E’ muro contro muro Renzi-autosospesi, nodo in assemblea

Pubblicato il 13 giugno 2014 da redazione

ROMA. – Lo scontro tra i 14 autosospesi del Pd e il resto del partito sulle riforme sbarca all’Assemblea nazionale, convocata a Roma. Matteo Renzi potrebbe illustrare alcuni punti su cui i partiti di maggioranza e di opposizione hanno trovato una intesa. Ma la tensione potrebbe avere uno sbocco più drammatico con la presentazione di un documento di sfiducia contro i 14 su cui far pronunciare l’Assemblea. Oggi anche tra i centristi di Pi si è aperto uno scontro dopo la sostituzione di Mario Mauro in commissione Affari costituzionali del Senato. I 14 attaccano a testa bassa il capogruppo Luigi Zanda, il ministro Maria Elena Boschi e Renzi, e i restanti senatori del gruppo (sia i renziani che la sinistra interna) che controreplicano irritati. Parte all’attacco anche Pippo Civati che sul suo blog avverte Matteo: “Caro Premier, volevo dirti cosi’ in assemblea, ma visto che hai deciso di far precipitare le cose e di strappare, dando il via alla sostituzione di Mineo dalla Cina, te lo scrivo prima, cosi’ se ti va hai tempo di rifletterci su”, esordisce. Poi il deputato chiede al premier di discutere dell’elezione diretta dei senatori. Se e’ invece in atto “una prova di forza stai facendo un errore – aggiunge – e, per quanto mi riguarda, chi fa le prove di forza sulla Costituzione, e’ gia’ fuori di essa”. Ma il ‘disagio’ nel partito c’è e si fa sentire. Durante la giornata è stato più d’uno lo scambio di accuse tra le ‘fazioni’. Massimo Mucchetti dà degli “stalinisti” ai dirigenti del partito; Walter Tocci afferma che mai nella storia della Repubblica un governo ha imposto un suo ddl sulle riforme costituzionali; Casson ironizza sul premier (“la Costituzione durerà più di Renzi”); Vannino Chiti, parla di Costituzione violata; Corradino Mineo pone come condizione “per ricucire” che Zanda, Boschi e Renzi ammettano l’errore. Ma il premier non ha alcuna intenzione di lanciarsi in una “autocritica” di sovietica memoria, anzi; riafferma che le riforme non possono essere stoppate da 14 senatori, mentre a chiederle sono gli 11 milioni di italiani che hanno votato il Pd alle europee e lancia un chiaro messaggio ai riottosi: “Accetto ogni discussione ma non mi rassegno che vinca la palude”. Il premier difende poi la decisione della sostituzione di membri in commissione spiegando che “non è epurazione nè espulsione ma coerenza”. Tanto se alla fine i 14 voteranno contro, non importa: “i voti anche senza di loro – scandisce – ci sono”. Il vicesegretario Lorenzo Guerini usa toni pacati ma sottolinea che i 14 “hanno sbagliato”; altri suoi colleghi mostrano i muscoli, come Stefano Bonaccini, responsabile Enti Locali: “Dopo aver discusso democraticamente e votato a stragrande maggioranza, nessuna remora nel procedere. Riforme subito nell’interesse del Paese”. E il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ironizza: “Mineo chi?”. Alcuni esponenti della segreteria vorrebbero presentare domani un ordine del giorno che chiede di andare avanti con le riforme e, in sostanza, sfiducia i 14. Il documento verrebbe fatto votare dai 1.000 in modo da evidenziare che la base del partito è con il governo sulle riforme. In difficoltà sono le minoranze interne dei Giovani Turchi e di Area riformista (vicina a Gianni Cuperlo), che si vedrebbero schiacciati sulle posizioni di Renzi. Di qui l’appello di Stefano Fassina a evitare “prove di forza in assemblea”, e di Roberto Speranza a “superare le difficoltà”. I 14 rischiano di sbattere contro un muro e uno di essi, Sergio Lo Giudice, ha dichiarato che intende votare il ddl del governo. Se si eviterà il voto sull’ordine del giorno si potrà tentare di ricucire. Lunedì Zanda incontrerà i 14 e martedì ci sarà l’Assemblea del gruppo, la sesta sul tema; nelle precedenti la maggioranza del gruppo ha votato per il ddl del governo. Una spaccatura analoga si sta aprendo nel gruppo Per l’Italia che ha sostituito in commissione il dissidente Mario Mauro, con il capogruppo Lucio Romano. Una parte del gruppo (lo stesso Mauro, Tito Di Maggio e Angela D’Onghia) hanno presentato ricorso al presidente del senato Pietro Grasso, mentre l’udc Antonio De Poli (anch’egli nel gruppo Pi), ha criticato il governo e le sue riforme. Il rischio è che anche questi quattro voti manchino all’appello in Aula.  (Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

09:00Molestie: Usa, Dustin Hoffman accusato da altre due donne

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Dustin Hoffman sempre piu' nella bufera, con nuove accuse di molestie sessuali rivolte da diverse donne. Una di queste racconta di essere stata abusata quando aveva solo 16 anni in un hotel di New York. Cori Thomas, questo il nome della ragazza, era allora una compagna di classe della sorella dell'attore che invito' le due ragazze nella sua stanza d'albergo per una cena. Quando la sorella di Hoffman ando' via - racconta Thomas - l'attore si ando' a fare una doccia e ritorno' con indosso solo un asciugamano che all'improvviso si tolse facendosi vede nudo. Hoffman chiese poi alla ragazza di massaggiargli i piedi. Un'altra donna, Melissa Kester, racconta invece come l'attore prese la sua mano e la infilo' nei suoi pantaloni mentre erano nello studio di registrazione. Hoffman, 80 anni, vincitore del premio Oscar, e' stato gia' accusato di molestie nelle settimane scorse dall'attrice Anna Graham Hunter che all'epoca dei fati, nel 1985, aveva 17 anni.

08:55Casa Bianca, Trump ha parlato al telefono con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Il presidente americano Donald Trump ha parlato al telefono nelle ultime ore col presidente russo Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca, che per il momento non informa sui contenuti del colloquio telefonico.

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

Archivio Ultima ora