La Giornata Politica: Paura di Grillo

Pubblicato il 20 maggio 2014 da redazione

ROMA – La campagna elettorale ha assunto una piega imbarazzante per Matteo Renzi. Il premier non si sente – giustamente – di accettare il corpo a corpo con Beppe Grillo e Silvio Berlusconi, certo più avvezzi di lui al wrestling politico. Al leader 5 stelle che evoca per il Pd gli ultimi giorni di Pompei, e al Cavaliere che attacca le pulsioni dittatoriali dell’ex comico, il Rottamatore preferisce contrapporre le mosse di governo compiute (in primis gli 80 euro in busta paga) e l’intenzione di cambiare le regole in Europa.

Tuttavia Renzi appare un po’ sulla difensiva. Per il momento infatti Grillo ha vinto la battaglia degli share a Porta a porta e sarà difficile uguagliarne la performance. Secondo alcuni osservatori, il capo del M5S è riuscito a conquistarsi uno spazio nell’area dei tradizionali ascoltatori moderati della trasmissione di Bruno Vespa: se davvero fosse così, si tratterebbe di voti sottratti proprio a quell’elettorato (spesso ex berlusconiano) corteggiato in questi mesi dall’ex sindaco di Firenze. Ma soprattutto il premier sembra accusare un appoggio poco convinto del vecchio establishment democratico: gli sms partiti all’indirizzo di tutti i deputati del Pd appena approvato il decreto lavoro perché ci sia un impegno corale a sostegno delle liste è il segnale che serve un’accelerazione decisa.

La stessa decisione di marcare ad uomo Grillo nelle piazze del sud Italia, dove i 5 stelle secondo i sondaggi sono più forti, dà la sensazione di una rincorsa affannosa. Sebbene infatti Renzi ripeta che le europee non hanno un valore nazionale e che il governo non cambierà certo dopo il 25 maggio, l’impressione è che i sondaggi abbiano messo in allarme l’inner circle renziano. Dopo aver sbandierato l’intenzione di ridiventare il primo partito italiano, il segretario-premier si è bruciato i ponti alle spalle: un risultato che non distanzi nettamente Grillo di almeno 4-5 punti sarebbe considerato una sconfitta. Figurarsi un pareggio o un sorpasso.

Renzi tradisce queste difficoltà quando sprona i suoi ad ”armarsi di curiosità intellettuale”, andando a caccia di voti fuori del tradizionale perimetro del centrosinistra: una polemica con la sinistra interna che ha bloccato per settimane il partito sull’opportunità di accettare voti provenienti dalla destra e che Grillo ha scavalcato in un colpo solo rastrellando voti a 360 gradi, senza tanto sottilizzare (secondo i sondaggi l’elettorato del M5S è estremamente variegato). Adesso quelle esitazioni rischiano di essere pagate care e di aprire una falla nel vascello democratico. Ecco perché il Rottamatore cerca di spostare la mira sul ”derby d’Europa” tra cambiamento e terrore, sulle riforme strutturali (ormai mature, come dice il capo dello Stato), sul fisco amico che a suo dire potrà viaggiare ben presto via mail ed sms.

E’ un programma concreto sul quale però grava l’ombra degli scarsi risultati sul piano della crescita (Brunetta dice che l’Ocse ha di fatto certificato la necessità di una manovra correttiva), dello spazio che Bruxelles lascerà davvero alla presidenza italiana della Ue in luglio, e soprattutto il futuro delle riforme. La ministra Boschi assicura che il governo non si fermerà anche se Forza Italia dovesse sfilarsi, però il vero problema è un altro: la nascita di un nuovo bipolarismo Pd-M5S svuota la ratio politica dell’Italicum (concepito sull’asse Pd-Fi). Ciò apre molti interrogativi sul futuro del centrodestra italiano: Berlusconi ammette che il 20 per cento sarebbe già un successo, visto quello che è accaduto, e che per le future politiche sarà necessaria l’unità con Alfano. Ma anche il leader del Ncd non è tranquillo: l’arresto del presidente del consiglio della regione Campania Paolo Romano rischia di compromettere l’ immagine del ”partito degli onesti”; il ministro dell’Interno non ha nascosto le sue perplessità sul timing della magistratura campana.

Forse non è in pericolo il quorum, ma certo l’alleanza con Udc e popolari potrebbe non dare i risultati sperati in termini di contrappesi al renzismo. Senza contare che un indebolimento dei transfughi berlusconiani non è neutro nemmeno per il Rottamatore il quale dovrebbe fare i conti con una maggioranza che non sarebbe più tale nel Paese. Mettendo così carburante nel serbatoio di Grillo, pronto dopo il voto – dice – a marciare sul Quirinale per chiedere le dimissioni di Napolitano e le elezioni anticipate. Con il proporzionale.

Pierfrancesco Frerè

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora