Europa senza Ue: Frontiere chiuse, addio a moneta unica e stop programma Erasmus

Pubblicato il 21 maggio 2014 da redazione

BRUXELLES  – I partiti euroscettici avanzano e a pochi giorni dalle elezioni europee, in alcuni Paesi sembrano destinati a un successo senza precedenti. I loro leader, in molti casi, non nascondono l’obiettivo primario: eliminare l’Unione europea. Ma se un giorno i loro desideri dovessero esaudirsi? Se una mattina – come succede nel film ‘Un giorno senza messicani’ – il vecchio continente dovesse essere avvolto da una fitta nebbia e, in qualche minuto, a scomparire fosse l’Unione europea e i suoi quasi 60 anni di storia? Cosa accadrebbe alle nostre vite?

Innanzitutto, se siete diretti in un altro Paese europeo, preparatevi a lunghe code alle frontiere, qualsiasi valico abbiate scelto: che sia il Brennero, Chiasso, Monginevro, Ventimiglia o Gorizia (che tra l’altro sarebbe ancora divisa in due). L’area Schengen è soltanto un sogno e sui controlli di carte d’identità e passaporti non si scherza. Se avevate pensato a un viaggio con una compagnia aerea low cost, potete anche scordarvelo. Senza mercato unico europeo una realtà come Ryanair non avrebbe mai visto la luce. Addio ai viaggi alla portata di tutti.

Appena arrivati all’estero ricordatevi di cambiare le tanto amate lire nella moneta locale. Sempre che la svalutazione non ci metta lo zampino come accadde nei primi anni ’90. Se non avete contanti potete provare a pagare con il bancomat, sempre che accetti la vostra carta e siate disposti a sopportare i costi dell’operazione. Paese che vai, circuito bancario che trovi. Tra l’altro vi siete ricordati di fare un’assicurazione medica prima di partire? Perché in caso di problemi potrebbe costarvi molto caro.

Non trovate lavoro nella vostra città e volete tentare fortuna all’estero? Prima di tutto chiedete un permesso di soggiorno alle autorità di quel Paese. Vorreste provare un’esperienza di studio lontano da casa, magari in un altro Paese europeo? In questo caso meritate un grosso in bocca al lupo. Erasmo da Rotterdam è soltanto un filosofo olandese del XVI secolo e a lui non è stato dedicato nessun programma di scambio tra studenti. Mettetevi in contatto con l’università straniera e ricordatevi che dovete pagare tutto voi, nessuna borsa di studio è in arrivo da Bruxelles.

Se siete riusciti nella vostra missione sappiate che per qualche mese dovrete rinunciare alle leccornie di casa. Parmigiano e mozzarella di bufala sono delle rarità: senza mercato unico e abolizione delle dogane la loro importazione è diventata molto complicata. Dovrete accontentarvi delle specialità locali. E se vorrete chiamare a casa, occhio a non farlo troppo spesso con il cellulare: una chiamata potrebbe costarvi anche 5 euro (o meglio, 10 mila lire) al minuto.

Se poi avete scelto una città come Strasburgo per studiare o lavorare potreste ritrovarvi in uno scenario d’altri tempi. Al posto del Ponte dell’Europa sul Reno potrebbero esserci gli eserciti di Francia e Germania, uno sulla riva Ovest, l’altro su quella Est. Storicamente non è mai successo che Parigi e Berlino non si siano fatte la guerra per più di sessant’anni.

Ultima ora

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

Archivio Ultima ora