Brunetta: “Monti confessa  ilcomplotto,che dice Colle?”

ROMA – “La proposta per istituire la Commissione d’inchiesta monocamerale sui fatti oscuri, ma con impronte chiarissime di congiurati, farà il suo ingresso in Aula il 16 giugno. Per noi è un atto dovuto alla verità. Materiale interessante ce n’è tanto. L’altro giorno se n’è aggiunto ad opera di Mario Monti dell’altro, e va nel senso dell’inganno e della slealtà perpetrata a danno degli italiani. I pubblici ministeri direbbero: dichiarazioni confessorie”. Lo dice il capigruppo Fi alla Camera Renato Brunetta. Nel suo comunicato Brunetta riporta e commenta le parole di Monti: “Trascriviamo dalle agenzie le parole del senatore a vita ad ‘Agorà’ di ieri. 1.’Normalmente una persona che si occupa di politica lo fa per entrare in una posizione di potere. A me non è capitato così. Napolitano mi ha chiamato per un’operazione di salvataggio che è stata fatta. Nel finire del 2012 ho chiesto a Bersani se era disposto a fare un Pd non preda di Fassina e della Cgil e mi disse di no. Allora sentii il dovere di fare Scelta Civica’. Questo sarebbe un tecnico? Uno che esprime un pensiero di competenza senza disegni politici di parte? Nel 2012 ha già in mente di fare corpo solo con il Pd di Bersani. Ma non è la stessa persona, questo tal Monti, che partecipava nello stesso periodo agli incontri del Partito popolare europeo? E aveva già preso contatti con Bersani… “.

Condividi: