Mondiali: Balotelli e gli altri, ora problema giovani

Pubblicato il 25 giugno 2014 da redazione

MANGARATIBA (RIO DE JANEIRO). – Qualcuno in ritiro l’ha ribattezzata ‘generazione twitter’. Forse anche ingenerosamente, visto che a usare i social dall’interno del Portobello Resort non era solo Balotelli, ma anche un giocatore di esperienza come Marchisio. Se e’ però vero che la disfatta del calcio italiano e’ ora un fiume in pieno che trascina tutto dietro di sé, anche vecchi detriti e persone incolpevoli, è anche vero che la spaccatura tra veterani e nuovi azzurri – certificata dalle parole di Buffon e De Rossi – è il primo problema di questa nazionale. E di quella che dovrà ripartire il 9 settembre. Non e’ solo Balotelli ad aver stupito in negativo tutti i senatori. A eliminazione avvenuta, emergono i mugugni per la presenza invadente delle mogli in ritiro, per l’isolamento di Fanny con il suo amato, per le mancanze di rispetto. Tutti ostacoli che vengono spazzati via dalle vittorie, come fu l’anno scorso in Confederations. La vera accusa mossa da qualche dirigente e dai quattro campioni del mondo, e ben presente anche al commissario tecnico, e’ la mancanza di spessore caratteriale in campo degli Insigne, dei Cerci, degli Immobile, di Balotelli. Unica eccezione, Darmian. Non e’ insomma questione di comportamenti fuori, o almeno non solo di quelli. Raccontano dal Club Italia che durante l’Europeo tutti, ma proprio tutti i compagni erano arrabbiati con Balotelli perché era sempre l’ultimo a uscire dalla doccia, faceva aspettare sempre tutti in pullman. Eppure nessuno lo accusò di essere ”una figurina” o un ”personaggio”, come ha detto ieri De Rossi. Anche questa volta la mania di twittare tutto e di più – gli amici rapper, la proposta di nozze a Fanny, le passeggiate in spiaggia – hanno indispettito più di un compagno. E anche le persone molto vicine al ragazzo, che prima di partire dall’Italia gli avevano detto: Mario, stavolta lascia perdere i social network. La replica a critiche, compagni e tifosi denigratori di oggi e’ arrivata, puntuale, da twitter: ed è già una risposta in sè. Avesse segnato con il Costarica, tutto sarebbe cambiato, dice lui. Si fosse impegnato in campo e non avesse mandato a quel paese di continuo i compagni, Marchisio in testa, perché non lo servivano bene. Ecco, il campo: e’ quello che succede in quei 90, nella trance agonistica della partita, che fa la differenza dei rapporti. Se a qualcuno ha dato fastidio l’atteggiamento poco umile di Insigne in ritiro, la squadra ha bocciato il suo impatto in campo contro Costarica. E a Cerci viene rimproverato di aver dato una brutta risposta quando dopo quella partita gli veniva chiesto della delusione di Prandelli per i nuovi entrati. Da quel punto di vista, ha deluso anche Immobile. E questo e’ il caso che chiude il cerchio. Prandelli sapeva di convocare il capocannoniere e un’incognita, vista la sua inesperienza in campo internazionale. Paragonata alla generazione dei Pirlo, dei De Rossi, dei Buffon, i nuovi azzurri sono arrivati al Mondiale con pochissimi minuti di calcio di alto livello nelle gambe. E sopratutto nella testa. Niente Champions. Niente coppe europee. Un campionato fragile. Non e’ un caso che l’unico giovane ‘veterano’ fosse Verratti, da due anni al Psg. Anche per questo Ciro Immobile, l’attaccante che doveva imitare Schillaci, e’ diventato un emigrante del pallone, in Bundesliga.(ANSA).

Ultima ora

13:33Orlando, Liberi e Uguali non sia bersaglio campagna Pd

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un incontro "non era previsto, ma sicuramente non considero Rossi un avversario politico. O, come dire, non riesco ancora a considerarlo un avversario politico. Quindi, sicuramente sono interessato a capire cosa sta succedendo in quell'ambito, che credo non dovrebbe essere bersaglio della nostra campagna elettorale". Lo ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando, oggi a Firenze nella sede della Regione Toscana, parlando con i giornalisti che gli chiedevano se nell'occasione avrà un colloquio 'politico' con il governatore toscano Enrico Rossi (Liberi e Uguali).

13:33Sicurezza: Milano, al via nuove misure a Palazzo Marino

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Al via le nuove misure di sicurezza a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano. A partire da oggi tutte le persone che entreranno in Comune saranno controllate dai vigili della Polizia locale, che presidiano l'ingresso, con un metal detector portatile. Inoltre saranno controllate borse e bagagli e i documenti di identità. La misura era stata annunciata dal sindaco, Giuseppe Sala, dopo il blitz di CasaPound del 29 giugno scorso nell'aula del Consiglio comunale. (ANSA).

13:29Sud: Gentiloni, condizioni per investire senza precedenti

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Abbiamo condizioni per investire e creare lavoro a Sud che sono di una convenienza senza precedenti". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, parlando al convegno promosso da "Il Mattino", a Napoli.

13:17Maltempo: Rfi, traffico ferroviario critico nel Nord-Ovest

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Traffico ferroviario ancora critico in alcune regioni del Nord-Ovest a causa del maltempo. Lo rende noto Rete Ferroviaria italiana, che ha fatto scattare il piano neve e gelo. In Piemonte la circolazione è fortemente rallentata sul nodo di Torino, in direzione Genova, a causa di un guasto tra le stazioni Lingotto e Porta Nuova. Traffico sospeso sulla Torino-Savona, da San Giuseppe di Cairo, mentre le linee Genova-Milano e Genova-Torino (via Mignanego) sono sospese nel tratto tra Ronco e Arquata Scrivia. Problemi anche alla viabilità, con disagi sulle strade e forti rallentamenti sulle principali autostrade.(ANSA).

13:09Putin in Siria, incontra Assad

(ANSA) - MOSCA, 11 DIC - Il presidente russo Vladimir Putin ha visitato questa mattina la base aerea russa di Hmeimim, in Siria, dove ha incontrato il presidente siriano Bashar al Assad e il ministro della Difesa russo Serghiei Shoigu. Putin ha ordinato l'inizio del ritiro delle truppe russe dalla Siria. "Negli ultimi due anni - ha dichiarato il leader del Cremlino - le forze armate russe e l'esercito siriano hanno sconfitto il gruppo più combattivo dei terroristi internazionali. A questo proposito - ha proseguito Putin - ho preso una decisione: una parte considerevole del contingente russo schierato nella repubblica araba siriana tornerà a casa, in Russia".

13:06Avvelenati tallio:killer non chiede nessuno,nemmeno genitori

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Non ha chiesto di nessuno, nemmeno dei suoi genitori Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso degli omicidi dei nonni materni e di una zia e del tentato omicidio di nonni materni, due zii e badante di famiglia, tramite somministrazione di solfato di tallio. A renderlo noto è il suo avvocato, Silvia Letterio: "il mio assistito non ha chiesto di nessun parente, nemmeno dei suoi genitori" ha spiegato il legale, proseguendo: "è in cella, dove mi ha detto di aver ricevuto quanto aveva chiesto". Del Zotto, appena arrivato in carcere a Monza, aveva domandato di poter avere alcuni libri sull'ebraismo, religione a cui ha detto di essersi convertito. Al momento non sono previsti imminenti nuovi interrogatori per il 27enne il quale, come ha precisato l'avvocato "non vuole rendere noto come abbia personalmente provveduto" a mettere il tallio negli alimenti dei suoi parenti, anche perché su questo aspetto, ha concluso il legale, "sono ancora in corso indagini".

13:05Violenza donne: perseguita la moglie, arrestato dopo 30 anni

(ANSA) - TORINO, 11 DIC - Non la lasciava uscire da sola, mai, nemmeno per andare a buttare la spazzatura. Aveva un attaccamento morboso nei confronti della moglie l'uomo, un torinese di 47 anni, arrestato dai carabinieri per atti persecutori. La donna non poteva incontrare le amiche o le colleghe, né andare a fare la spesa e, accecato da una gelosia immotivata, spesso la picchiava. Un inferno durato quasi trent'anni, sino a quando, lo scorso giovedì, l'uomo è stato fermato dai carabinieri di Pozzo Strada. I militari l'hanno trovato con un coltello in tasca, sotto la scuola elementare in cui insegna la moglie. "Ti ammazzerò. Ti brucerò nell'acido", le aveva scritto nei giorni passati per timore forse di essere tradito, forse di essere lasciato. Accolta in una delle stanze create appositamente nelle caserme per accogliere e seguire le vittime delle violenze di genere, la signora ha raccontato di non aver mai denunciato perché aveva paura e non sapeva a chi rivolgersi.(ANSA).

Archivio Ultima ora