La prima volta di Canola al Giro

Pubblicato il 23 maggio 2014 da redazione

RIVAROLO CANAVESE – In attesa di capire se quella di Rigoberto Uran é vera gloria anche in alta montagna (alla Aglie’-Oropa di oggi l’ardua sentenza sulla maglia rosa), il ciclismo azzurro riscopre la faccia pulita di Marco Canola autore della fuga vincente che spariglia i piani dei velocisti e nega a Bouhanni il poker in volata nella 13ª tappa.

Il varesino della italiana Bardiani, al Giro grazie a una wild card, parte in fuga con i due compagni che gli faranno compagnia fino alla fine: il venezuelano Jackson Rodriguez e il francese Tulik, piú altri due corridori (il colombiano Romero e il belga Dockx cui si aggiunge successivamente il russo Belkov).

Una fuga cominciata pochi chilometri dopo la partenza da Fossano, quella dei sei, che la grandine a 30 km dall’arrivo non ferma, e che il gruppo sottovaluta tentando il ricongiungimento quando ormai é troppo tardi per impedire al 25 enne vicentino di battere allo sprint i due compagni di fuga e di tagliare per primo il traguardo di Rivarolo Canavese con 11” sul gruppo regolato in volata da Bouhanni su Nizzolo e Viviani. Sa di favola a lieto fine la storia di questo ragazzo che da juniores era considerato una promessa prima che il passaggio al professionismo, e la morte del padre, ne segnassero il cammino.

“Da giovane – racconta – avevo conquistato sette successi e avevo fatto buone cose anche al primo anno da dilettante. Poi ho perso mio padre (cui ha dedicato la vittoria, ndr) e ho dovuto fare i conti con tanti ostacoli. Mi sono ritrovato grazie alla vicinanza delle persone giuste e in particolare di mio cugino Nerino Bordin (fratello dell’olimpionico Gelindo) che é stato come un fratello per me. Ho avuto anche fortuna, ma quante volte in passato mi hanno ripreso ai 200 metri…”.

La vita lo ha segnato cambiandone il modo di vedere le cose: “Prima ero piú cinico, ora sono più generoso con i compagni. Ho capito che contano i risultati, ma ancor di piú essere una brava persona”.

Il coraggio non gli fa difetto. Quando l’anno scorso al Giro emerse la positività di Danilo Di Luca, Canola non le mandò a dire, e oggi ci mette la faccia nel riaffermare il suo no al doping: “Io sono la prova che il ciclismo é veramente cambiato”. Testimonial di uno sport “dove si curano i dettagli, dalla dieta alla posizione in bici”.

E di un’idea da portare avanti “quella di un ciclismo pane e acqua”. Dopo la tappa di ieri in classifica non è cambiato niente, ma la frazione di oggi, con tre grandi salite e l’arrivo al santuario di Oropa, promette nuovi scossoni. Rigoberto Uran, che deve difendere 37” su Evans secondo, dovrà difendersi dagli attacchi degli scalatori: Quintana, Pozzovivo e Fabio Aru, al cui fianco ci sarà ancora Michele Scarponi. Da Agliè a Oropa, é il primo di una serie di arrivi in alta montagna che decideranno le sorti del Giro. Ed é anche l’ennesimo omaggio del Giro a Marco Pantani. Qui il Pirata mise a segno un’impresa memorabile nel 1999 quando, costretto a fermarsi a 10 km dall’arrivo per il salto della catena della bici, riuscì a rientrare sugli avversari e a vincere per distacco. Paragoni col passato che Uran preferisce evitare: “E’ una bella salita, ogni giorno é importante, ma mancano ancora tante tappe”. Forse il Giro non si vince oggi, ma qualcuno lo puo’ perdere.

Ultima ora

22:08Natale: acceso il presepe di Manarola, 200 figure di luce

(ANSA) - MANAROLA, 8 DIC - Compie 40 anni il presepe di Manarola che oggi si è acceso con le sue oltre 200 figure luminose sulla collina a picco sul mare più famosa delle Cinque Terre. La natività più grande del mondo ha attirato migliaia di persone per ammirare l'accensione e lo spettacolo pirotecnico. Ad accendere il presepe Mario Andreoli, 89 anni, ideatore della rappresentazione e che anche quest'anno ha partecipato personalmente sistemando gli angeli sopra la capanna. Alla cerimonia hanno preso parte anche la sindaco di Riomaggiore (Manarola è una frazione) Fabrizia Pecuani e il presidente del parco delle Cinque terre Vittorio Alessandro che hanno sottolineato come "il presepe di Mario racconti la storia del territorio e deve essere valorizzato anche in futuro". Presenti il presidente della Regione Giovanni Toti e gli assessori Ilaria Cavo e Giacomo Giamperdrone. Toti ha detto che "l'accensione del presepe è il primo avvenimento di Lamialiguria inverno. Sarà un Natale importante compatibilmente col momento difficile del paese con la crisi che non si risolve. Abbiamo stanziato risorse importanti per eventi che arrivano sino a gennaio", ha detto Toti. (ANSA).

22:07Cacciati da San Basilio, Raggi: nuova casa

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - Per la famiglia di origine marocchina cacciata due giorni fa dalla casa assegnatagli a San Basilio è in arrivo un nuovo alloggio. Ad annunciarlo è la sindaca di Roma, Virginia Raggi, che oggi ha incontrato in Campidoglio Mourad, Fatia e i loro bambini. "L'accoglienza e il senso di comunità sono valori condivisi da tutti i romani - le parole della prima cittadina -. Sarà assegnata loro una nuova casa". Buone notizie dunque, dopo il "vergognoso episodio" - come l'ha definito la stessa sindaca - di due giorni fa nei palazzi popolari del quartiere alla periferia orientale della Capitale. Una protesta che ha costretto la famiglia a lasciare l'abitazione che gli sarebbe spettata di diritto. Abitazione che - come ha rivelato oggi l'assessore alle Politiche Sociali, Laura Baldassarre - sarebbe stata di nuovo occupata.

22:02Football Leaks: Ronaldo “Preoccupato? Chi non deve,non teme”

(ANSA) - ROMA, 8 DIC - "Ti sembro preoccupato? Chi non deve non teme". Così Cristiano Ronaldo ha risposto a un cronista di Rtp che gli ha chiesto lumi sulla vicenda 'Football Leaks' che lo vedrebbe coinvolto. La battuta, riportata dal quotidiano Marca, è arrivata nella zona mista del Bernabeu, dopo il match di Champions contro il Borussia Dortmund. Cristiano Ronaldo ha detto di non essere preoccupato dal dossier che lo accuserebbe di avere evaso 150 milioni di tasse, rispondendo con un sorriso: "Me ves preocupado? Quien no debe, no teme". L'asso portoghese, stando al dossier, sarebbe accusato di avere 'deviato' verso le Isole Vergini Britanniche, un paradiso fiscale nei Caraibi, proventi per 150 milioni relativi ai suoi diritti di immagine e che sarebbe sotto inchiesta per gli anni 2011/13.

21:41Calcio: Crotone, canone 100 mila euro annui per fitto stadio

(ANSA) - CROTONE, 8 DIC - Centomila euro annui per i campionati 2016/17 e 2017/18. E' l'ammontare del canone di locazione che l'Fc Crotone dovrà pagare al Comune per l'utilizzo dello stadio Ezio Scida, secondo quanto stabilito nella convenzione siglata tra il Comune e la società rossoblù. In precedenza, la convenzione prevedeva un canone annuo di locazione di 30 mila euro. Nell'atto è previsto anche che, nel caso la Soprintendenza dovesse prorogare l'autorizzazione per l'installazione della tribuna centrale (che tra due anni è previsto debba essere smontata), la struttura attualmente noleggiata dall'Fc Crotone possa essere acquistata dal Comune.

21:35Calcio: curva Inter diserta San Siro per protesta

(ANSA) - MILANO, 8 DIC - La curva nord dell'Inter diserterà San Siro per la partita di stasera contro lo Sparta Praga. Una decisione in segno di protesta per il pessimo rendimento in Europa League da parte della squadra nerazzurra, già eliminata dalla competizione. Il secondo anello verde, cuore del tifo organizzato nerazzurro, resterà quindi vuoto. Pochi i tifosi attesi a San Siro, per una partita che non dovrà emettere verdetti. L'Inter è già eliminata e lo Sparta Praga è qualificato come primo del Girone K.

21:33Calcio: Sassuolo-Genk rinviata a domani

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 8 DIC - Sassuolo-Genk, partita di Europa League, è stata rinviata a domani per nebbia. Da definire l'orario di inizio, molto probabile le 12,30.

21:30Calcio: derby Juve-Torino anche al MotorShow di Bologna

(ANSA) - BOLOGNA, 8 DIC - Derby di Torino anche al MotorShow di Bologna. I giocatori della Juventus Miralem Pjanić e Paulo Dybala, hanno salutato i tifosi allo stand di Jeep, mentre i granata Saša Lukic e Samuel accompagnati dall'allenatore del Torino Siniša Mihajlovic, Gustafson e il DG Antonio Comi hanno fatto tappa da Suzuki. Tutti si sono concessi ad autografi e selfie con i tifosi. (ANSA).

Archivio Ultima ora