Torino, esordio positivo in E. League. 0-3 al Bromma

TORINO. – Il Torino inizia l’avventura europea con il piede giusto. Termina 3-0 per i granata l’andata del terzo turno preliminare dell’Europa League. A Stoccolma, sul sintetico del Tele 2 Arena, la squadra di Ventura ipoteca la qualificazione contro un modesto Brommapojkarna. Di Larrondo (doppietta) e Barreto le reti della vittoria del Toro, che festeggia così nel migliore dei modi il ritorno dopo vent’anni in una competizione internazionale. Orfani del capocannoniere Immobile, ceduto al Borussia Dortmund, e ancora priva dei vari Darmian, Cerci e Quagliarella, ancora indietro con la preparazione, il Torino confeziona la vittoria grazie alla prestazione dei suoi bomber di scorta. Larrondo e Barreto si trovano bene negli schemi della squadra, che domina il campo a lunghi tratti senza correre seri pericoli. Per la prima rete bisogna però attendere la fine del primo tempo, quando Barreto viene steso da dietro da Segerstrom. Lo svedese viene espulso per fallo da ultimo uomo e sul dischetto si presenta Larrondo. L’attaccante argentino spiazza il portiere Blazevic, sbloccando il risultato e mettendosi alle spalle la passata stagione ai box a causa di un brutto infortunio. I granata sono ben disposti in campo e fanno girare la palla costringendo l’avversario – ultimo in classifica nel campionato svedese e qualificato all’Europa League grazie alle regole sul fair play – a rincorrerli. Il raddoppio arriva ancora con Larrondo, all’8′ della ripresa, grazie a un bel colpo di testa che gira in rete il cross in corsa di Nocerino, già a suo agio nel centrocampo disegnato da Ventura. Passa una manciata di minuti e al 13′ Barreto, sugli sviluppi di una azione iniziata da una punizione di Vives e proseguita da Molinaro, firma il 3-0 finale. Tutto facile dunque per i granata, che possono gestire il risultato e la differente condizione atletica. L’unico brivido per il portiere Padelli arriva al 16′, quando Vives commette fallo in area e viene espulso dall’arbitro olandese Gozubuyuk. Sul dischetto si presenta Rexhepi, che ha l’opportunità di accorciare, ma spara alto. Tra una settimana esatta il ritorno a Torino. Ma è quasi una formalità.

Condividi: