Siria: trionfo annunciato Assad, ma solo in metà Paese

Pubblicato il 03 giugno 2014 da redazione

BEIRUT. – Il presidente Bashar al Assad si appresta a essere confermato per altri sette anni come capo dello Stato d’una Siria lacerata e insanguinata dalla guerra civile in forza del risultato, atteso per domani ma scontato, delle “prime elezioni pluralistiche” dell’ultimo mezzo secolo. Sebbene i Paesi occidentali e quelli arabi del Golfo descrivano le consultazioni come una “farsa”, la formale permanenza di Assad al potere è uno scenario che molti giudicavano inimmaginabile quando più di tre anni fa si erano verificate nel Paese le prime inedite e massicce proteste popolari, represse nel sangue e poi degenerate in un inarrestabile conflitto di dimensioni regionali e internazionali. La macchina del potere di Damasco ha oggi portato alle urne gran parte della popolazione che si trova nei territori controllati dalle forze lealiste, composte anche da hezbollah, combattenti iracheni e pasdaran iraniani: ovvero il 40 per cento del territorio, dove si concentrano i principali centri urbani e dove comunque s’addensa la maggioranza dei siriani rimasti in patria. Testimoni residenti nelle aree sotto controllo governativo hanno riferito di “trasferimenti forzati di impiegati pubblici dai posti di lavoro ai seggi elettorali”: la pratica, denunciata nei sobborghi di Damasco di Wadi Barada, Qudsiya e Jamraya, è diffusa d’altronde da decenni nella Siria degli Assad. A Karnaz, a nord-ovest di Hama, secondo attivisti dell’opposizioni, le milizie lealiste avrebbero invece “dato alle fiamme alcune abitazioni di civili che si sono rifiutati di andare a votare”, mentre ad Aleppo, Homs e Hasake le truppe ausiliarie hanno “tenuto lontano dai seggi manifestanti anti-governativi”. Secondo il ministero degli interni, che ha dato viceversa notizia di una “affluenza straordinaria” e che ha per questo prorogato fino alla mezzanotte la chiusura dei seggi, sono 15 milioni (su un totale di 22) i siriani aventi diritto al voto. Ma nel conteggio non figurano i milioni di siriani fuggiti all’estero o residenti nelle zone non più in mano al regime. Un sorridente Assad ha votato assieme alla moglie Asma e ha posato assieme ad alcuni entusiasti elettori in un seggio dell’esclusivo quartiere Malki di Damasco. Nella capitale hanno votato anche il ministro degli esteri Walid al Muallim – da marzo scomparso dalla scena mediatica dopo esser stato ricoverato per problemi cardiaci – e i due ‘sfidanti’ del rais: Maher Hajjar e Hassan Nuri, che non fanno parte di nessuna opposizione organizzata e che hanno un peso politico irrilevante. I loro proclami pre-voto sono stati all’insegna del motto: “non importa chi vincerà, sarà la Siria a vincere”. Sul terreno la guerra è intanto proseguita senza sosta: numerosi raid aerei sono stati condotti dall’aviazione sui sobborghi di Damasco in mano ai miliziani ostili agli Assad. Questi sono sostenuti a diversi livelli – e a seconda dei diversi orientamenti – da Turchia, Qatar, Arabia Saudita e Usa. In particolare il regime ha colpito con razzi e barili-bomba Daraya, Duma, Mliha e sulle regioni di Aleppo, Hama, Homs, Daraa e Dayr az Zor. E sono almeno 28 le persone uccise – tra cui due donne e tre minori – la cui morte è stata documentata dai Comitati di coordinamento locali degli attivisti anti-regime. I media governative non forniscono cifre al riguardo, mentre riportano le notizie di colpi di mortai sparati dalle milizie ribelli in due quartieri residenziali di Damasco (Bab Tuma e Salhiye) e contro l’aeroporto militare di Mezze. Dall’estero, le reazioni al voto siriano appaiono frattanto anch’esse scontate: il ministro degli esteri iraniano Mohammed Javad Zarif lo ha difeso ribadendo che solo “il popolo siriano può risolvere da solo la crisi del proprio paese”; mentre il francese Laurent Fabius ne ha irriso il valore sostenendo che la scelta proposta agli elettori è stata “tra Bashar al-Assad e Bashar al-Assad”. (Lorenzo Trombetta/ANSA)

Ultima ora

01:05Calcio: Roma, Di Francesco “vittoria sofferta ma importante”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Questa gara era importante, avevo dato un segnale, e l'abbiamo vinta soffrendo. Si parla sempre degli episodi, che sono importantissimi, ma noi avremmo potuto fare gol prima. Abbiamo subito il primo tiro contro dopo 83', abbiamo sempre fatto la gara contro un Cagliari molto organizzato ma noi abbiamo voluto fortemente la vittoria. Ci teniamo stretti questi 3 punti". Lo ha detto l'allenatore della Roma, Eusebio Di Francesco, dopo la vittoria al 94' sui sardi. "Abbiamo concesso pochissimo in difesa, il Cagliari non ci ha permesso di essere aggressivi ma abbiamo avuto una grande supremazia territoriale - ha proseguito -. Dovevamo essere più cinici e cattivi, dobbiamo lavorare ancora di più. Ma io non sono d'accordo sulla prestazione negativa, abbiamo fatto la partita. Abbiamo tirato in porta 20 volte, dovevamo essere più precisi".

01:03Cile: frana per piogge torrenziali, 3 morti e 15 dispersi

(ANSA) - SANTIAGO, 16 DIC - Piogge torrenziali nel sud del Cile hanno causato una frana che ha sommerso un villaggio: almeno tre persone sono morte e altre 15 risultano disperse. Lo riferisce il viceministro dell'Interno Madmud Aleuy, aggiungendo che le vittime sono due donne e un turista non ancora identificato. Le piogge hanno causato l'esondazione di un fiume vicino a una collina franata su 20 delle 200 case del villaggio di Villa Santa Lucia, nella regione meridionale di Los Lagos. La presidente Michelle Bachelet ha riferito su Twitter che i servizi di emergenza stanno lavorando dell'area "per soccorrere le persone colpite". Alcuni feriti sono stati evacuati in elicottero. (ANSA)

01:01Omicidio cestista Nba Lorenzen Wright, arrestata moglie

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Per l'uccisione nel 2010 dell'ex giocatore di basket Nba Lorenzen Wright, la polizia di Memphis ha arrestato l'ex moglie Sherra, 46 anni, e un suo coetaneo, Bill Turner, accusati ora di concorso nell'omicidio. Le forze dell'ordine non hanno reso noto cosa le abbia portate ai due e il movente del delitto, ma la svolta sarebbe stata impressa dal ritrovamento dell'arma usata nell'aggressione, in un lago vicino a Walnut, Mississippi, 75 miglia a est di Memphis. Il corpo di Wright, che allora aveva 34 anni, fu trovato alla periferia della città in stato di decomposizione dieci giorni dopo la sua scomparsa. Aveva diverse ferite d'arma da fuoco. Il cestista aveva giocato nell'Nba per 13 anni in 5 squadre, tra cui quella di Memphis.

00:50Basket: serie A, Sassari-Pistoia 88-81

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - La Dinamo Sassari infila la settima vittoria consecutiva fra Lega A e Champions sconfiggendo 88-81 sul parquet del PalaSerradimigni la The Flexx Pistoia in un anticipo dell'11/a giornata di serie A di basket. Mattatore della serata è la guardia biancoblu' Scott Bamforth che chiude la partita con 26 punti e 6 assist guidando i padroni di casa verso una vittoria per nulla scontata. Sassari sale a 14 punti, Pistoia resta ad 8.

00:49Incendi California, ancora evacuazioni contea S.Barbara

(ANSA) - SANTA BARBARA, 16 DIC - Brucia senza sosta la California, nella contea di Santa Barbara, dove sono state ordinate nuove evacuazioni nella zona di Montecito. Il forte vento spinge le fiamme verso le case dove risiedono alcuni vip, fra i quali la star della tv Oprah Winfrey. Finora Thomas Fire (questo il nome dato all'incendio) ha distrutto oltre 1.000 edifici e oltre 700 case e, secondo le autorità, potrebbe colpire altre 18.000 strutture. Ieri è costato la vita a un vigile del fuoco, morto soffocato dal fumo.

00:26Calcio: serie A, Roma-Cagliari 1-0

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - La Roma soffre ma batte il Cagliari nell'ultimo anticipo del sabato della 17/a giornata di serie A. Dopo la sconfitta dell'Inter e la vittoria del Napoli, la squadra di Di Francesco affianca la Juve a 38 punti, ma ha ancora una partita da recuperare. Poche emozioni nel primo tempo. La Roma, che schierava per la prima volta titolare la coppia Dzeko-Schick, ha gestito il possesso senza riuscire però a creare eccessivi pericoli per Cragno, mentre il Cagliari, impegnato in un ragionato contenimento, ha cercato qualche timida reazione in contropiede. Nella ripresa, la Var concede un rigore ai giallorossi, ma Cragno para il lento tiro di Perotti. Nel recupero, Fazio in mischia insacca. Altra Var, e l'arbitro convalida la rete. I tre punti ormai insperati consentono alla Roma di affiancare la Juve al terzo posto, a quota 38, ma entrambe devono ancora giocare una partita. Il Napoli è primo con 42.

22:40Calcio: Premier, il City senza freni, 16 vittorie di fila

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Sedicesima vittoria di fila in Premier League per il Manchester City, che ha dato una lezione al Tottenham battendolo 4-1 con un crescendo nel finale che solo la rete nel recupero di Eriksen ha reso meno umiliante. Di Gundogan, De Bruyne e Sterling le reti dei Citizens, con l'inglese autore di una doppietta e ora terzo nella classifica marcatori. Alla 17/a giornata, la squadra di Guardiola vanta 14 punti di vantaggio sui cugini dello United, ospite domani del West Bromwich penultimo in classifica, e sul Chelsea, che ha battuto 1-0 il Southampton grazie ad una punizione di Marcos Alonso allo scadere del primo tempo. Vittoria con lo stesso punteggio minimo anche per l'Arsenal sul Newcastle, firmata dal tedesco Ozil. I Gunners occupano ora il quarto posto, a -19 dalla capolista, avendo sorpassato il sorprendente Burnley, che ha pareggiato 0-0 a Brighton. Negli altri incontro del sabato, il Leicester è stato sconfitto 3-0 in casa dal Crystal Palace

Archivio Ultima ora