Mondiali: basta Higuain, Argentina soffre ma è semifinale

Pubblicato il 05 luglio 2014 da redazione

ROMA. – Soffrendo fino alla fine, ma col cinismo tipico delle grandi squadre, l’Argentina rispedisce all’inferno i ‘diavoli rossi’ del Belgio e taglia il traguardo delle semifinali mondiali dove aspetta la vincente di Olanda-Costarica. Lo fa nel giorno in cui il suo solista piu’ atteso, Leo Messi, resta a secco: con la ‘Pulce’ per una volta a digiuno, ci pensa il Pipita Higuain a togliere le castagne dal fuoco ai sudamericani con una giocata che e’ un mix di abilita’ e opportunismo. La migliore risposta a chi negli ultimi giorni ha montato il caso di una squadra Messi-dipendente. Il Belgio delle giovani promesse, al dunque, si mostra immaturo non demeritando ma confermandosi poco concreto in fase realizzativa. Argentina con la novita’ Biglia al centro del campo e con Basanta al posto dello squalificato Rojo sulla sinistra mentre sul fronte belga Wilmots spiazza tutti lasciando fuori Mertens per dare spazio a Mirallas e riproponendo Origi al centro dell’attacco e non Lukaku grande protagonista negli ottavi. E’ l’Argentina a dare subito l’impressione di voler fare la partita e Di Maria ci prova dalla distanza: e’ il prologo al gol che arriva un minuto dopo, all’8′, tanto bello quanto viziato dal caso. Lo sigla il ‘Pipita’ Higuain, fin qui uno degli oggetti misteriosi del Mondiale, fortunato nell’approfittare di un rimpallo sul passaggio di Zabaleta. Una deviazione benedetta che aggiusta la palla sul destro del puntero argentino, che e’ un fulmine a coordinarsi e a colpire in mezza girata indirizzando la palla a mezza altezza nell’angolino piu’ lontano grazie a un beffardo effetto a uscire. Il Belgio si mette a ruminare il suo gioco fatto di trame e di passaggi ma senza rendersi mai effettivamente pericoloso, mentre i sudamericani affidano al Pocho Lavezzi il compito di colpire in contropiede, specie dopo aver perso Di Maria per un problema al polpaccio. Con Hazard che cerca spazi che non trova, per i ‘diavoli rossi’ e’ De Bruyne a provarci dalla distanza con Romero che respinge a pugni uniti. Ma la prima e unica vera occasione del primo tempo il Belgio la confeziona sul finire della frazione quando Mirallas gira di testa dal centro dell’area sul cross di Vertonghen lambendo il palo. Senza squilli il primo tempo di Messi: la Pulce ha la palla buona su calcio da fermo, ma tira alto sulla traversa. La ripresa comincia con l’Argentina che prova a chiudere in contropiede: e’ ancora Higuain, con un’azione personale, ad involarsi verso la porta. Il suo tiro, a Courtois battuto, scheggia la traversa. Sabella, che segue la scena dalla panchina, segue la traiettoria lasciandosi cadere all’indietro tra le braccia dei suoi assistenti. Wilmots capisce che deve rischiare e rivede le scelte iniziali: dentro Mertens e Lukaku per Origi e Mirallas. Il Belgio ne beneficia e si rende pericoloso in piu’ circostanze con Fellaini (colpo di testa alto ancora su un cross di Vertonhghen) e con De Bruyne sul cui cross per poco Garay non fa la frittata. Messi si fa ipnotizzare da Courtois fallendo il 2-0, ma e’ Lukaku, a un minuto dallo scadere dei cinque di recupero concessi da Rizzoli, ad avere sul sinistro la palla del pareggio: ma il suo tiro-cross strozzato libera l’urlo represso in gola dei tanti argentini presenti allo stadio. In semifinale ci va l’Argentina, che non e’ piu’ solo l’Argentina di Messi.

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora