necessario approdare ad una ”Europa light” con meno regole e meno burocrazia. Una riforma dell’Unione, insomma, che potrebbe decollare – è l’implicito messaggio – con il semestre italiano di presidenza della Ue. In altre parole, il Rottamatore fa capire che l’ambizioso programma riformista della sinistra italiana non si può arrestare alle Alpi, ma deve scavalcarle lavorando in stretta sinergia con tutti i partiti che aderiscono al Pse. Tutto ciò deve naturalmente fare i conti con i suoi alleati centristi, che certo non vogliono morire socialisti, e con l’altro contraente del patto del Nazareno. Il Cavaliere dice di non sentirsi affatto ricattato dalla politica di Renzi, ma semmai di essere lui ad avere in mano il timone dal momento che i voti di Forza Italia sono indispensabili per le riforme. Ma non è proprio così. In realtà, tutti hanno interesse ad arginare l’ondata populista che sta sommergendo l’Europa e cercare soluzioni concordate nel futuro Parlamento di Strasburgo: simul stabunt, simul cadent. La stampa internazionale, intanto, vede una perdita di slancio da parte di Beppe Grillo il cui populismo tutto gridato non ha finora prodotto nessun risultato a livello parlamentare (Financial Times). Sebbene corteggiato in Europa dalla destra euroscettica inglese di Nigel Farange e dalla sinistra ecologista di José Bové, l’ex comico non è ritenuto in grado di esportare un modello politico sostanzialmente isolazionista in epoca di globalizzazione. Ben altro peso potrebbero avere i voti di Fi nella corsa alla guida della commissione Ue dei due candidati di Ppe e Pse: Berlusconi, nel primo giorno di affido ai servizi sociali, ha tenuto un profilo basso e tuonato contro l’avventurismo degli anti-euro. Con un partito ridimensionato, ma comunque dislocato tra il 15 e il 20 per cento, sarà sempre determinante nel centrodestra italiano e strategico per il peso del popolarismo europeo. (di Pierfrancesco Frerè/Ansa)

Ultima ora

13:54Germania: Seehofer rieletto a guida Csu con 83,7% voti

(ANSA) - BERLINO, 16 DIC - Horst Seehofer è stato rieletto alla presidenza della Csu bavarese con l'83,7% dei voti. Il risultato di questa elezione, al congresso in corso a Norimberga, è una dimostrazione di tenuta per il leader, dopo la forte perdita subita alle urne del 24 settembre. Due anni fa Seehofer aveva ottenuto l'87,2%.

13:54Un morto e un ferito in incidente lavoro su chiatta in mare

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - Una persona è morta e un'altra è rimasta ferita in un incidente sul lavoro a bordo di una chiatta in mare a Lavagna. Sul posto si sono recate le imbarcazioni di soccorso della capitaneria di porto e dei vigili del fuoco mentre a terra, nel porto turistico di Lavagna, sono arrivate le ambulanze del 118 che hanno poi trasportato il ferito all' Ospedale San Martino a Genova. Non è ancora chiara la dinamica dell' incidente che potrebbe essere stato provocato dalla rottura di un cavo di una gru.

13:46Calcio: legale Palermo, oggi prima volta che parliamo a pm

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - "Oggi, per la prima volta, abbiamo potuto interloquire con la Procura presentando le nostre ragioni. Siamo molto ottimisti, aspettiamo fiduciosi la decisione del Tribunale". Lo ha detto l'avvocato del Palermo, Francesco Pantaleone, al termine dell'udienza sull'istanza di fallimento della società presentata dalla Procura. "Abbiamo ripercorso quanto scritto nelle memorie - ha spiegato - il fatto di avere avuto un confronto con la Procura è molto importante". Il presidente del Palermo, Giovanni Giammarva, si dice fiducioso: "Speriamo di avere belle notizie a breve. Abbiamo illustrato le nostre ragioni al Tribunale, siamo sicuri dei nostri bilanci. Sono sereno e l'evolversi della situazione ci rende ancora più ottimisti. L'analisi dei documenti ci rende davvero tranquilli".

13:43Nuoto: Europei,Rivolta e Codia tentano il bis in 50 farfalla

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Nelle gare della mattinata ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen, hanno confermato il loro grande stato di forma Matteo Rivolta e Piero Codia, qualificandosi agevolmente per le semifinali dei 50 farfalla. Con un occhio alla finale per una possibile doppietta bis, dopo quella dei 100 farfalla dei giorni scorsi. Nei 200 misti Ilaria Cusinato ha vinto la sua batteria in 2'09"91 e guadagnato un posto in finale. In finale anche la 4X50 sl mista (in vasca per l'Italia Zazzeri, Vergani, Pellegrini, Ferraioli): il quartetto azzurro ha fatto il quinto tempo in 1'31"50 ed è passato. Altri responsi delle batterie di oggi: in semifinale Silvia Scalia e Elena di Liddo nei 50 dorso. La stessa Di Liddo e Ilaria Bianchi sono in semifinale anche nella gara dei 100 farfalla.

13:41Igor: ora è caccia alla ‘rete’, decina nomi nel mirino

(ANSA) - BOLOGNA, 16 DIC - Sono una decina i nomi nel mirino degli inquirenti italiani che indagano sull'ipotetica rete di appoggi di 'Igor', il criminale serbo Norbert Feher arrestato in Spagna, dopo una sparatoria con tre morti nella provincia Teruel, in Aragona. La Guardia Civil si è imbattuta in lui casualmente mentre indagava su alcune rapine nella zona. La Procura di Bologna ha chiesto il verbale dell'udienza che si terrà domani in Spagna, dove Norbert Feher comparirà in seguito all'arresto per il triplice omicidio commesso nella zona di Teruel, dove il 14 dicembre sono morti due uomini della Guardia Civil e un allevatore. Il procuratore Giuseppe Amato e il pm Marco Forte si sono attivati attraverso Eurojust e stanno valutando le mosse da compiere nei confronti di 'Igor': anche in base a come si comporterà davanti al giudice spagnolo, decideranno quando sentire l'indagato. L'obiettivo è capire come e quando Feher è riuscito a lasciare l'Emilia per raggiungere la sperduta zona dell'Aragona. (ANSA).

13:36Nuoto: Europei, Dotto show, in semifinale con miglior tempo

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Un grandissimo Luca Dotto ha vinto la sua batteria e fatto il miglior tempo (46"81) nei 100 sl ai campionati europei in vasca corta in corso a Copenhagen. Il campione azzurro si è qualificato per la semifinale della gara regina, e con lui è passato anche Lorenzo Zazzeri (47"). Fuori dalle semifinali invece Marco Orsi, campione in carica, che pure ha vinto la sua batteria e ha fatto il sesto tempo in 47"13. Orsi è stato eliminato per le quote nazionali, e così pure Alessandro Miressi, che aveva segnato il decimo tempo in 47"35. Orsi si è rifatto comunque nei 100 misti, vincendo la sua batteria in 52"13 a un solo centesimo dal record italiano. Dietro di lui Simone Geni, in 52"74. Entrambi vanno in semifinale. In questa gara ha dato forfait all'ultimo momento il primatista del mondo Morozov.

12:58Calcio: Palermo, istanza fallimento, giudice si riserva

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - Il giudice del tribunale di Palermo, Giuseppe Sidoti, si è riservato di decidere sull'istanza di fallimento del Palermo calcio presentata dalla Procura, secondo la quale la società sarebbe insolvente. I pm avevano presentato anche una memoria nei giorni scorsi per rispondere ai rilievi della difesa del Palermo.

Archivio Ultima ora