Reali di Spagna invitano il Papa, “spero presto”

Pubblicato il 30 giugno 2014 da redazione

CITTA’ DEL VATICANO. – Grande cordialità, sorrisi, clima disteso, in Vaticano, nell’udienza di papa Francesco ai sovrani di Spagna, re Felipe VI e la regina Letizia, che hanno scelto di recarsi dal Pontefice come prima visita all’estero dopo l’insediamento del 19 giugno scorso, conseguente all’abdicazione del padre di Felipe, re Juan Carlos di Borbone. I due nuovi regnanti – lui in completo scuro, lei in tacchi alti e tailleur, di colore bianco come previsto in Vaticano solo per le regine cattoliche – sono rimasti a colloquio con Francesco per circa 40 minuti: nella Sala della Biblioteca per la conversazione privata, svoltasi naturalmente in spagnolo, è stata ammessa anche Letizia, come era già avvenuto nell’agosto scorso per la regina Rania, fatto allora senza precedenti, nell’udienza ai reali di Giordania. Nel corso dell’incontro, Felipe ha invitato il Pontefice in Spagna, associandosi all’invito già manifestato a nome dei vescovi spagnoli dal cardinale di Madrid Antonio Maria Rouco Varela: Francesco è stato invitato a partecipare alle celebrazioni per il quinto centenario della nascita di Santa Teresa d’Avila, che ricorrerà il 28 marzo del prossimo anno. E il Pontefice, a questo riguardo, ha espresso “speranza”. Era la seconda volta che Felipe e Letizia incontravano Bergoglio, dopo essere intervenuti come principi delle Asturie, il 19 marzo dello scorso anno, alla messa di insediamento in Piazza San Pietro. Il Papa nell’udienza è apparso in buona forma, dopo l'”indisposizione” dei giorni scorsi e le voci contrastanti sul suo stato di salute. Salutando re Felipe all’ingresso della Biblioteca con una stretta di mano, Francesco ha detto: “Maestà, benvenuto, avanti…”. Letizia, a sua volta, ha salutato il Papa con un inchino e una stretta di mano. Tra le prime frasi scambiate, il re ha parlato del suo primo periodo come “intenso ma tranquillo”. Uno scherzoso siparietto si è avuto quando il Papa lo ha invitato a entrare nella Sala. Re Felipe ha infatti esclamato: “i chierichetti davanti!”. Al che Francesco gli ha risposto: “gliel’ha detto suo padre…”. Lo scambio di battute faceva riferimento alla visita del padre di re Juan Carlos dello scorso 28 aprile, all’indomani della canonizzazione di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Quando il Papa lo aveva analogamente invitato a entrare nella Biblioteca, il re sembrava esitare, al che Bergoglio sorridendo gli aveva detto appunto: “i chierichetti davanti”. E Felipe ha ripetuto la battuta, strappando un sorriso al Pontefice. Al momento dello scambio dei regali, il re ha donato al Papa il facsimile del libro “Oraculo manual y arte de prudencia”, volumetto risalente al 1647 del gesuita aragonese Balthasar Gracian, spiegando che esistono solo due copie originali del volume, una delle quali a Lujan, in Argentina. Francesco ha ricambiato con una formella in bassorilievo, col progetto originale di Piazza San Pietro, e con una copia della sua esortazione apostolica “Evangelii gaudium”. Rosari al resto della delegazione, distribuiti personalmente da Bergoglio, che accorgendosi che un fotografo della Casa Reale era rimasto senza, è andato verso un armadietto per prelevarne uno da potergli consegnare. Il tutto in un’atmosfera molto cordiale. Al termine, Felipe si è congedato salutando il Papa con un baciamano e con queste parole: “con la speranza di vederla in Spagna”. Francesco subito non ha risposto ma un momento dopo, salutando Letizia, che gli ha fatto un secondo inchino, le ha detto: “con la speranza di rivederla presto”. Parlando poi dell’invito in Spagna anche col cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, che gli ha fatto presente l’agenda molto piena del Pontefice, Felipe ha spiegato di aver detto al Papa che il viaggio sarebbe “molto importante” e che basterebbe anche una visita molto breve: “una questione di ore”, ha detto. Con Parolin, che avevano conosciuto a Caracas, ai funerali del presidente Hugo Chávez, quando l’attuale segretario di Stato era nunzio in Venezuela, i reali hanno anche parlato di problemi sociali in Spagna e della situazione in America Latina. “Durante i cordiali colloqui, si è espresso compiacimento per l’odierna visita, la prima all’estero, che segue quella da poco compiuta dal re Juan Carlos I e dalla regina Sofia il 28 aprile scorso, auspicio del rafforzamento delle buone relazioni esistenti tra la Santa Sede e la Spagna”, recita la nota vaticana sull’udienza papale. “Sono stati affrontati temi di comune interesse, l’importanza di favorire il dialogo e la collaborazione fra la Chiesa e lo Stato per il bene di tutta la società spagnola”. Toccate anche “alcune problematiche di carattere internazionale e regionale, con particolare attenzione alle zone di conflitto”. (Fausto Gasparroni/Ansa)

 

Ultima ora

19:45Migranti: scontri a Roma, condannati 9 di Casapound

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Nove militanti di Casapound sono stati condannati dal tribunale di Roma in relazione agli scontri con le forze dell'ordine del luglio 2015 a Casale San Nicola, periferia nord di Roma. I giudici della V sezione penale hanno inflitto otto condanne a 3 anni 7 mesi e una a 2 anni e 7 mesi. Gli imputati, che manifestarono per impedire il trasferimento di immigrati in una struttura di accoglienza, erano accusati di resistenza aggravata a pubblico ufficiale e lesioni.

19:35‘Ndrangheta:fondi Ue, chiesto processo ex assessore Calabria

(ANSA) - CATANZARO, 11 DIC - La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio di Nazzareno Salerno, ex assessore al Lavoro della Regione Calabria ed attuale consigliere regionale, coinvolto nell'inchiesta "Robin Hood" che ha svelato un presunto sistema illecito nella gestione dei fondi europei attraverso l'ente in house "Calabria etica". La richiesta di rinvio a giudizio è stata avanzata al gup, Claudio Paris, oltre che per Salerno, per altri 16 indagati e due società. I reati contestati, a vario titolo, sono truffa, estorsione aggravata dal metodo mafioso, corruzione, peculato, turbativa d'asta ed abuso d'ufficio. Dalle indagini della Guardia di Finanza di Vibo Valentia e del Ros di Catanzaro è emersa l'esistenza di un presunto "comitato d'affari" che avrebbe distratto i finanziamenti comunitari vincolati al progetto regionale "Credito sociale", indirizzandoli su conti correnti di società private anche all'estero. (ANSA).

19:33Ap, mandato a fondatori, trovare soluzione consensuale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La Direzione di Ap, a quanto si apprende, ha votato di dare mandato ai tre fondatori Beatrice Lorenzin, Fabrizio Cicchitto, Maurizio Lupi, e al vice coordinatore Antonio Gentile, di istruire una pratica per trovare una soluzione perché le due coerenze interne al partito - una che guarda alla coalizione di governo, l'altra ad una corsa solitaria e al dialogo con FI - possano "sopravvivere". La Direzione di Ap è quindi aggiornata a domani alle ore 18.

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

19:17Basket: Brindisi esonera Dell’Agnello

(ANSA) - BARI, 11 DIC - Dopo la sconfitta di ieri, in casa, contro Trento, la Happy Casa Brindisi ha comunicato di aver esonerato l'allenatore, coach Sandro Dell'Agnello. Brindisi è rimasta ultima con 4 punti nella classifica di Lega A di basket. "Al tecnico - si legge in una nota della società - vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune personali e professionali". Quanto al prossimo futuro: "Alla ripresa degli allenamenti - viene chiarito - la squadra verrà affidata temporaneamente al vice allenatore Massimo Maffezzoli".

19:10Calcio: il 19 dicembre assemblea di Lega B

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' convocata per martedì 19 dicembre a Milano l'Assemblea di Lega B con all'ordine del giorno l'approvazione del Bilancio d'esercizio 2016/2017, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Quindi si provvederà ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

19:10Morti in corsia a Saronno, altri 18 casi al vaglio

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 11 DIC - Sono altri 18 i casi di morti "sospette" all'interno del pronto soccorso di Saronno (Varese), attualmente "sottoposti all'esame dei consulenti" come confermato dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio (Varese) Gianluigi Fontana, nell'ambito del terzo filone dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia a pronto soccorso di Saronno. I casi in esame riguardano pazienti trattati antecedentemente al 2013 dall'ex vice primario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga, già accusato di nove decessi in corsia e in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni delle morti di suo marito, suo suocero e sua madre, le cui cartelle cliniche sono state sequestrate contestualmente all'arresto del medico il 29 novembre 2016.

Archivio Ultima ora