La prima volta di Canola al Giro

Pubblicato il 23 maggio 2014 da redazione

RIVAROLO CANAVESE – In attesa di capire se quella di Rigoberto Uran é vera gloria anche in alta montagna (alla Aglie’-Oropa di oggi l’ardua sentenza sulla maglia rosa), il ciclismo azzurro riscopre la faccia pulita di Marco Canola autore della fuga vincente che spariglia i piani dei velocisti e nega a Bouhanni il poker in volata nella 13ª tappa.

Il varesino della italiana Bardiani, al Giro grazie a una wild card, parte in fuga con i due compagni che gli faranno compagnia fino alla fine: il venezuelano Jackson Rodriguez e il francese Tulik, piú altri due corridori (il colombiano Romero e il belga Dockx cui si aggiunge successivamente il russo Belkov).

Una fuga cominciata pochi chilometri dopo la partenza da Fossano, quella dei sei, che la grandine a 30 km dall’arrivo non ferma, e che il gruppo sottovaluta tentando il ricongiungimento quando ormai é troppo tardi per impedire al 25 enne vicentino di battere allo sprint i due compagni di fuga e di tagliare per primo il traguardo di Rivarolo Canavese con 11” sul gruppo regolato in volata da Bouhanni su Nizzolo e Viviani. Sa di favola a lieto fine la storia di questo ragazzo che da juniores era considerato una promessa prima che il passaggio al professionismo, e la morte del padre, ne segnassero il cammino.

“Da giovane – racconta – avevo conquistato sette successi e avevo fatto buone cose anche al primo anno da dilettante. Poi ho perso mio padre (cui ha dedicato la vittoria, ndr) e ho dovuto fare i conti con tanti ostacoli. Mi sono ritrovato grazie alla vicinanza delle persone giuste e in particolare di mio cugino Nerino Bordin (fratello dell’olimpionico Gelindo) che é stato come un fratello per me. Ho avuto anche fortuna, ma quante volte in passato mi hanno ripreso ai 200 metri…”.

La vita lo ha segnato cambiandone il modo di vedere le cose: “Prima ero piú cinico, ora sono più generoso con i compagni. Ho capito che contano i risultati, ma ancor di piú essere una brava persona”.

Il coraggio non gli fa difetto. Quando l’anno scorso al Giro emerse la positività di Danilo Di Luca, Canola non le mandò a dire, e oggi ci mette la faccia nel riaffermare il suo no al doping: “Io sono la prova che il ciclismo é veramente cambiato”. Testimonial di uno sport “dove si curano i dettagli, dalla dieta alla posizione in bici”.

E di un’idea da portare avanti “quella di un ciclismo pane e acqua”. Dopo la tappa di ieri in classifica non è cambiato niente, ma la frazione di oggi, con tre grandi salite e l’arrivo al santuario di Oropa, promette nuovi scossoni. Rigoberto Uran, che deve difendere 37” su Evans secondo, dovrà difendersi dagli attacchi degli scalatori: Quintana, Pozzovivo e Fabio Aru, al cui fianco ci sarà ancora Michele Scarponi. Da Agliè a Oropa, é il primo di una serie di arrivi in alta montagna che decideranno le sorti del Giro. Ed é anche l’ennesimo omaggio del Giro a Marco Pantani. Qui il Pirata mise a segno un’impresa memorabile nel 1999 quando, costretto a fermarsi a 10 km dall’arrivo per il salto della catena della bici, riuscì a rientrare sugli avversari e a vincere per distacco. Paragoni col passato che Uran preferisce evitare: “E’ una bella salita, ogni giorno é importante, ma mancano ancora tante tappe”. Forse il Giro non si vince oggi, ma qualcuno lo puo’ perdere.

Ultima ora

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

04:41Londra: 6 feriti in attacchi con acido, no terrorismo

LONDRA - Sei persone sono state ferite ieri sera in diversi attacchi con acido in un centro commerciale a Stratford, nella zona orientale di Londra. La polizia ha arrestato un uomo, sospettato di lesioni personali gravi e ne sta cercando altri. Un portavoce ha dichiarato che la polizia esclude il movente terroristico e ha aggiunto che le persone ferite non sono in pericolo di vita.

04:36Trump, test dimostra accordo Iran non e’ un granche’

NEW YORK - "L'Iran ha appena testato un missile balistico capace di raggiungere Israele. E stanno anche lavorando con la Corea del Nord. Non e' un granche' di accordo quello che abbiamo": cosi' il presidente americano, Donald Trump, commenta il test su un nuovo missile balistico eseguito da Teheran.

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

Archivio Ultima ora