L’incubo di Meriam finisce in Italia, l’abbraccio col Papa

Pubblicato il 24 luglio 2014 da redazione

ROMA. – L’incubo di Meriam è finito alle tre di notte, all’aeroporto di Khartoum. Quando l’hanno portata via col marito e i figli dall’ambasciata americana, dove era rifugiata da una paio di settimane, temeva di tornare in un altro carcere. Ma quando ha visto sulla pista l’aereo dell’Aeronautica militare italiana ha capito. Gli italiani ce l’avevano fatta, l’avevano salvata. E ora la portavano verso una vita nuova, negli Stati Uniti, insieme alla sua famiglia. All’arrivo a Roma stamattina, l’incubo si è trasformato in sogno. La giovane cristiana di un paese dell’hinterland di Khartoum, condannata a morte in Sudan per apostasia, ha trovato ad accoglierla a Ciampino il premier Matteo Renzi e il ministro degli Esteri Federica Mogherini. Ma soprattutto, nella stessa mattinata è stata ricevuta in Vaticano da papa Francesco. “Una ragazza che ha partorito in catene per la propria fede oggi è libera. L’Italia è anche questo. La politica è anche questo”, ha twittato Renzi, dopo aver incontrato Meriam sull’aereo insieme alla moglie Agnese e aver parlato di “un giorno di festa”.  La giovane sudanese è arrivata in Italia col marito Daniel Wani (che è anche cittadino americano) e i figli Martin, di un anno e mezzo, e Maya, di due mesi, nata in carcere. Ad accompagnarli nel viaggio è stato il viceministro degli Esteri Lapo Pistelli, il vero artefice dell’operazione, che si è goduto il suo momento di gloria scendendo dalla scaletta dell’aereo con Martin in braccio e il biberon in mano.  In tarda mattinata, l’incontro più emozionante. Papa Francesco ha ricevuto per mezz’ora la famiglia in Vaticano, a Santa Marta. Il pontefice l’ha ringraziata per la sua “testimonianza di fede” e la sua “costanza”. Il portavoce vaticano, padre Lombardi, ha poi spiegato che l’incontro ha voluto essere “un segno di vicinanza per tutti coloro che soffrono a motivo della loro fede”. A breve, forse già domani, la famiglia ripartirà per gli Stati Uniti. “Andranno in New Hampshire, dove vive il fratello di Daniel, Gabriel”, spiega la presidente della ong ‘Italians for Darfur’, Antonella Napoli, che ha condotto una campagna pressante per Meriam. La storia di Meriam Yahia Ibrahim Ishag, 27 anni, aveva commosso e indignato il mondo. Moltissimi paesi e ong di tutto il mondo si erano interessati alla sua vicenda, emblematica delle persecuzioni subite dai cristiani nel mondo, Siria, Iraq e Nigeria in primis. Ma alla fine è stata l’Italia a venirne a capo, con un paziente lavoro diplomatico del vice ministro Pistelli. Questo ha sfruttato gli ottimi rapporti dell’Italia con il Sudan: la nomenklatura del paese ha studiato tutta nel liceo italiano dei Comboniani di Khartoum, e l’ambasciatore in Italia, Amira Gornas Daud, è la moglie del ministro degli Esteri, Ahmed Karti. Ai primi di luglio Pistelli era stato a Khartoum e aveva incontrato le autorità e la stessa Meriam. Ieri pomeriggio, Karti ha chiamato il viceministro e gli ha detto che il passaporto era stato consegnato alla donna. A quel punto Pistelli ha organizzato in fretta e furia il volo di Stato ed è partito per Khartoum. “Sulla vicenda di Meriam abbiamo avuto la pazienza di parlare con tutti in modo amichevole – ha commentato l’esponente del governo -. Questo alla fine ha pagato”. “Per un paese islamico come il Sudan sarebbe stato imbarazzante consegnare la donna agli Stati Uniti – spiega una fonte della Farnesina -. Tanto è vero che quando gli americani hanno cercato di portarla fuori, sono stati bloccati. Con l’Italia questi problemi non c’erano, e abbiamo permesso loro di liberarsi di una vicenda ingombrante”. (di Stefano Secondino/ANSA)

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora