Maliki cede alle pressioni e apre alla soluzione politica

Pubblicato il 26 giugno 2014 da redazione

BEIRUT/BAGHDAD. – Le pressioni americane e britanniche sul premier iracheno Nuri al Maliki sembrano dare i primi timidi risultati, spingendo il capo del governo filo-iraniano a ipotizzare, per la prima volta in due settimane, una “soluzione politica” per risolvere la crisi iniziata il 9 giugno con l’offensiva qaedista nel centro e nel nord del Paese. E mentre i curdi si dicono pronti alla difesa di Kirkuk, è tornato a far sentire la sua voce anche l’imam radicale sciita Moqtada Sadr, che con i suoi miliziani promette di far “tremare la terra sotto i piedi dell’ignoranza e dell’estremismo”, minacciando direttamente i qaedisti sunniti. Intanto però si combatte violetemente nella città natale di Saddam Hussein: a Tikrit i miliziani dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isis), sostenuti da insorti locali sunniti, esasperati da otto anni di governo Maliki, tentano di resistere. Le forze speciali governative hanno tentato un blitz con elicotteri e paracadutisti, prendendo il controllo – secondo fonti ufficiali – del campus universitario. Ma non è stata una passeggiata: fonti riferiscono di una furiosa battaglia in corso a ridosso della città universitaria. Un elicottero è stato colpito ed è precipitato nei pressi della zona di atterraggio. Sul piano politico-diplomatico, la giornata è stata segnata dalla visita a sorpresa a Baghdad del ministro degli Esteri britannico William Hague, particolarmente significativa perché arriva alla vigilia del viaggio a Riad, in Arabia Saudita, del segretario di Stato Usa John Kerry. Hague ha rinnovato l’appello alla creazione di un governo di unità nazionale che sia “inclusivo” di tutte le principali componenti del Paese. Se quest’ipotesi era stata prima respinta con forza da Maliki, adesso il premier ha per la prima volta parlato di “soluzione politica parallela alla soluzione militare”. Fonti vicine ai negoziati tra le varie forze politiche sciite, affermano che il premier potrebbe anche rinunciare a guidare per il terzo mandato consecutivo il prossimo governo, a patto però di mettere a capo dell’esecutivo un uomo a lui vicino. Il prossimo primo luglio è convocata la seduta del neoeletto parlamento dopo le elezioni del 30 aprile scorso, vinte con una maggioranza relativa proprio da Maliki. Ma i leader politici sciiti, affermano le fonti, intendono concludere i negoziati – a cui non partecipano né le forze curde né i sunniti solidali con l’insurrezione – per il governo prima di quella data. In caso contrario la seduta sarà posticipata e ogni decisione sul futuro governo sarà rinviata. Su un altro fronte, il presidente della regione autonoma nord-orientale del Kurdistan, Massud Barzani, si è recato, per la prima volta da quando le sue milizie hanno preso il pieno controllo di Kirkuk, nella città petrolifera contesa tra arabi e curdi. Da lì Barzani ha affermato di esser pronto ad ammassare tutti i suoi militari per difendere il nuovo status quo. A Baghdad – dove i consiglieri americani giunti da Washington sono ora 130 su un totale di 300 promessi dagli Usa – un attentato dinamitardo compiuto in un quartiere a maggioranza sciita ha ucciso almeno 19 persone. E arrivano nuove notizie di orrori e massacri: nella zona di frizione tra milizie curde e Isis, nel nord-est del Paese, giungono notizie non verificabili in maniera indipendente dell’uccisione barbara da parte dei qaedisti di decine di civili del villaggio di Bashir, tra cui donne e anziani, trucidati perché sciiti. Il premier Maliki ha intanto confermato, parlando alla Bbc, che i misteriosi raid aerei condotti a ridosso della frontiera siriana tra martedì e ieri sono stati compiuti da caccia dell’alleato regime siriano e non da droni Usa come la tv governativa irachena aveva inizialmente affermato. In una prima dichiarazione riportata dalla Bbc, Maliki aveva ammesso che i raid sono stati compiuti in territorio iracheno e che non erano stati richiesti da Baghdad. Poche ore dopo, è giunta la rettifica: i velivoli siriani hanno sganciato le loro bombe su obiettivi qaedisti in Siria. Fonti tribali locali avevano riferito dell’uccisione di 57 civili iracheni nei raid di al Qaim, lato iracheno della frontiera. Il regime siriano non ha finora commentato l’accaduto. (Lorenzo Trombetta/Ansa)

Ultima ora

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

Archivio Ultima ora