La prima volta di Canola al Giro

Pubblicato il 23 maggio 2014 da redazione

RIVAROLO CANAVESE – In attesa di capire se quella di Rigoberto Uran é vera gloria anche in alta montagna (alla Aglie’-Oropa di oggi l’ardua sentenza sulla maglia rosa), il ciclismo azzurro riscopre la faccia pulita di Marco Canola autore della fuga vincente che spariglia i piani dei velocisti e nega a Bouhanni il poker in volata nella 13ª tappa.

Il varesino della italiana Bardiani, al Giro grazie a una wild card, parte in fuga con i due compagni che gli faranno compagnia fino alla fine: il venezuelano Jackson Rodriguez e il francese Tulik, piú altri due corridori (il colombiano Romero e il belga Dockx cui si aggiunge successivamente il russo Belkov).

Una fuga cominciata pochi chilometri dopo la partenza da Fossano, quella dei sei, che la grandine a 30 km dall’arrivo non ferma, e che il gruppo sottovaluta tentando il ricongiungimento quando ormai é troppo tardi per impedire al 25 enne vicentino di battere allo sprint i due compagni di fuga e di tagliare per primo il traguardo di Rivarolo Canavese con 11” sul gruppo regolato in volata da Bouhanni su Nizzolo e Viviani. Sa di favola a lieto fine la storia di questo ragazzo che da juniores era considerato una promessa prima che il passaggio al professionismo, e la morte del padre, ne segnassero il cammino.

“Da giovane – racconta – avevo conquistato sette successi e avevo fatto buone cose anche al primo anno da dilettante. Poi ho perso mio padre (cui ha dedicato la vittoria, ndr) e ho dovuto fare i conti con tanti ostacoli. Mi sono ritrovato grazie alla vicinanza delle persone giuste e in particolare di mio cugino Nerino Bordin (fratello dell’olimpionico Gelindo) che é stato come un fratello per me. Ho avuto anche fortuna, ma quante volte in passato mi hanno ripreso ai 200 metri…”.

La vita lo ha segnato cambiandone il modo di vedere le cose: “Prima ero piú cinico, ora sono più generoso con i compagni. Ho capito che contano i risultati, ma ancor di piú essere una brava persona”.

Il coraggio non gli fa difetto. Quando l’anno scorso al Giro emerse la positività di Danilo Di Luca, Canola non le mandò a dire, e oggi ci mette la faccia nel riaffermare il suo no al doping: “Io sono la prova che il ciclismo é veramente cambiato”. Testimonial di uno sport “dove si curano i dettagli, dalla dieta alla posizione in bici”.

E di un’idea da portare avanti “quella di un ciclismo pane e acqua”. Dopo la tappa di ieri in classifica non è cambiato niente, ma la frazione di oggi, con tre grandi salite e l’arrivo al santuario di Oropa, promette nuovi scossoni. Rigoberto Uran, che deve difendere 37” su Evans secondo, dovrà difendersi dagli attacchi degli scalatori: Quintana, Pozzovivo e Fabio Aru, al cui fianco ci sarà ancora Michele Scarponi. Da Agliè a Oropa, é il primo di una serie di arrivi in alta montagna che decideranno le sorti del Giro. Ed é anche l’ennesimo omaggio del Giro a Marco Pantani. Qui il Pirata mise a segno un’impresa memorabile nel 1999 quando, costretto a fermarsi a 10 km dall’arrivo per il salto della catena della bici, riuscì a rientrare sugli avversari e a vincere per distacco. Paragoni col passato che Uran preferisce evitare: “E’ una bella salita, ogni giorno é importante, ma mancano ancora tante tappe”. Forse il Giro non si vince oggi, ma qualcuno lo puo’ perdere.

Ultima ora

22:06Calcio: Bonucci “Milan di nuovo al vertice, uniti si può”

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - "Riportare il Milan ai vertici italiani ed europei. Uniti si può". Leonardo Bonucci inizia l'avventura rossonera ispirandosi ai fasti del passato e alla difesa che ha fatto grande questa squadra. "Quando pensi al Milan, vieni subito attratto dalla sua storia, da quella dei campioni che hanno vestito la sua maglia - ha scritto il difensore su Instagram -. Penso a Baresi, Costacurta, Maldini, Nesta, Tassotti. Li ammiro per quello che hanno dato al calcio e a questo Club. Loro sono nella leggenda, io arrivo oggi, per iniziare a scrivere una nuova pagina della storia rossonera e della mia carriera". Nel post accompagnato dall'hashtag 'più affamato che mai', firmato come sempre con le iniziali e il numero 19 (che ora gli contende il compagno di squadra Kessie), Bonucci aggiunge: "Inizia una nuova sfida, una nuova avventura assieme a compagni che come me hanno tanta fame e voglia di vincere. Ringrazio la Società tutta".

21:56Incendi: folla ringrazia pompieri caserma Grosseto

(ANSA) - GROSSETO, 20 LUG - Centinaia di cittadini di Grosseto stasera ringraziano i vigili del fuoco nella caserma del locale comando provinciale per l'impegno profuso nello spegnimento dei numerosi incendi che hanno colpito la Maremma, roghi che hanno arrecato danni ingenti al territorio e alle cose (abitazioni e auto attaccate nella pineta di Marina di Grosseto). Vengono sventolate bandiere tricolori, sono esposti striscioni con scritte tipo 'Milioni di questi vigili, grazie di tutto', sono lanciate frasi di incitamento. Mogli e figli dei vigili del fuoco indossano magliette di colore bianco e rosso in cui si esprime l'orgoglio di essere familiari dei pompieri. I vigili sono schierati in divisa operativa e coi mezzi antincendio nel piazzale della caserma. L'iniziativa di riunirsi presso la caserma 'Carnicelli', per ringraziare i pompieri, è stata proposta su Facebook da alcuni privati cittadini e sta riscuotendo un grande seguito.

21:35Calcio: Donnarumma, strana sensazione allenarsi col fratello

(ANSA) - MILANO, 20 LUG - Oltre all'ingaggio da top player, gli allenamenti con il fratello Antonio sono la principale novità per Gigi Donnarumma, dopo il rinnovo di contratto con il Milan. "È una strana sensazione, non mi ero mai allenato con lui. Con Antonio e Marco Storari lavoriamo bene", ha sorriso il 18enne portiere rossonero, durante una chiacchierata con l'ex compagno di squadra e ora club manager Christian Abbiati, organizzata a Guangzhou, prima della partenza per Shenzhen, sede dell'ultima amichevole della tournée cinese, sabato contro il Bayern Monaco. "Ci sono tanti nuovi, e quelli vecchi li stanno facendo sentire a casa - ha spiegato Donnarumma -. La società sta facendo un grandissimo lavoro, quelli che sono arrivati sono tutti bravissimi giocatori si stanno adattando molto bene". Infine, ad Abbiati che gli domandava quale fosse il suo idolo, Donnarumma ha risposto: "È stato sempre Buffon, poi c'eri tu che facevi il portiere nella squadra per la quale tifavo. In Nazionale Gigi mi aiuta tanto, cerco di imitare Neuer".

21:29O.J. Simpson ottiene libertà condizionale

(ANSA) - NEW YORK, 20 LUG - O.J. Simpson ha ottenuto la liberta' condizionale. La decisione è stata annunciata al termine di 20 minuti di deliberazione. Simpson potrà lasciare il carcere l'1 ottobre.

21:18Tabaccaio morì in tentativo rapina, un indagato dopo 3 anni

(ANSA) - ASTI, 20 LUG - Svolta nelle indagini per l'omicidio di Manuel Bacco, il tabaccaio di 37 anni ucciso a colpi di pistola ad Asti, nel suo negozio di corso Alba nel 2014. A quasi tre anni dal delitto, un astigiano di 24 anni è finito nel registro degli indagati. La rendo noto l'avvocato Claudia Malabaila, che difende il giovane insieme al collega Roberto Caranzano. "Oggi c'è stato un interrogatorio in Procura durato quattro ore - conferma Malabaila - il mio cliente si è dichiarato innocente". Le indagini sull'omicidio proseguono nel più stretto riserbo di Procura e carabinieri. Il delitto la sera del 19 dicembre di tre anni fa. I malviventi puntavano all'incasso della giornata, ma la reazione del tabaccaio, intervenuto per difendere la moglie strattonata da uno dei banditi, ha fatto perdere loro il controllo. Colpita a bruciapelo al torace, la vittima era morta sul colpo.(ANSA).

21:15Governo: Speranza, le ultime scelte non ci convincono

(ANSA) - POTENZA, 20 LUG - "Le ultime scelte del Governo non ci convincono". Così Roberto Speranza (Mdp), a Potenza, ha risposto alle domande dei giornalisti sulle recenti vicende politiche. In particolare, Speranza ha fatto riferimento "alla scelta di rinviare lo Ius soli, non avendo il coraggio di andare avanti, e alla scelta di reinserire i voucher nella manovrina".

21:11Renzi, onore armi a Costa, per governo non cambia niente

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "Credo che il ministro Costa abbia dimostrato di avere delle idee, che io non condivido, ma alle quali tiene. Onore delle armi". Lo dice il segretario del Pd Matteo Renzi alla presentazione del suo libro a Roma. "Per il governo non cambia niente".

Archivio Ultima ora